Esce oggi il nuovo numero di Link con una cover story sulla Mash-up Television

Esce oggi il nuovo numero di Link con una cover story sulla Mash-up Television

News inserita da:

Fonte: Digital-Sat (original)

T
Televisione
  venerdì, 13 febbraio 2009
 00:00
In copertina la televisione del remix, del riciclo, del riuso. Mash-up, vale a dire il recupero dell'archivio, la creazione di nuovi significati, la nostalgia della tv del passato. Nervo scoperto di produttori e broadcaster o sola novità nei palinsesti degli ultimi anni? Non solo. Le nuove sezioni (Product, Industry e Sights) mappano le tendenze della televisione e degli altri media: dalle serie tv ai social network, da Obama a Guitar Hero. Non solo. Un nuovo progetto grafico, con illustrazioni e fotografie d'autore.
 
Questa è una prima stringata descrizione dei contenuti del nuovo numero di Link, il magazine  di studio sulla televisione, edito da RTI Mediaset, che si avvale sempre della collaborazione di veri e propri maestri della tv e della comunicazione in senso più ampio. Uno su tutti, Carlo Freccero, cui è dato l'onore di introdurre il tema centrale del nuovo volume che gli dà il titolo, Mash Up Television.
 
Una definizione moderna (il mash-up è un'applicazione informatica che usa contenuti da più sorgenti per creare un servizio completamente nuovo) per un processo che banalmente definiremmo vintage, il riutilizzo del materiale d'archivio, delle cosiddette Teche, che però rimiscelate coi nuovi linguaggi danno vita ad un prodotto decisamente diverso dall'originale.
 
Un esempio ci è fornito dall'intervista a Piero Angela che nei suoi programmi si serve anche di fiction a carattere storico con cui intervallare le sezioni puramente "didattiche" oppure quella a Marco Giusti, inventore insieme ad Enrico Ghezzi, del programma Blob che da sempre si serve di spezzoni di altre trasmissioni per un prodotto finale assolutamente originale e splendido esempio di mash-up televisivo.
 
Ma avendo nominato Carlo Freccero è giusto riportare uno stralcio del suo saggio che dai programmi estende la riflessione ai palinsesti e ai canali televisivi, sempre però nell'ottica dell'utilizzo del repertorio: «Un uso tradizionale dell'archivio condanna le trasmissioni, anche di pregevole spessore culturale, ai margini del palinsesto, alle ore notturne. Una rete costruita sull'uso storico del materiale di repertorio manca di quella dimensione spettacolare che può coagulare insieme audience e pubblicità. Una rete pensata sulle molte possibilità e declinazioni dell'archivio, invece, può essere una rete di successo e promuovere presso il grande pubblico anche una fruizione dell'archivio in chiave scientifica e rigorosa». Sarà su queste basi che nascerà nel corso dell'anno Rai 5, la nuova rete digitale affidata allo stesso Freccero che dovrebbe attingere a piene mani dalle Teche Rai?
 
Link 7 però non si ferma su questi temi, ma tratta anche l'attualità televisiva sempre in termini di studio e ricerca. Nella sezione Product, per esempio, al centro sono le serie tv americane di successo, analizzate sia in termini numerici di share che di innovazione produttiva, argomento decisamente più interessante ma generalmente poco trattato.
 
La sezione Industry invece si occupa delle questioni economiche, focalizzando specialmente il tema della pubblicità sia come riconoscibilità del brand nei fenomeni di product placement sia come vittima dell'informazion overload, ovvero il "bombardamento" delle informazioni.
 
Ed infine la sezione Sights che riesce a spaziare da Obama e la sua vittoriosa campagna di comunicazione, ma anche all'esplosione del fenomeno dei social network con Facebook in testa. All'interno di questo spazio segnaliamo anche un breve scritto di Federico Di Chio dal titolo "Lo schermo profano", dove viene analizzata l'evoluzione dello schermo televisivo sia in senso tecnologico che in quello sociologico.
 
Giorgio Scorsone
per "Digital-Sat.it"
   

Pagine: 200
Prezzo: 15 euro
Formato: 170x240 mm.
Codice EAN: 978
ISBN: 978-88-95596-04-4
 
Direttore editoriale di Link è Marco Paolini, direttrice Laura Casarotto.
Editor e Ricerche Scenario: Fabio Guarnaccia.
In redazione Luca Barra, Alessia Assasselli.
Sito ufficiale: www.link.mediaset.it
 
In questo numero sono intervenuti tra gli altri: Aldo Grasso, Carlo Freccero, Piero Angela, Marco Giusti, Francesco Casetti, Fausto Colombo, Gregorio Paolini, Carlo Antonelli, Luca De Biase, Danah Boyd, Marco Vecchia, Massimo Scaglioni, Antonio Dini, Tommaso Tessarolo, Federico di Chio, Aldo Romersa, Matthew Weiner, Andrea Lissoni, Patrick Mc Grath, Dr. Pira, Violetta Bellocchio, Matteo Bittanti.

Ultimi Video

Palinsesti TV