Mediaset e Endemol: lotta dura per il Grande Fratello 8

News inserita da:

Fonte: La Stampa

T
Televisione
  venerdì, 21 marzo 2008
 00:00

Volgarmente parlando, e scomodando il vecchio adagio napoletano, è la strategia del «chiagni e fotti» che sta salvando ancora il Grande Fratello.

Lunedì scorso su Canale 5 un'edizione difficile per la collocazione e per la scarsa credibilità del casting e della trama, ha ottenuto ascolti di tutto rispetto, confermando soprattutto l'interesse tra il pubblico dei giovani (38,17 per cento di share nel target 15-24 anni, oltre il 30 tra i 25-34). Ormai si piange ogni volta che qualcuno nomina la mamma, nella casa presidiata dalle telecamere, e inoltre gli autori stanno spingendo sul pedale dell'acceleratore pruriginoso.

Non a caso il picco d'ascolto a 7 milioni e 304mila spettatori è arrivato verso le 22 appena il pubblico in studio ha cominciato a gridare a tre ragazzi «Nudi, nudi!» e con l'inevitabile colonna sonora del film Full Monty è cominciato lo strip maschile. In termini di share, invece, il prevedibile picco (37,86% poco oltre la mezzanotte) è arrivato per le votazioni e le nominations dei concorrenti da sbattere fuori. Del resto, si è scomodato persino il grande sociologo Zygmunt Baumann, nell'ultimo saggio sulla Paura liquida, per sottolineare come il punto chiave del successo del meccanismo dei reality sia proprio nelle eliminazioni, metafore perfette di una società dove abbiamo ormai tutti un destino segnato.

La desolidificazione della società, però, sembra funzionare al rovescio nel caso del Gf8 italiano, almeno se si guarda al retroscena aziendale: mai come in questo momento, Mediaset sembra compatta con la «sua» Endemol che produce il reality, e si è scomodata persino Maria De Filippi come guest-star per sostenere il Grande fratello.

Dopo le resistenze iniziali, ora fa pure fa cassa di risonanza il programma di punta della scuderia di Lucio Presta Buona domenica e questo fa pensare a un finale fiabesco, tipo e vissero tutti felici e «contanti»… (Lucio e Bonolis faranno magari Sanremo, ma resteranno a Mediaset, si dice). Anche quella certa aria crisi che si respira intorno ad Affari tuoi, che pure a Mediaset può far piacere, eccome, viene lasciata passare senza grandi sottolineature dalla concorrenza. Insomma, l'ordine regna a Cologno.

Siamo all'opposto speculare del clima in Rai, dove invece alle difficoltà di Magnolia con X Factor s'aggiunge la manifesta opposizione di gran parte del consiglio d'amministrazione ad una nuova edizione dell'Isola dei famosi. E' proprio vero che «Chiagni e fotti», o anche solo «elimina senza pietà», non sono ritornelli da servizio pubblico.

Paolo Martini
per "La Stampa"

Ultimi Video

Palinsesti TV