Digitale terrestre e gestione dello spettro

News inserita da:

Fonte: www.key4biz.it

D
Digitale Terrestre
  giovedì, 29 marzo 2007
 00:00
Da tempo ormai, lo spettro delle frequenze è considerato come una risorsa finita, pertanto preziosa e sottoposta alla regolamentazione degli Stati. I nuovi standard di compressione hanno cambiato le modalità di distribuzione e consentono un uso completo e più efficace dello spettro.

Nel contesto del passaggio al digitale, un nuovo Rapporto dell'Osservatorio europeo dell'audiovisivo, elaborato da Nicola Weißenborn dell'Institute of European Media Law, affronta il tema dell'accesso alle frequenze.

Lo Studio offre uno spaccato sui principali aspetti tecnologici legati all'uso delle frequenze e si sofferma sui differenti modelli di regolamentazione dello spettro a livello europeo e internazionale, per esaminare infine le nuove questioni aperte dal passaggio al digitale.

La Ricerca si apre con la presentazione dei diversi strumenti giuridici che garantiscono il diritto dei broadcaster ad accedere alle varie forme di trasmissione. Il riferimento va all'articolo 10.1 della Convenzione europea sui Diritti umani, ma anche all'articolo 49 del Trattato CE, ma ricorda che questo diritto "non è illimitato".

Weißenborn sottolinea che la gestione dello spettro disponibile coinvolge una serie di questioni giuridiche, "che vanno dalla considerazione di un servizio universale alla limitazione dell'uso per evitare interferenze, fino alla protezione durante la fase di switch-over".

Vengono anche esaminati gli aspetti propriamente tecnici della trasmissione di contenuti attraverso lo spettro. Dalla definizione delle frequenze e del campo di applicazione delle diverse gamme di frequenze, lo Studio si interessa in seguito alle particolarità della trasmissione digitale che "consente di razionalizzare e accelerare i processi di trattamento dei dati e di rendere più efficace lo spettro delle frequenze disponibili". Questo apre la possibilità di moltiplicare gli accessi, il cosiddetto multiplexing, grazie alla trasmissione digitale.

Il Rapporto presenta anche gli organismi internazionali responsabili della gestione delle frequenze. Sebbene la gestione dello spettro spetti in linea di principio agli Stati, un coordinamento internazionale è evidentemente necessario, visto che le frequenze di radiotrasmissione non sono sempre limitate geograficamente e alcune volte passano attraverso le frontiere nazionali.

L'International Telecommunication Union (ITU) ha il potere di intervenire internazionalmente per rimuovere le interferenze tra le stazioni radio dei diversi Paesi. La European Conference of Postal and Telecommunications Administrations (CEPT) assicura la regolazione delle frequenze a livello europeo, mentre l'Electronic Communications Committee (ECC) è impegnata ad armonizzare i piani europei delle frequenze e trovare soluzioni per integrare nuovi servizi di radiocomunicazione nello spettro.

Lo Studio propone anche un'analisi sulla gestione delle frequenze a livello nazionale, interessandosi in particolare a Germania, Francia e Gran Bretagna, che presentano modelli molto differenti di gestione dello spettro. Il quadro giuridico tedesco riflette la struttura federale del Paese. Il framework per quanto riguarda le tlc, come la gestione di questo settore, sono di competenza del governo federale, mentre il sistema di radiotrasmissione è organizzato per Länder.

In Francia, l'Agenzia nazionale delle Frequenze (ANF) fissa un piano nazionale di ripartizione delle bande che è in seguito approvato dal Consiglio Superiore dell'Audiovisivo (CSA) e dall'Autorità di regolamentazione delle comunicazioni elettroniche e delle poste (ARCEP), prima d'essere adottato dal Primo Ministro con un decreto. Nel sistema britannico, l'intero settore delle comunicazioni è di competenza dell'Office of Communication (Ofcom).

Nella parte finale del Rapporto sono esaminate le recenti tendenze nella gestione delle frequenze. Al fine di seguire l'evoluzione del mercato ed essere in linea con l'aumento di domanda, la Commissione Ue tende da qualche tempo a favorire un approccio più orientato al mercato per gestire lo spettro delle frequenze.

Questa strategia mira a offrire una maggiore libertà ai principali attori del mercato, inquadrando l'uso dello spettro e consentendo il commercio dei diritti d'accesso. Weißenborn conclude sostenendo che a dispetto delle recenti tendenze di liberalizzazione delle frequenze, "...restano ancora alcuni aspetti (...) in attesa di regolamentazione".

Ultimi Video

  • Tech Talk Connect 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020

    Tech Talk Connect 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020

    Comunicare Digitale è orgogliosa di annunciare la partenza dei nuovi appuntamenti di TECH TALK, a partire dal 10 Settembre 2020. 5 appuntamenti a Settembre, 7 ad Ottobre, con edizioni anche in ...
    T
    Televisione
      giovedì, 10 settembre 2020
  • Ilaria D'Amico, il saluto a Sky Sport

    Ilaria D'Amico, il saluto a Sky Sport

    Dopo 18 anni, Ilaria d'Amico, storica conduttrice di Sky Calcio Show e di Champions League Show ha deciso di intraprendere un nuovo percorso professionale, sempre a Sky, allontanandosi dal calcio...
    S
    Sky
      lunedì, 24 agosto 2020
  • Sky Upfront 2020, Back to Next | Presentazione Palinsesti Sky 2020-2021

    Sky Upfront 2020, Back to Next | Presentazione Palinsesti Sky 2020-2021

    Enrico Papi al piano per aprire gli UpFront Sky 2020. Quello che non ti aspetti per una nuova stagione che non ti aspetti. Tra conferme e sorprese, qualità e innovazione, con lo sguardo sempre ...
    S
    Sky
      mercoledì, 22 luglio 2020

Palinsesti TV