Il capo dei capi: la cattura di Riina, un giallo in tv

News inserita da:

Fonte: La Repubblica

T
Televisione
  giovedì, 02 agosto 2007
 00:00
Il cantiere è alla periferia di Catania, soffocata dai palazzoni, una selva di antenne paraboliche sui balconi al posto dei gerani. Teresa tiene il bambino in braccio, si guarda intorno. Dovrebbe sentirsi sicura, è un poliziotto ad accompagnarla a visitare il nuovo appartamento. Da quando il marito dà la caccia a Totò Rima, vive in allarme: lui non l'ha avvisata che andava a prenderla un collega. Sale, in ascensore, la trappola della mafia è scattata.
 
Il regista Alexis Sweet segue la scena dietro il monitor, insieme a Enzo Monteleone dirige la saga in sei episodi più attesa della prossima stagione di Canale 5, Il capo dei capi, cinquant'anni di mafia raccontati come un romanzo. Tratta dai libro omonimo di Attilio Bolzoni e Giuseppe D'Avanzo, la serie prodotta da Pietro Valsecchi racconta ascesa e caduta di Totò Riina, Liggio, Provenzano, Bagarella, la mafia agricola di Corleone, i "viddani" contro i mafiosi in cravatta coi rubinetti d'oro negli appartamenti di Palermo, le stragi, l'attacco allo Stato, il patto con la politica.
 
«È un lavoro gigantesco» dice Monteleone «perché tanti episodi li abbiamo dimenticati, tanti morti, tanti delitti, un elenco lunghissimo di nomi. Rileggendo libri e giornali, mi sono chiesto: "Ma io dov'ero?"». Un lavoro complesso per gli sceneggiatori — Claudio Fava, Stefano Bises, Domenico Starnone con la supervisione di Stefano Rulli — che si sono inventati un antagonista per tenere il filo del racconto: Biagio Schirò, interpretato da Daniele Liotti, è il poliziotto che da ragazzino gioca con Riina e da adulto gli dà la caccia. Un'ossessione che segnerà la sua vita.
 
Totò Riina ha il volto di Claudio Gioè, palermitano, talento scelto da Giordana per I cento passi. Nel film su Borsellino era il procuratore Ingroia. «Da siciliano sento molto il film» spiega l'attore «con una serie così lunga abbiamo modo di sviluppare i personaggi, l'irresistibile ascesa di Totò u curtu parte da Corleone. A 19 anni uccide un coetaneo in una rissa, poi forma il suo gruppo. Lui rappresenta la mafia con le scarpe sporche di terra, che dalla campagna parte alla conquista di Palermo. Un'escalation che passa per la Strage di Viale Lazio, il contrabbando, il traffico di droga, gli appalti pubblici. Il padre di Riina muore col fratello di Totò perché gli scoppia tra le mani una bomba trovata in un campo. Stava cercando di aprirla per vendere la polvere e il ferro, Riina dice: "Non l'ha ammazzato la bomba, l'ha ucciso la fame". Diventa il capofamiglia: il primo nemico con cui combatte è la miseria. È un uomo violento, brutale, uccide un uomo con uno stinco di bue. La serie spiega come, a parità di nascita, si fanno scelte di vita diverse: in una scena dico a Biagio, che diventerà poliziotto: "Devi stare da una parte o dall'altra. In mezzo non ci puoi stare, in mezzo ci stanno quelli che si scantano", quelli che hanno paura».
 
Daniele Liotti è Biagio Schirò: «Per Biagio catturare Riina diventa una ragione di vita» racconta l'attore «è l'unico che lo conosce, giocavano insieme, guarda e riguardale sue foto come se dovesse fargli sentire il fiato sul collo. Essere poliziotti in un paese in cui comanda la mafia significa mettere in conto la solitudine, le difficoltà, Biagio verrà abbandonato dalla moglie, una separazione che lo segna. In una scena molto bella si ritrova faccia a faccia col nemico di una vita: "Totò, tu dicevi che tuo padre l'ha ucciso la fame, ma tu ti sei mangiato tutto"».
 
Sull'arresto di Riina restano molti dubbi: «Nella serie c'è la cattura di Riina, naturalmente» spiega Gioè «ma dietro agli applausi per l'arresto di un latitante pericoloso per molti è rimasta un'ombra. Non lo dico io ma i giornalisti, gli inquirenti; che ci sia stato un patto malioso, che qualcuno abbia voluto consegnare Riina, ormai diventato ingovernabile. Bolzoni e D'Avanzo spiegano bene la differenza tra i boss. Provenzano non è d'accordo con Riina quando sferra l'attacco allo Stato, si pone come "mediatore", mentre Riina è quello che dà gli ordini».
 
Grande cast (Salvatore Lazzaro, Simona Cavallari, Massimo Venturiello, Paolo Ricca, Gioia Spaziarli, Marco Leonardi, Luca Angeletri, Pierluigi Misasi, Dario Da Silvia, Cario Carrier, Claudio Angelini, Gaetano Aronica, Andrea Tidona), II capo dei capi non offrirà un ritratto romantico della mafia, rischio che corrono molte fiction e di cui si sono lamentati i magistrati, ultimo il procuratore di Palermo Antonio Ingroia. «Spieghiamo come nasce un criminale» racconta Alexis Sweet «quali sono i meccanismi mafiosi, come ha fatto un pugno di uomini atenere in scacco l'Italia. Ma la figura di Biagio Schirò ci dà l'opportunità di ricordare tutte le vittime di Riina, la frustrazione e le vittorie conquistate a fatica di chi sta dalla parte della giustizia. Il fascino del male esiste, c'è una letteratura. Noi cerchiamo di capire come una persona può diventare un mostro».
 
Silvia Fumarola
per "La Repubblica"

Ultimi Video

  • Tech Talk Connect 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020

    Tech Talk Connect 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020

    Comunicare Digitale è orgogliosa di annunciare la partenza dei nuovi appuntamenti di TECH TALK, a partire dal 10 Settembre 2020. 5 appuntamenti a Settembre, 7 ad Ottobre, con edizioni anche in ...
    T
    Televisione
      giovedì, 10 settembre 2020
  • Ilaria D'Amico, il saluto a Sky Sport

    Ilaria D'Amico, il saluto a Sky Sport

    Dopo 18 anni, Ilaria d'Amico, storica conduttrice di Sky Calcio Show e di Champions League Show ha deciso di intraprendere un nuovo percorso professionale, sempre a Sky, allontanandosi dal calcio...
    S
    Sky
      lunedì, 24 agosto 2020
  • Sky Upfront 2020, Back to Next | Presentazione Palinsesti Sky 2020-2021

    Sky Upfront 2020, Back to Next | Presentazione Palinsesti Sky 2020-2021

    Enrico Papi al piano per aprire gli UpFront Sky 2020. Quello che non ti aspetti per una nuova stagione che non ti aspetti. Tra conferme e sorprese, qualità e innovazione, con lo sguardo sempre ...
    S
    Sky
      mercoledì, 22 luglio 2020

Palinsesti TV