Gli autogol della Rai: i no alla Ventura, Fiorello a rischio..

News inserita da:

Fonte: Libero

T
Televisione
  giovedì, 03 gennaio 2008
 00:00
Santo cielo. Non bastavano le polemiche sui tagli, i conti andati a male e le beghe che dilaniano il Cda. Adesso la Rai rischia addirittura di giocarsi il suo grande asso nella manica: Fiorello. Perché si dà il caso che, al momento, il suo show rischi la cancellazione.
 
La prima avvisaglia di questo male oscuro, annidatosi tra le maglie editoriali della Rai, lo si aveva avuto prima di Natale, quando il ritorno catodico di Fiorello era stato posticipato. Il suo varietà passava dal 9 al 14 gennaio. Poi, a ridosso di Capodanno è esploso il bubbone: Fiorello è sbottato, minacciando di mandare in cantina il suo progetto tv. Pare che a fare infuriare lo show man sia stato il trattamento di serie B riservatogli dai vertici di Raiuno. Il mattatore di "Viva Radio 2" si sarebbe lamentano con l'azienda della scarsa promozione pubblicitaria, ai suoi occhi di gran lunga inferiore a quella garantita ad Adriano Celentano e Roberto Benigni. Fiore si aspettava più promo, maggiori spot.
 
QUESTIONE DI SPOT  -  Capricci da divi, verrebbe da pensare. Invece no. Secondo indiscrezioni rimbalzate on line, la Rai sarebbe impegnata in un vero e proprio baratto televisivo con Fiorello. La proposta avanzata è: scarsa promozione adesso, in cambio di un super show in autunno. Un comportamento, quello della Rai, suffragato da una ragion di stato: lo show di Fiorello sarà anche il più corto della storia, ma il suo formato non è contemplato dall'Auditel. Il che lo rende poco appetibile agli occhi degli inserzionisti. Per di più, se inserito fuori dal periodo di garanzia. Perché quindi, ragionano a Raiuno, sprecare soldi in spot promozionali? Un bel pasticcio, non c'è che dire. Probabilmente a sbrogliare l'intricata matassa ci penserà Bibi Ballandi. Il produttore cercherà di calere tra i contendenti come un deus ex machina, appianando le tensioni. E forse alla fine lo show si farà. Vero è che l'intoppo la dice lunga sulla lungimiranza di Raiuno. Che non è nuova agli autogol editoriali.
 
IL RIFIUTO A SIMONA  -  Nel solo 2007, per esempio, a carico dell'ammiraglia Rai si possono elencare almeno due scelte sbagliate e un clamoroso scippo. Il primo errore riguarda l'ingaggio mancato di Simona Ventura. A lei la rete ha negato, sul filo di lana, la conduzione di   "Miss Italia". Sposando la visione della figlia del patron, Patrizia Mirigliani, Raiuno ha giudicato inappropriata la presenza di SuperSimo nella kermesse, preferendole Loretta Goggi. Il resto è storia nota. Eppure la dirigenza Rai non deve aver realmente afferrato la lezione, visto che ha ribadito il ben servito a Miss Ventura. Dopo il buon esito su Raidue con "Isola dei Famosi", la conduttrice aveva infatti dichiarato di sognare una prima serata su Raiuno. Magari alla guida di un rinato "Musichiere". Niente: non se ne parla, il canale ha risposto picche. Il programma, agli occhi del direttore Fabrizio Del Noce, non appare adatto alle corde di SuperSimo, la cui verve risulta poco gradita al pubblico maturo di Raiuno. La show girl deve quindi arrendersi e attendere tempi più propizi.
 
Come se non bastasse, a rincarare la dose ci pensa Antonello Riva. Il figlio dello storico conduttore ha sentenziato che SuperSimo risulta totalmente inadeguata al mezzo televisivo, sprovvista com'è delle regole della comunicazione. Un suo ingaggio per il "Musichiere"   sarebbe pertanto sconsigliabile.

SCIPPO CUCCARINI  -  Ma Simona Ventura, nei suoi patimenti amorosi verso la sospirata Raiuno, è in buona compagnia. Ad anelare all'ammiraglia (con scarso esito) c'è un'altra respinta eccellente: Lorella Cuccarini. Che la Rai è riuscita a farsi rubare dalla concorrenza. Coccolata da un paterno Pippo Baudo, la showgirl aveva fatto capolino nel palinsesto pomeridiano di Raiuno, sotto le feste natalizie. La sua presenza a "Domenica In" lasciava presagire un ritorno in pompa magna. Ebbene, la più amata dagli italiani tornerà. Ma non da mamma Rai: la Cuccarini sarà per Mediaset la mattatrice di "La sai l'ultima?", accanto a Massimo Boldi. Un vero peccato per la Rai, che perde così una preziosa professionista.
 
LA PERDITA DI PAOLO  -  L'elenco delle occasioni mancate, comunque, potrebbe continuare. Per non infierire, citiamo "solo" una tripletta d'oro ceduta alla concorrenza: Paolo Bonolis, Amadeus e Mike Bongiorno. A onor del vero, per questi tre volti tv, non sempre le sorti dall'altra parte della barricata sono state più felici. Ma è significativo notare che siano traghettati verso nuovi lidi proprio all'apice della loro carriera in Rai. Bonolis, per esempio, ha smesso di militare per il servizio pubblico dopo avere sbancato con i pacchi di "Affari tuoi". Amadeus si era ormai affermato in Rai come l'uomo de "L'eredità". Eppure l'ammiraglia, a suo tempo, gli ha negato la promozione in prima serata. Da qui, gli scontri e il passaggio di Amadeus alla concorrenza. E poi, c'è lui: Mike Bongiorno, passato a Mediaset nel giugno 1982. Prima di questa data, aveva tenuto a battesimo diverse trasmissioni culto, tra cui il primo quiz della storia tv. Un cavallo di battaglia davvero prezioso.
 
CARRÀ, LA SUPERSTITE  -  Sembra quasi che Raiuno fatichi a tenersi stretta i propri volti storici. Tanto che viene da temere per le sorti professionali di Raffaella Carrà: ci manca solo che il canale, intrappolato in nuove polemiche, si lasci sfuggire anche lei. Per ora, comunque, sembra avercela in saccoccia. Ben custodita. Anche se, inspiegabilmente, non intende usarla prima dell'autunno.
 

Francesca D'Angelo
per "Libero"

Ultimi Video

  • Sky Wifi, la visione del futuro

    Sky Wifi, la visione del futuro

    Solo chi ha sempre creduto nell’innovazione e nella creatività è in grado di immaginare il futuro.  E solo chi è in grado di immaginarlo può trasformare quella v...
    S
    Sky
      giovedì, 18 giugno 2020
  • ** 5G Tech Talk 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020 **

    ** 5G Tech Talk 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020 **

    La sfida Cina – Stati Uniti, il ruolo dell’Europa, il nuovo ruolo delle città intelligenti e le opportunità nei settori del turismo, della cultura, dei trasporti e dell&rsquo...
    S
    Satellite
      mercoledì, 20 maggio 2020
  • ** Switch Off Tech Talk 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020 **

    ** Switch Off Tech Talk 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020 **

    Ecco il primo Tech Talk organizzato da Comunicare Digitale in collaborazione con Natlive. Personalità di grandissimo livello si sono confrontate Martedì 28 Aprile per questo primo approf...
    D
    Digitale Terrestre
      martedì, 28 aprile 2020

Palinsesti TV