Associazione Fnsi e Asr: ''Preoccupati per il futuro di La7''

News inserita da:

Fonte: Agi

T
Televisione
  martedì, 16 settembre 2008
 00:00

La7‘La 7′ e’ oggi “un pilastro essenziale e irrinunciabile del pluralismo dell’informazione nella tv in chiaro, quella che arriva gratuitamente nelle case di tutti gli italiani, nell’attuale assetto radiotelevisivo caratterizzato dalla preponderante presenza del duopolio Rai e Mediaset.

Vogliamo prendere in parola l’amministratore delegato di Telecom, Bernabe’, quando dichiara che La 7 e’ strategica, e quello di Telecom Italia Media, Stella, quando nega il ridimensionamento dell’emittente. Ma osserviamo che, mentre arrivano a La7 colleghi di assoluto prestigio e autorevolezza come Lilli Gruber e Federico Guiglia, da qualche mese continuano i tagli alla redazione, il mancato rimpiazzo dei giornalisti in uscita dall’azienda, lo stop ai contratti a termine, la chiusura di tre sedi di corrispondenza su quattro” Si tratta, prosegue il comunicato, di “segnali contradditori e gravi in assenza di un profondo confronto sindacale su un piano industriale e editoriale coerente, convincente e articolato, indispensabile per puntare su sviluppo e innovazione e per risolvere il nodo della pubblicita’.

Uno scenario di omologazione e normalizzazione allontanerebbe definitivamente le possibilita’ di rilancio e di sviluppo”. Nell’imminenza della presentazione del piano industriale di Telecom Italia Media, societa’ editrice di La7, “tutto cio’ deve sollecitare la massima attenzione da parte della societa’ civile e di quella politica perche’ sia compiuto ogni sforzo per assicurare un quadro di tenuta e crescita del pluralismo nel campo radiotelevisivo nazionale”, concludono Fnsi e Asr.

Palinsesti TV