Butta la Luna 2: la fiction tv con Fiona May da stasera su Rai Uno

News inserita da:

Fonte: Digital-Sat (com.stampa)

T
Televisione
  giovedì, 26 febbraio 2009
 00:00
Torna su Raiuno da giovedi’ 26 febbraio in prima serata Butta la luna 2, la seconda serie della fiction che e’ stata la rivelazione del 2007: il maggior ascolto della stagione (oltre 8 milioni di spettatori) con una storia che passa con fluida leggerezza dalla commedia al dramma, al melo’. “Butta la luna”,  una serie ispirata all’ omonimo best seller di Maria Venturi, diretta da Vittorio Sindoni, racconta come ogni esistenza, anche la piu’ dura e difficile, possa essere illuminata dalla forza risolutrice dei sentimenti, e dal coraggio del cuore.

Sceneggiata da Patrizia Carrano, Salvatore Chiosi, Andrea Oliva e Vittorio Sindoni, la fiction di Raiuno ha di nuovo come protagonista Fiona May, l’indimenticabile campionessa di salto in lungo. Con la prima serie, alla sua prima prova d’ attrice, la May ha convinto il pubblico e la critica nel ruolo di Alyssa, una donna nigeriana che giunge in Italia con la piccola Cosima, nata dalla relazione con un tecnico italiano in missione. Accanto ad Alyssa ruotano i personaggi di sempre: la bella figlia Cosima; il papa’ Luigi e il suo fidanzato Nicola; l’avvocato Attilio Argenzi e altri che gia’ si conoscono ma avranno piu’ spazio nei nuovi episodi e delle vere e proprie new entry.

LA STORIA:

Nella seconda serie Alyssa, ormai integrata pienamente nella società italiana, scopre quanto sia ancora duro l’impatto con l’Occidente per quei tanti che cercano, in vari modi, di emigrarvi alla ricerca di fortuna. Le sensazioni provate al momento del suo drammatico arrivo a Roma, ormai dimenticate dopo vent’anni nel corso dei quali Alyssa è riuscita a ottenere sicurezze lavorative e affettive per sé e per sua figlia, riemergono improvvisamente, e la inducono a dedicarsi all’impegno per gli altri.

Accanto ad Alyssa, l’avvocato Attilio Argenzi (Andrea Tidona): i due si conoscono da più di vent’anni, ma per loro ogni giorno è un nuovo giorno, grazie alla capacità di reinventare il loro rapporto fra scontri e confronti; la serie inizia proprio con il loro matrimonio. Cosima (Chiara Conti), la bella, bianchissima, figlia di Alyssa, creatura problematica, testarda,  lavora come psicologa al Tribunale dei Minori.

Cosima e Nicola Argenzi (Giampaolo Morelli), il figlio di Attilio, si amano profondamente, ma la sorte finirà per separarli, poiche` Nicola si innamora di Isabel Diaz (Lola Ponce), una bellissima donna argentina accusata ingiustamente di omicidio, di cui ha assunto la difesa.

Un ruolo fondamentale lo avrà anche il padre di Cosima, Luigi (Giuliano Gemma), che si occuperà della gestione del negozio di articoli etnici di Alyssa, ormai diventato una boutique del centro, e cercherà di stare vicino a sua figlia.

Un’altra importante “new entry è Luca Ferrari (Roberto Farnesi) il funzionario dell’Ufficio stranieri che talvolta opera con Alyssa e Cosima aiutandole a risolvere quando possibile i casi più disperati.

Sposato con Sandra (Vanessa Gravina) Ferrari viene coinvolto nello scandalo del traffico di permessi di soggiorno falsi per il quale era già inquisito il suo amico e collaboratore Arturo Rigoni (Antonio Faa). 

Un altro incontro foriero di grandi sviluppi è quello con un altro protagonista della serie, il portiere Mario Ficuzza (Nino Frassica), a cui vengono dati in affido due bambini.

Non mancano altri personaggi che già conosciamo e che sono fondamentali allo svolgersi della vicenda tra cui la psicologa Elena Marini (Anita Zagaria), Don Eugenio (Massimo Corvo). Ad un certo punto, nella storia entrerà il giovane Saverio (Angelo Di Genio) sconosciuto e ambiguo fratellastro di Cosima. Questi e molti altri avvenimenti in tredici puntate da cento minuti l’una, per raccontare come la passione di vivere e un’idea alta dell’esistenza possano cementare storie, vite, caratteri ed etnie tanto differenti fra loro.

LE PAROLE DALLA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE:

"Nel 2006 avevamo presentato la fiction all'Auditorium della Conciliazione - ha raccontato Tinni Andreatta, capostruttura RaiFiction - tra i presenti c'era il Ministro Giuliano Amato, che aveva lanciato un appello, invitando la televisione a fare di più per l'integrazione. 'Butta la luna' è stata una risposta, sempre attuale, che la Rai stava dando".

"Io ho un grande difetto - ha spiegato il regista, Vittorio Sindoni - quello di essere buono. Per questo la critica che ho ricevuto più frequentemente è che la fiction è buonista. Ma io prendo la bontà come un valore. Da quando ho iniziato a fare il mio lavoro mi piace raccontare cose semplici. La caratteristica della seconda serie è che abbiamo attori e comparse da tutto il mondo: Sud America, Africa, Europa dell'Est. Io trovo che oggi ci sia una curiosità morbosa quando si sente parlare di omicidi: ci si chiede se l'assassino sia straniero e la vittima italiana. Io invece penso ancora in termini di persone, in cui c'è una persona ammazzata e un'altra che ha ammazzato".

Nella serie Alyssa fonderà una casa d'accoglienza che si occupa della parte più debole dell'immigrazione: donne e bambini. "Da quando io sono venuta qui in Italia nel '92 ad oggi è cambiato molto - ha detto Fiona May - non vedo tantissimi pregiudizi, a prevalere è la paura delle differenze. Le violenze recenti, poi, contribuiscono a mettere i bastoni tra le ruote ai miglioramenti".

Nella fiction c'è anche Massimo Corvo nel ruolo di Don Eugenio. "Sono felice di aver interpretato un sacerdote - ha dichiarato l'attore - una figura molto criticata in questo periodo. Mi piace il ruolo del personaggio di curare tutti i mali del mondo in prima persona, stando in mezzo alla gente. Il mio consiglio ai sacerdoti è di puntare meno sulla carriera e palpare di più l'amore e la sofferenza in strada".

Dietro la chiave sentimentale si racconta dunque l'integrazione. "Noi non abbiamo fatto nessun cambiamento in corso d'opera in base ad avvenimenti d'attualità - ha raccontato la sceneggiatrice Patrizia Carrano - il racconto è estremamente bilanciato, c'è equilibrio tra buoni e cattivi. Questo è il servizio pubblico ed è giusto che la tv si accolli questo ruolo. Far sorridere, ridere, pensare è la nostra scommessa".

LA PRIMA PUNTATA (questa sera su Rai Uno):

La saga di “Butta la Luna 2” prende il via con un matrimonio. Non quello di Cosima  e Nicola,  come gli spettatori sono indotti a credere, ma quello di Alyssa  con  Attilio. Quando i  due  stanno partendo per il viaggio di nozze,   Don Eugenio l’amico prete che li ha sposati, avvisa Alyssa che una sua lontana nipote nigeriana, Safiya, è  sbarcata a Brindisi da una carretta del mare.

Dopo aver trascinato Attilio a Brindisi, mandando a monte  la luna di miele sulla Costa Azzurra,  Alyssa litiga con un funzionario dell’ufficio stranieri, Luca Ferrari,  e si rassegna a lasciare la nipote  nel centro di prima accoglienza,  così come vuole la legge.  Ma  la giovane Safiya evade durante dei tumulti. Alyssa se la trova nel portabagagli dell’auto e non ha il coraggio di riportarla indietro… Così, per giustificare la sua presenza,  e per ritornare a Roma,  racconta ad Attilio una gran quantità di bugie.

Nel frattempo, il portiere Mario è diventato affidatario del piccolo Shanghai. Il padre del bimbetto, infatti,  è stato  arrestato perché coinvolto – seppure innocente - in un omicidio della mafia cinese.  Così, mentre Nicola si occupa della sua difesa, Cosima si  mobilita perché  il Tribunale dei Minori, dove lei  continua a lavorare, affidi  il piccolo al portiere, che con lui  si è sempre  comportato come uno zio.

Una volta arrivata a Roma,  Safiya  scappa con un balordo  che  vuole  sbatterla sulla strada a fare la prostituta.  La ragazza riesce fortunosamente a mettersi in contatto con Alyssa, che  chiede aiuto proprio a Luca Ferrari, il funzionario di polizia con il quale aveva litigato…

Salvata Safiya e arrestati i suoi sfruttatori… tutto sembra essere finalmente tornato  alla normalità. Ma Nicola, che assieme a Cosima  è quello più calmo e  più posato, decide di difendere Isabel Diaz, un’argentina accusata di omicidio. Una ragazza bella, ma così bella…

Palinsesti TV