Austria: ''Devi pagare il canone tv'', ma l'utente Ť morto nel 1559

News inserita da:

Fonte: Tiscali Notizie

T
Televisione
  gioved√¨, 12 marzo 2009
 00:00
Vivo o morto poco importa. L√ʬĬôimportante √ɬ® che comunque qualcuno paghi. Adam Ries, matematico tedesco morto nel lontano 1559, ha ricevuto una lettera tramite la quale il Gez, l√ʬĬôufficio per la riscossione del canone televisivo, gli chiedeva di pagare l√ʬĬôabbonamento alla Tv e alla radio. L√ʬĬôutente, infatti, non avrebbe mai pagato quanto dovuto all√ʬĬôente.

Quante scuse pur di non pagare - "Abbiamo ricevuto una lettera all'indirizzo del signor Adam Ries - ha detto Anngret Muench, presidente dell√ʬĬôassociazione che porta il nome del noto matematico e che ha sede nella vecchia dimora dello studioso - e l√ʬĬôabbiamo rispedita al mittente spiegando che era arrivata troppo tardi, essendo il destinatario morto nel 1559 e quasi 400 anni prima dell'invenzione della televisione√ʬĬĚ.

Ma allora √ɬ® un vizio - Questa clamorosa svista non sembra esser comunque la prima commessa dal Gez. In passato l√ʬĬôufficio riscossione abbonamenti tv ha scomodato diversi inquilini dell√ʬĬôAldil√ɬ†. Lo scorso anno la stessa cosa accadde infatti a Friedrich Schiller, poeta preromantico morto nel 1805. A lui il Gez chiese non solo di pagare ma anche di dichiarare con precisione quanti apparecchi tv e radio avesse in casa.

Ultimi Video

Palinsesti TV