Agcom chiede al governo data certa per passaggio a digitale

News inserita da:

Fonte: Apcom

D
Digitale Terrestre
  venerdì, 28 settembre 2007
 00:00

Proprio nella giornata in cui il governo ha inserito nel decreto di accompagnamento alla Finanziaria, una norma sulla tempistica della tv digitale, l'Autorita' delle Comunicazioni ha inviato una segnalazione all' esecutivo in cui si chiede di fissare ''al piu' presto possibile la data per il passaggio definitivo dalla tv analogica a quella digitale"

Il documento, firmato dal presidente dell'Agcom, Corrado Calabro', segnala l'opportunita' che l'Italia si allinei alle indicazioni della Commissione europea, che ha proposto agli Stati membri di accordarsi ''per fissare al 2012 il termine ultimo per l'abbandono della televisione analogica'': la data prevista dalla legge vigente e' infatti il 2008, mentre il ddl Gentiloni di riforma del sistema tv, all'esame delle commissioni Trasporti e Cultura della Camera, e con un iter parlamentare di approvazione ancora incerto, colloca lo switch off al 30 novembre 2012.

Nella segnalazione, Calabro' sottolinea che la fissazione di una data certa per il passaggio definitivo alla nuova tecnologia ''e' necessaria per orientare le iniziative e le misure occorrenti per promuoverlo operosamente'', come ha gia' ricordato la Commissione Ue in due interventi, nel 2003 e nel 2005.

Secondo l'organismo europeo, infatti, ricorda Calabro', una tempistica ben definita ''produce rilevanti effetti sulle politiche di mercato degli operatori - in relazione agli investimenti che gli stessi devono effettuare nelle nuove reti di trasmissione - e, soprattutto, sulle scelte dei consumatori, i quali devono poter pianificare la loro migrazione piuttosto che essere passivamente obbligati da questo processo di evoluzione tecnologica''.

Per di piu', sottolinea ancora il presidente dell'Agcom, alla data dello switch off ''sono legati precisi effetti giuridici che hanno rilievo sulle attivita' di regolamentazione'' dell'Autorita',in particolare la completa attuazione del piano nazionale di assegnazione delle frequenze digitali, di cui l'Agcom ha avviato la revisione il 2 agosto. Inoltre al momento dell'attuazione completa del piano, verra' meno, in base alla legge vigente, l'obbligo di cessione del 40% della capacita' trasmissiva delle reti digitali da parte degli operatori possiedono piu' di una concessione tv nazionale: altro fronte sul quale e' impegnato l'organismo di garanzia, che deve adottare il relativo disciplinare di gara.

Per questi motivi l'Autorita' segnala ''l'opportunita' che si pervenga al piu' presto possibile a una determinazione, nella competente sede legislativa, della data prevista per lo swicht-off dall'attuale normativa, auspicando che il bisogno di tempestiva certezza giuridica al riguardo trovi da parte del governo la piu' adeguata considerazione, ferma restando
- conclude Calabro' - la competenza sovrana del Parlamento nel decidere le politiche della transizione''.

Ultimi Video

Palinsesti TV