Swisscom ad un passo da Fastweb

News inserita da:

Fonte: La Repubblica

I
Internet e Tv
  sabato, 10 marzo 2007
 00:00

Un altro pezzo delle tic italiane se ne va all' estero. Dopo il passaggio di Omnitel agli inglesi di Vodafone e dopo la cessione di Wind al gruppo Orascom dell'egiziano Naguib Sawiris, è ora la volta di Fastweb.

A meno di sorprese nelle prossime ore, il secondo operatore italiano nella telefonia fissa con oltre un milione di clienti - nonché il primo ad aver offerto servizi tv attraverso la banda larga - appare destinato a finire sotto la bandiera rossocrociata.

Già all'inizio della prossima settimana, Swisscom - leader del mercato nella telefonia fissa e mobile in Svizzera - sarebbe pronta a lanciare un' Opa totalitaria su Fastweb. Si tratta di un'operazione dal valore compreso tra 3,5 e i 4 miliardi di euro.

I primi colloqui tra il primo operatore elvetico e il gruppo guidato dall'ex manager di Omnitel Silvio Scaglia (che controlla ancora il 18% del capitale) risalgono a più di. un anno e mezzo fa.

Ma solo nelle ultime settimane la trattativa avrebbe avuto l'accelerazione con tutta probabilità decisiva.

Ieri pomeriggio si è tenuto un consiglio di amministrazione straordinario a Milano nel corso del quale è stato spiegato come dovrebbe awenire l'operazione e che ha dato il via all'accesso alla data room.

In questo fine settimana, gli advisor di Swisscom dovrebbero completare l'esame dei dati finanziari e contabili. Se non emergeranno particolari complicazioni, già dopodomani prima della riapertura dei mercati dovrebbero essere comunicati ai mercati i termini dell'operazione.

La compagnia svizzera dovrebbe lanciare un'offerta pubblica di acquisto sull'intero capitale. Sarebbe una delle condizioni poste da Scaglia, come - del resto - ha ribadito in un'intervista nell'ultimo numero del settimanale Panorama:

«Non ho mai accettato e mai accetterò delle offerte che non contemplino uguali condizioni per tutti i soci». Anche sei nei giorni scorsi a Londra, durante la presentazione di Babelgum (una tv via internet che offre contenuti gratuiti e a pagamento ad alta qualità), Scaglia aveva anche assicurato di non aver ricevuto «nessun serio approccio» per l'acquisto del suo pacchetto azionario.  E, anzi, aveva affermato: «Terrò le mie azioni in Fastweb in un prossimo futuro».

Quotata alla Borsa di Zurigo al New York Stock Exchange, Swisscom - che dà lavoro a quasi 17mila persone - ha dichiarato nei primi nove mesi del 2006 un fatturato di 7,2 miliardi di franchi svizzeri (pari a circa 4,5 miliardi di euro) e un utile netto che sfiora i 760 milioni di euro. Il pacchetto di maggioranza è saldamente in mano pubblica: la Confederazione Svizzera controlla infatti il 58,41% delle azioni.

Ma come mai Swisscom ha deciso di puntare sulla compagnia italiana? A parte il fatto che per Scaglia si tratta di un ritomo al passato (è nato a Lucerna), il gruppo svizzero ha necessità di crescere sui mercati esteri.

Dal primo aprile, Swisscom sarà obbligata - nei segmenti in cui occupa una posizione dominante - a mettere a disposizione della concorrenza il cosiddetto ultimo chilometro, anche se soltanto con la fine dell'anno gli utenti svizzeri potranno usufruire delle offerte dei possibili concorrenti.

Proprio a causa della sua posizione dominante nella telefonia mobile, la compagnia elvetica ha ricevuto una multa di 333 milioni di euro pari a 206 milioni di euro) da parte dell'autorità che tutela la concorrenza.

Secondo la decisione, Swisscom Mobile ha imposto «un prezzo inadeguato a sfavore dei clienti finali», fissando una tassa 33,5 centesimi per minuto giudicata troppa elevata.

Il lancio dell'eventuale Opa arriva così a un passo dall'interrogatorio di Scaglia davanti ai giudici di Roma previsto per martedì prossimo: la procura della capitale lo ha indagato assieme ad altri manager.

Secondo l'inchiesta, Fastweb -ma anche altre società di tlc - si sarebbero prestate a scambiare traffico con una serie di società denominate "cartiere" che offrivano alle compagnie telefoniche servizi a valore aggiunto che permettevano, a chi era disposto aveicolarli, fatturato facile e ampi margini di guadagno, superiori a quelli di mercato.

Ci sarà anche lavoro per la Consob: ieri pomeriggio a un'ora dalla chiusura delle contrattazioni il titolo è schizzato fino a chiudere in rialzo del 6,57% a quota 42 euro. Soltanto il mese scorso, Scaglia aveva ceduto un pacchetto del 6,5% del capitale al prezzo di 44.4 euro.

Luca Pagni
per "Repubblica"

Ultimi Video

  • Spot TIM - Il calcio, la piu grande passione degli italiani

    Spot TIM - Il calcio, la piu grande passione degli italiani

    TIM dedica al calcio il suo nuovo spot istituzionale che racconta oltre 100 anni della più grande passione sportiva degli italiani, attraverso l’evoluzione dei mezzi di comunicazione nel ...
    T
    Televisione
      mercoledì, 16 giugno 2021
  • Secondo video tutorial (Risintonizzazione) verso digitale terrestre DVB-T2

    Secondo video tutorial (Risintonizzazione) verso digitale terrestre DVB-T2

    Nel corso del 2021, si attuerà progressivamente il processo di riorganizzazione delle frequenze tra emittenti televisive con conseguente necessità per gli utenti di dover risintonizzare ...
    D
    Digitale Terrestre
      martedì, 09 marzo 2021
  • Tech Talk Ott & Streaming 9 Marzo 2021 (diretta)

    Tech Talk Ott & Streaming 9 Marzo 2021 (diretta)

    24esimo appuntamento in diretta streaming con i TECH TALK, organizzati da Comunicare Digitale in collaborazione con Digital-News.it. Un percorso di informazione con edizioni anche in lingua inglese e ...
    T
    Televisione
      martedì, 09 marzo 2021

Palinsesti TV