Scattano oggi in tv le nuove regole della par condicio

News inserita da:

Fonte: ANSA

T
Televisione
  lunedì, 10 marzo 2008
 00:00
Niente faccia a faccia tra i candidati premier alle prossime politiche, sì a un unico 'tutti contro tutti'. E' il punto saliente dei due regolamenti - molto simili fra loro - per l'applicazione della par condicio in tv nell'ultima fase della campagna elettorale, varati dalla commissione di Vigilanza per la Rai e dall'Autorità per le garanzie nelle Comunicazioni per le emittenti private.

Le nuove norme scattano oggi, data ultima per la presentazione delle candidature, e restano in vigore fino alla mezzanotte del 14 aprile, ultimo giorno utile per il voto. La Vigilanza si è riservata di modificare il documento, in base anche alle perplessità sollevate dalla Rai, soprattutto sui costi dei programmi: in particolare le conferenze stampa dei candidati premier costerebbero a Viale Mazzini 40-50 milioni in termini di minori introiti pubblicitari, un peso insopportabile per il bilancio 2008 sul quale già gravano gli investimenti per i diritti tv degli Europei di calcio e delle Olimpiadi di Pechino. Se i commissari di San Macuto dovessero cambiare le regole, un minuto dopo farebbe altrettanto anche l'Agcom.

CONFRONTI TRA CANDIDATI PREMIER - La Rai organizza e trasmette in diretta su Raiuno, tra le 21 e le 22:30, negli ultimi 10 giorni prima del voto, una trasmissione di 90 minuti, moderata da un giornalista dell'azienda ma aperta anche ad altri giornalisti. Il confronto dovrà garantire "parità di tempo, di parola e di trattamento" e non dovrà sovrapporsi ad altri programmi di informazione. Per le tv private, organizzare tale confronto è una "facoltà", ma le modalità sono le stesse.

PROGRAMMI DI INFORMAZIONE - Per tg, gr e approfondimenti la Vigilanza richiama le norme della prima fase della par condicio: rigore nell'applicazione dei criteri di pluralismo, completezza, imparzialità, obiettività e parità di trattamento tra le forze politiche; l'impegno di direttori, conduttori e registi a non influenzare il pubblico e ad evitare che i telespettatori possano attribuire loro specifici orientamenti politici; la garanzia della più ampia ed equilibrata presenza e possibilità di espressione ai vari soggetti.

Norme che l'Agcom rilancia in maniera ancora più dettagliata per le tv private. Come la Rai, anche queste ultime devono comunicare all'Autorità il calendario settimanale delle trasmissioni effettuate, indicando temi e soggetti invitati. Resta vietata la partecipazione dei politici ai programmi di intrattenimento.

COMUNICAZIONE POLITICA - Sia la Rai che le tv private devono ripartire gli spazi in modo paritario, realizzando il principio delle pari opportunità "anche nell'ambito di un ciclo di più trasmissioni", purché con analoghe opportunità di ascolto. La ripartizione degli spazi va fatta su base settimanale, in modo da consentire eventuali compensazioni la settimana successiva. L'Agcom specifica che queste trasmissioni vanno collocate in tv tra le 7 e le 24, con cicli a cadenza quindicinale.

TRIBUNE, INTERVISTE E CONFERENZE STAMPA - Sono una specificità della Rai. Le tribune durano massimo 45 minuti, propongono un confronto "tra un numero di partecipanti compreso fra 3 e 6, e di norma, se possibile, fra 4", assicurando "un rapporto equilibrato fra i rappresentanti di coalizioni diverse". Vanno trasmesse (di regola in diretta) in orari di buon ascolto, preferibilmente prima o dopo i principali tg, evitando sovrapposizioni con altri programmi di informazione.

Le interviste riguardano i rappresentanti nazionali di ciascuna lista, durano 20 minuti e sono trasmesse tra le 22 e le 23:30 (eventualmente in modo consecutivo) evitando sovrapposizioni con altri approfondimenti. Si procede in ordine crescente di rappresentatività, si chiude con il presidente del Consiglio. Le conferenze stampa sono riservate ai candidati premier e vanno in onda nelle ultime due settimane prima del voto.

Ognuna dura 60 minuti ed è trasmessa tra le 21 e le 22:30 su Raiuno, possibilmente in date diverse da quelle delle interviste e comunque non negli stessi orari. Partecipano fino a cinque giornalisti individuati dalla Rai, ma anche di altre testate, che pongono domande di massimo 30 secondi.

Ultimi Video

  • Sky Wifi, la visione del futuro

    Sky Wifi, la visione del futuro

    Solo chi ha sempre creduto nell’innovazione e nella creatività è in grado di immaginare il futuro.  E solo chi è in grado di immaginarlo può trasformare quella v...
    S
    Sky
      giovedì, 18 giugno 2020
  • ** 5G Tech Talk 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020 **

    ** 5G Tech Talk 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020 **

    La sfida Cina – Stati Uniti, il ruolo dell’Europa, il nuovo ruolo delle città intelligenti e le opportunità nei settori del turismo, della cultura, dei trasporti e dell&rsquo...
    S
    Satellite
      mercoledì, 20 maggio 2020
  • ** Switch Off Tech Talk 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020 **

    ** Switch Off Tech Talk 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020 **

    Ecco il primo Tech Talk organizzato da Comunicare Digitale in collaborazione con Natlive. Personalità di grandissimo livello si sono confrontate Martedì 28 Aprile per questo primo approf...
    D
    Digitale Terrestre
      martedì, 28 aprile 2020

Palinsesti TV