Borders: l'approfondimento in seconda serata realizzato da Italia 1

News inserita da:

Fonte: Digital-Sat (com.stampa)

T
Televisione
  sabato, 20 dicembre 2008
 00:00
Sabato 20 dicembre 2008, alle ore 23.10, prende il via “BORDERS”, il nuovo programma di approfondimento firmato dal direttore di Studio Aperto Giorgio Mulè e realizzato dalla redazione del tg di Italia 1.

Quattro  sono le puntate previste per un programma di pura sperimentazione che vuole raccontare storie che sono “ai margini”, utilizzando reportage realizzati dal canale inglese Channel4 e da servizi della redazione di Studio Aperto che raccontano le storie italiane.
Il nuovo format comprende una prima parte in cui viene affrontato il tema della puntata attraverso le storie inglesi per poi, nella seconda parte, dar spazio ai casi italiani che la redazione di Studio Aperto segue e filma dallo scorso marzo.

Come si vive prigionieri in un corpo di oltre mezza tonnellata e quali sono le motivazioni che spingono una persona a desiderare un peso che permetta di avere una vita normale? Cosa si nasconde nella mente di un autistico capace di ricordare nozioni e numeri ma di avere una vita piena di piccoli problemi quotidiani? Cosa scatta nella mente di un serial killer? Cosa spinge i ragazzi a realizzare e mettere in rete filmati che fanno il giro del mondo?

Storie al limite i temi dei quattro appuntamenti, di solitudine e genialità, vicine alla nostra vita di tutti i giorni ma a un passo dal confine perchè “Borders”, come dichiara il direttore Giorgio Mulè,“non è la spettacolarizzazione di sentimenti o sofferenze umane al limite ma l’analisi e l’approfondimento di storie apparentemente lontane da noi ma in realtà molto più vicine di quanto si possa immaginare” ,

Condotto in studio dalla giornalista Stefania Cavallaro, “Borders” dedica la prima puntata ai ciccioni, al mondo degli obesi, alle difficoltà della loro vita quotidiana e del faticoso percorso che hanno dovuto affrontare nello scegliere di ridurre il loro peso. L’obesità non è un problema così “ai margini” perché è in continuo aumento non solo in America ma anche in Europa tanto che recenti studi hanno attestato che metà della popolazione maschile è in soprappeso e in Italia un italiano su dieci ha problemi di linea.
Channel4 propone le storie di Patrick Deuel, che da 483 chili è sceso a 250, di Rosalie Bradford, la donna che con i suoi 540 chili e una circonferenza di 2 metri e 40 centimetri aveva vinto il guinness dei primati come la donna più grassa al mondo e di Michael Hebranko che, dopo essere riuscito a dimagrire grazie a un programma di ballo in televisione, aveva nuovamente preso peso.

La redazione di Studio Aperto racconta di casi di Giuseppe Marazzia, un leccese di oltre 300 chili che ha scelto di perdere peso e mostra nel corso dei mesi trascorsi con lui, la fatica compiuta da Giuseppe stesso e dalle persone che lo hanno aiutato, come nel momento del trasporto all’ospedale di Napoli per l’operazione, spostamento che ha richiesto la costruzione di un’apposita lettiga (quella usata per i cetacei), di una particolare ambulanza e di un aereo speciale.

C’è poi la drammatica vicenda di Elisabetta Papi, una donna che aveva scelto di raccontare attraverso le telecamere di Studio Aperto la difficile vita di una “cicciona”, la cui storia si è interrotta nel lungo cammino di conoscenza perché è venuta a mancare nello scorso luglio.

Oltre alle immagini e alla voce dei protagonisti, non mancano all’interno di “Borders” gli interventi di medici, specialisti e delle persone che vivono vicino a coloro che si sentono ai margini della società per la loro condizione.
 
Il curatore del programma è Roberta Mani, produttore esecutivo è Lorenzo Farneti mentre la regia è affidata a Mario Bruschini.

Ultimi Video

Palinsesti TV