Manuela Arcuri: 'Senza Panariello, adesso dove sarei?'

News inserita da:

Fonte: La Nazione

T
Televisione
  giovedì, 21 giugno 2007
 00:00

Firenze, Pitti Uomo. In uno stand, una strana agitazione. Lo stand è quello di Rocco Barocco, napoletano, re del fashion «optical». L'agitazione è perché lì c'è Manuela Arcuri. Temperatura: mille gradi centigradi. Non si respira. Rivoli di sudore si avviano, vigliacchi, dentro la scollatura di Manuela. E' vestita di nero, maglietta con disegni, pantaloni neri, sandali leggerissimi.

Manuela ArcuriManuela, quando vi siete conosciuti con Rocco Barocco?
«All'inizio, più di dieci anni fa, quando ero una ragazzotta di Latina! Dovevo fare un programma televisivo, Sanremo estate. E Rocco mi vestì per quel programma. Per me era un sogno: e ho trovato anche una persona che ama creare insieme alle persone. Insieme, ci siamo inventati delle bandane, delle minigonne, uno stile per me. Da allora, non ci siamo più persi di vista».

Che cosa le piace di Rocco, dello stile con cui veste le persone?
«Il fatto che è sempre moderno, sportivo, vitale. Mi piace il suo lavoro sui bianchi e sui neri, da sempre i colori che preferisco».

Ma a lei quale capo di abbigliamento la fa impazzire?
«I corpetti! I bustini. Insomma, tutto quello che va dall'ombelico al decolleté».

Tra poco la vedremo in televisione? E con quale tipo di vestiti?
«Ho finito di girare una miniserie per Canale 5: Io non dimentico. La serie è ambientata a metà degli anni Sessanta a Napoli e dunque sì che giriamo in costume! I miei sono vestiti di popolana anni '60. Una ragazza povera, di paese, che in un mondo dominato dalla camorra sposa l'uomo giusto, e diventa "signora". Lui è Sergio Muniz: ma nel film c'è anche un mostro sacro come Giancarlo Giannini, Elena Russo, Angela Molina e Brando Giorgi... Insomma, vedrai! Secondo me è una cosa bellissima».

La miniserie, prodotta dalla Janus di Alberto Tarallo, diretta da Luciano Odorisio, andrà in onda in autunno. Le vacanze dove saranno?
«Ah, le vacanze... Punto dolente, perché io vorrei andare in un posto tutto mare, sole, spiaggia bianca, ho voglia di nuotare, di riposarmi... Ma tra poco c'è un nuovo set!».

Un'altra serie televisiva?
«Sì: una fiction in quattro puntate, sempre per Canale 5. Si chiama Una moglie a pezzi, e la dirigerà Alessandro Benvenuti insieme a Vincenzo Terracciano. Sarà una sophisticated comedy, come si dice... Una commedia brillante, tutta giocata sull'ironia. Nel cast c'è anche Nancy Brilli, ed altre attrici straordinarie!».

Girerete fra poco?
«Sì, dal 20 luglio, a Lecce e a Roma. E Alessandro Benvenuti farà anche un piccolo ruolo nella serie. Sarà pronta il prossimo febbraio, credo. Sempre per Canale 5».

E sempre in tv, vedremo Manuela Arcuri a settembre, in una partecipazione a Caterina e le sue figlie 2. Manuela, quali sono i suoi rapporti con la Toscana?
«Di amore, forassimo. Venivo in vacanza a Firenze da piccola, mi piace tutto quello che si cucina in Toscana, e poi qui, in Toscana, ho esordito come attrice. Se non c'era Giorgio Panariello che mi "scopriva", che mi lanciava in Bagno Maria -, dove sarei adesso? Ricordo le riprese, in Versilia, l'anteprima a Pietrasanta come dei momenti bellissimi. E poi, certo, Livorno. Ma quella è un'altra storia».

Giovanni Bogani
per "La Nazione"

Ultimi Video

Palinsesti TV