La nuova frontiera Usa ad alta definizione: Tivo

News inserita da:

Fonte: Il Mondo

H
HDTV e 3D
  domenica, 02 settembre 2007
 00:00

Tivo HDQuando ho scritto un paio di mesi fa a proposito della nuova generazione di decoder consumer friendly per la tv via cavo, sognavo di liberarmi dal groviglio di scatole, cavi e telecomandi che trasformano il sistema video in una gran confusione.

Il nuovo Tivo Hd non risponde del tutto ai miei desideri, ma vi si avvicina abbastanza. Ed è un precursore di migliorie che arriveranno presto.

Il Tivo Hd costa negli Usa 300 dollari (circa 220 euro) oltre a un canone mensile di 17 dollari (circa 12 euro), che può essere ridotto con un pagamento iniziale o con un contratto pluriennale.

È il primo apparecchio di registrazione del genere ad arrivare sul mercato, dall'introduzione, nel luglio scorso, delle nuove regole della Commissione federale per le comunicazioni, che rendono più semplice per gli utenti acquistare il decoder preferito (anziché quello proposto dalla tv via cavo, ndt).

In teoria, gli abbonati alla tv via cavo oggi dovrebbero poter acquistare un set-top box in un negozio al dettaglio, ricevere dalla società della tv via cavo un piccolo apparecchio (o due, come nel caso del Tivo) chiamato Cable-card, collegare il tutto ed essere pronti e operativi. La realtà è un po' diversa: agli installatori di Comcast sono occorsi due viaggi a casa mia, per un totale di quattro ore di lavoro, ed estenuanti colloqui con i tecnici di Tivo per riuscire a far funzionare l'apparecchio correttamente.

La legge non può far niente a questo proposito. Gli operatori delle tv via cavo e la loro divisione di ricerca, Cablelabs, devono rendere gli apparecchi plug-and-play o i costi saranno insostenibili. Una volta in funzione, il Tivo è stato una delizia. Il modello Hd ha la maggior parte delle funzionalità del Tivo serie 3, a meno della metà del prezzo.

Permette di eliminare il decoder della tv via cavo, registrare uno spettacolo mentre se ne guarda un altro o registrarne due contemporaneamente. C'è un difetto, relativamente tollerabile: il sistema è privo dell'output audio di alta qualità Thx. È in grado di registrare fino a un massimo di 20 ore di programmi in alta definizione, contro le 32 ore della serie 3. E come tutti gli altri prodotti Ca-blccard di terze parti, non è in grado di gestire programmi on-demand o pay-per-view.

Continua sempre a stupirmi il fatto che, otto anni dopo il lancio del primo Tivo, le tv via cavo e i due maggiori costruttori di decoder, Motorola e Scientific Atlanta, di Cisco, non sono mai riusciti a produrre un apparecchio altrettanto facile del Tivo.

Che è avanti anni luce rispetto ai migliori set-top box delle tv via cavo con la sua velocità di risposta agli input del telecomando, con la sua guida ai programmi ben organizzata e facile da cercare, e l'avanzamento veloce che è davvero veloce. Prodotti come l'Hd hanno aperto a Tivo uno spiraglio nel mondo emergente della Internet tv, anche se in modo limitato.

Si possono ottenere informazioni sul traffico e il meteo locale e scambiare foto attraverso Yahoo! e si possono anche caricare i propri video amatoriali sul sito di video-sharing One true media. Se vi dimenticate di programmare una registrazione prima di uscire, lo potete fare dall'ufficio, attraverso il sito web di Tivo. Potete verificare i calendari dei cinema e acquistare i biglietti via Fandango. E potete noleggiare o acquistare un film dal servizio di download Unbox di Amazon.com.

Il servizio universale di ricerca Swivel vi permette di scandagliare in un colpo solo sia il database del sistema via cavo sia le fonti Internet. Purtroppo, molti contenuti del web non sono accessibili: fra questi Youtubc e siti come Comedy centrai del network Viacom. E per quanto Tivo offra qualche podcast, non riesce ad avvicinarsi alla varietà di podcast audio e video disponibili attraverso la Apple tv.

L'assenza di un lettore dvd sul Tivo implica che occorre aggiungere un altro elemento al sistema video e rende il processo di archiviazione dei programmi registrati più complicato di quanto dovrebbe. Per quel che vale, il Tivo Hd è dotato di un'arcaica funzione «salva sul registratore».

Tutti questi sono tuttavia difetti da nulla. Il Tivo Hd costituisce un enorme passo avanti nella direzione di fornire ai consumatori decoder economici che siano al contempo facili da usare e più ricchi di quelli offerti finora dalle società via cavo. In verità, il successo dell'approccio di Tivo è tale che sta cominciando a contagiare gli operatori via cavo.

Entro fine anno alcuni fortunati abbonati Comcast del New England riceveranno decoder Motorola con software Tivo. Sembra l'inizio di un'era di vera concorrenza, che ci permetterà di scegliere come vivere l'intrattenimento video.

Stephen Wildstro - BusinessWeek
per "Il Mondo"
(31/8/07)

Ultimi Video

Palinsesti TV