Pierluigi Pardo a Giffoni: «La telecronaca di una partita è emozione».

Pierluigi Pardo a Giffoni: «La telecronaca di una partita è emozione».

News inserita da:

Fonte: Digital-News (com.stampa) / Adnkronos

S
Sport
  giovedì, 20 agosto 2020
 21:47

Pierluigi Pardo a Giffoni: «La telecronaca di una partita è emozione».Sta in piedi Pierluigi Pardo, occupa lo spazio, si muove e insieme racconta, nel solco di un lavoro antico e destinato al futuro, portando con sé i giffoner, esattamente come accade con gli spettatori, proiettati al centro del gioco come fosse una partita. Fare una telecronaca, in questo senso, è un fatto quasi musicale, smile ad un rap.

«Per me è il lavoro più bello del mondo dopo la rockstar - spiega a Giffoni Impact - la fatica non la sento, anche se la partita non è di altissimo livello la telecronaca è emozione, ti dà un’illusione di essere in campo direttamente. Io ho fatto il bordocampo, le interviste, lo studio, i talk show. Ma il match è l’essenza».

Il percorso, come per ogni sogno che si rispetti, è irto di ostacoli. «Bisogna crederci, studiare ed essere intraprendenti, con la passione sempre al centro - spiega Pardo - Ci sono state due svolte nella mia vita. La prima, mentre studiavo per la maturità. Il fidanzato di un’amica scriveva un articolo per il Tempo, serviva qualcuno che seguisse una partita di pallanuoto, e mi offrii. Poi c’è stata Telepiù. Feci il doppiaggio di Inghilterra Scozia, mandai la cassetta dall’Inghilterra, dov’ero in Erasmus, e mi presero».

Per il tipo di professione, la telecronaca e le conduzioni, le notizie passano in secondo piano.

«Serve costruire una credibilità con i protagonisti diretti, rapporti e rispetto. Cassano è stato mio testimone di nozze, io gli dico in faccia cosa ha sbagliato, siamo amici gli voglio bene. Non cerco mai lo scoop, le polemiche, e tendo a proteggere i miei ospiti».

Pardo ribadisce l’importanza dello studio, l’evoluzione di un mestiere.

«Nella vita professionale un telecronista tifa per sé stesso, nel senso che l’obiettivo è raccontare con passione. Se succede Barcellona-Paris Saint Germain, in questo senso una grande partita è una grande opportunità, ma vale anche per Brescia Genoa o per le serie minori. Invece in Champions tifo per le italiane. Sempre».

Sull’onda di un’ora portata avanti a gran ritmo, con ironia e coinvolgimento, Pardo rappresenta il cuore del giornalismo sportivo.

«L’estetica di una voce, il ritmo, la forza, sono fondamentali. Se ti diverti il pubblico se ne accorge. Soprattutto, il calcio può sorprenderti sempre. Per questo raccontare le partite mi piace».

Passaggio di testimone sul palco della masterclass Impact del Giffoni Film Festival tra Pierluigi Pardo e Piero Chiambretti che condurrà nella prossima stagione 'Tiki Taka' su Italia 1, programma cult del calcio in tv che lo scorso anno ha superato l'8% di share con particolare successo tra i giovani. Attraverso dei messaggi vocali di whatsapp del giornalista Paolo Giordano de Il Giornale (moderatore della masterclass in cui Pierluigi Pardo era protagonista) i due personaggi tv si sono scambiati battute reciproche in un vero e proprio passaggio di testimone.

«Dammi qualche consiglio per non rovinare il tuo Tikitaka», ha chiesto Chiambretti a Pardo che dal palco gli ha risposto con un grande in bocca al lupo e c'ha scherzato su. «Andrai benissimo. Ma ricorda che il pubblico di Tiki è abituato ad un conduttore con qualche chilo in più. Un pò di amatriciana, cacio e pepe, un filo di accento romano e vedrai che andrai benissimo».

Pardo ha poi aggiunto:

«Sono felice e orgoglioso, dopo averlo fondato sette anni fa e averlo portato al successo, ho fatto una scelta diversa, quella di dedicarmi alle telecronache e progettare nuove idee. Sapere che dopo di me arriva un grande della televisione come Piero mi fa davvero molto piacere».

Poco dopo sempre con un messaggio vocale, Chiambretti ha risposto scherzosamente:

«Scusate se non ho subito risposto, ma stavo già mangiando. Per me è un piacere continuare il progetto di Pierluigi e spero potrà essere ospite del 'suo programma' nel mio...sperando che entri dalla porta! Lo aspetto quando vorrà in studio».

Tiki Taka è lo storico talk show sul calcio di Mediaset, ideato e condotto dal giornalista sportivo Pierluigi Pardo, che dopo 6 stagioni di grande successo quest'anno sarà condotto per la prima volta dal conduttore torinese Piero Chiambretti.

Ultimi Video

Palinsesti TV