Schermaglie (Repubblica) - Pellegatti e i segreti di Ronaldo

News inserita da:

Fonte: La Repubblica

S
Sport
  lunedì, 17 dicembre 2007
 00:00

Ronaldo*** Romano Prodi è ospite alla sera da Fabio Fazio. Berlusconi, svelto come un gatto, lo precede e va a festeggiare a Controcampo due ore prima. In contemporanea, per farsi notare, Montezemolo a Domenica In si mette a cantare "Sapore di sale" per scopi Telethon-benefici.

*** Carlo Pellegatti pressoché in estasi mistica nel dopo gara giapponese arpiona Ronaldo, l'unico con la faccia triste, e cerca di scuoterlo: «La gente ha voglia di Ronaldo! Tu hai voglia di Ronaldo!».

*** Sabato sera, dopo Lazio-Juve, vanno in contemporanea Guida al Campionato su Italia 1 e Sabato Sprint su Raidue e nello stesso momento c'è Ranieri in collegamento dallo stadio sia in un programma che nell'altro. E in entrambe le trasmissioni gli stanno facendo domande anche dallo studio. Varie ipotesi possibili. A) Guida è registrata; B) Sabato Sprint è registrata; C) Sono registrate entrambe D); Sono entrambe in diretta (poco probabile); E) Chi se ne importa.

*** Parecchia curiosità nel processo-Calciopoli per sapere come andrà a finire la causa intentata dall'abbonato Sky di Aosta che vuole diecimila euro di risarcimento per aver pagato per assistere a "partite taroccate". Nel dubbio, meglio aver messo da parte i bollettini del canone Rai dell'ultimo mezzo secolo: sotto esame alcuni reality, una decina di grandi corse a tappe di ciclismo e il Festival di Sanremo del 1982.

*** «Adesso da dietro lo apprezziamo meglio, ecco vedete, è anche passato tra le gambe dell'avversario». (Luca Marchegiani, testuale in Liverpool-Manchester, in piena fascia protetta).

*** Spazio vintage. Giovanni Trapattoni, 1990: «Non possiamo fare i coccodrilli e piangere sul latte versato e sulle uova mangiate».

*** Spazio vintage/2. Anni Ottanta, domanda a fine gara: «E' stata una bella partita, ma il gioco è scemato nel secondo tempo». Altobelli: «Io capisco le critiche ma non posso accettare gli insulti».

*** Spazio vintage/3. Primi anni Novanta, il giallorosso Hassler a fine gara: «Il nostro scopo era quello di non prendere gol e ci siamo riusciti molto bene finché loro non hanno segnato il primo gol».

***«Il pallone si incolla al piede di Robben come il magnete alla porta del frigorifero». (Marco Foroni, Real Madrid-Lazio)

Antonio Dipollina
per "La Repubblica"

Ultimi Video

Palinsesti TV