Le tribune elettorali sconvolgono il palinsesto di Rai Due e Rai Tre

News inserita da:

Fonte: Ansa

T
Televisione
  sabato, 22 marzo 2008
 00:00

A Raiuno possono tirare un sospiro di sollievo: il palinsesto, almeno nella settimana tra il 30 marzo e il 5 aprile, rimane invariato e Porta a Porta resta dov'é.

E' Raidue, invece, con la collaborazione di Raitre, a farsi carico della programmazione elettorale imposta dalla commissione di Vigilanza in vista del voto del 13 e 14 aprile: e così anche i due rispettivi 'gioielli' dell'approfondimento, Annozero e Ballarò, devono fare spazio ai politici e cambiare collocazione. Unica 'franchigia', il sabato e la domenica.

Per far quadrare i conti, a Viale Mazzini sembra che siano rimasti riuniti ieri fino a tarda serata. Risultato, le conferenze stampa dei candidati premier, inaugurate nella stessa serata da Silvio Berlusconi e Walter Veltroni, partiranno su Raidue martedì primo aprile e andranno in onda tutte le sere, fatta eccezione per il week end: per la prima settimana, il 2 toccherà a Renzo Rabellino (Lista dei Grilli Parlanti) e Stefano Montanari (Per il bene comune); il 3 a Marco Ferrando (Partito comunista dei lavoratori) e Stefano De Luca (Partito Liberale Italiano); il 4 a Roberto Fiore (Forza Nuova) e Daniela Santanché (La Destra), come ha stabilito la Vigilanza.

A cascata, cambia tutto il prime time della rete di Antonio Marano, ma qualche sacrificio tocca anche a Raitre, in particolare a Giovanni Floris, visto che è 'vietata' la sovrapposizione fra gli appuntamenti con i candidati e gli approfondimenti dedicati a temi politici

Per la prima settimana Michele Santoro si sposta a lunedì 31 marzo, mentre la seconda settimana, annuncia il direttore Antonio Marano, "non ci sarà".

Uno spiraglio, comunque, potrebbe restare per Annozero giovedì 10 aprile: quella sera dovrebbe andare in onda, infatti, solo una conferenza stampa e il programma di Santoro potrebbe partire alle 21:50. Il giornalista e il suo staff - a quanto si apprende - si limitano ad accettare la soluzione di compromesso, pur incassando con soddisfazione l'appoggio di Marano che fino all'ultimo ha 'difeso' il programma.

"La Rai - spiega il direttore di rete - aveva proposto alla Vigilanza di programmare le conferenze stampa tutti i giorni tranne il martedì e il giovedì, per 'salvare' Annozero e Ballarò. Ma il presidente della commissione, Mario Landolfi, ha chiesto la continuità nella messa in onda, fatta eccezione per il sabato e la domenica".

Cambiamenti 'forzati' anche per l'intrattenimento: per due settimane X Factor si sposterà alla domenica (il 30 marzo e il 6 aprile), mentre dopo il voto andrà definitivamente nella nuova collocazione del martedì sera. Floris, invece, salterà la puntata del primo aprile, ma recupererà andando in onda domenica 6 aprile, al posto di Report che slitterà a martedì 8 con un'inchiesta ovviamente non incentrata sulla politica.

Ancora a Raidue, con ogni probabilità, anche il compito di ospitare "venerdì 11 aprile, ultimo giorno di campagna elettorale, il confronto finale tra tutti i candidati premier", annuncia Marano.

Sempre la sua rete si 'spartira'' con Raitre gli altri appuntamenti previsti dalla Vigilanza: tra le 17 e le 18 andranno in onda sulle due reti le tradizionali tribune elettorali, mentre sarà la rete di Paolo Ruffini ad ospitare intorno alle 23 le interviste ai rappresentanti nazionali di lista.

Quanto ai messaggi politici autogestiti, avranno spazio al mattino, su Raidue alle 10:50 e su Raitre alle 9. "Speriamo almeno - conclude Marano, con una battuta da ex sottosegretario leghista - che questo ci faccia vincere le elezioni".

Ultimi Video

Palinsesti TV