Philips, la divisione tv rimane il problema chiave dell'intero gruppo

News inserita da:

Fonte: milanofinanza.it

E
Economia
  lunedì, 28 marzo 2011
 19:52

La divisione televisiva di Philips rimane il principale problema della multinazionale olandese attiva nell'elettronica di consumo. La società ha infatti aggiornato il mercato su una delle sue principali preoccupazioni, il turnaround di una divisione da anni in difficoltà, lanciando un avvertimento sulla possibilità di tornare al profitto nel segmento di produzione degli apparecchi televisivi.

Sulla base dei recenti sviluppi del mercato, Philips ha infatti reso noto come rimanga forte la pressione sui prezzi nel mercato della televisione, con conseguente perdita operativa nel primo trimestre per il business TV. La multinazionale sta comunque agendo per ridurre ulteriormente le scorte cercando di limitare un problema che già il 24 gennaio scorso, in occasione della pubblicazione dei conti del quarto trimestre, la società aveva indicato quale maggior ostacolo alla redditività della divisione.

Nel primo trimestre i livelli di inventario sono già stati ridotti "in maniera significativa" rispetto al quarto trimestre, ma non hanno ancora raggiunto "livelli normalizzati". Philips, che ha conseguentemente previsto per il primo trimestre un Ebita negativo per 100/120 mln euro nella divisione TV, ha ribadito come la redditività delle attività televisive resti una questione importante, la cui soluzione rappresenta una prioritá assoluta per l'azienda.

Il portavoce Joost Akkermans ha però dato come improbabile il raggiungimento per la divisione del break-even nel 2011, il che rappresenta un ulteriore rinvio ai progetti di ritorno alla profittabilità annunciati l'anno scorso, l'ultima volta a dicembre. In quell'occasione Philips aveva riferito di aspettarsi un ritorno all'utile nel 2011. Nel quarto trimestre del 2010, la divisione TV ha registrato un Ebita negativo per 67 mln euro.

Ultimi Video

Palinsesti TV