Per Zelig parte l'era post Bisio con la coppia Teresa Mannino e Mago Forest

News inserita da:

Fonte: Ansa

T
Televisione
  giovedì, 10 gennaio 2013
 18:04

Per Zelig parte l'era post Bisio con la coppia Teresa Mannino e Mago ForestAl mago Forest, Michele Foresta, il confronto con Claudio Bisio provoca ansia da prestazione. «Come se fossi fidanzato con una ragazza che prima di me è stata con Rocco Siffredi...», scherza. Teresa Mannino invece al cospetto dal grande capocomico ha capito «cosa vuol dire modestia».

Sono pronti alla sfida i due comici siciliani che hanno raccolto il timone dello Zelig televisivo, lasciato cadere da Bisio dopo una quindicina di anni. Da lunedì 14 gennaio il programma, nato sull'onda del successo dello spettacolo di cabaret dell'omonimo locale di viale Monza a Milano, sarà di nuovo in prima serata su Canale 5.

«Dobbiamo ringraziare Claudio Bisio non solo per quello che ha fatto negli anni per Zelig ma anche per il suo passo laterale di qualche mese fa - ha detto Gino Vignali, autore del programma insieme e Michele Mozzati e Giancarlo Bozzo -. Quella sua decisione ci mette ora nella condizione di poter presentare una versione completamente rivoluzionata».

La prima grande novità è il ritorno, alla versione circus, come 10 anni fa, nel 2003, quando lo spettacolo sbarcò in una tensostruttura in via Carlo Marx a Sesto San Giovanni, prima di trasferirsi nel 2007 al Teatro degli Arcimboldi. La nuova sede, dove oggi si è svolta la conferenza stampa di presentazione, è ancora in allestimento. Un enorme tendone bianco che si chiamerà Pala3, in zona Ortomercato, periferia di Milano, in un'area sovrastata da un cavalcavia, fangosa ma, come dicono gli autori, forse più vicina di altre location al vero spirito del cabaret.

Il set è stato allestito con 1800 casse di legno da frutta, pitturate di bianco, che messe una sull'altra raggiungerebbero l'altezza di 280 metri. «Più alto di Palazzo Lombardia», dicono Gino e Michele. «Io infatti avevo proposto il Pirellone - scherza Foresta - si trattava solo di aspettare che arrestassero gli ultimi». Nessuno nasconde comunque che la scelta è stata dettata anche da motivi economici, per tenere il più possibile il budget entro limiti stabiliti. «E poi come per certi lavori i presentatori del Nord non vogliono più condurre certe trasmissioni», replica Foresta alludendo alle origini sue e di Teresa. Accanto ai due conduttori il gruppo di comici, una buona metà dei quali saranno volti nuovi. Poca la satira politica che comunque, ricordano gli autori, non è mai stata nella natura del programma.

Qualche virata da quella parte non mancherà. I Fichi d'India ad esempio saranno i candidati alle primarie di un partito immaginario. Ci sarà il rientro di Anna Maria Barbera, con il suo angolo 'La posta di Sconsolata', mentre Giovanni Vernia metterà in scena la parodia del fotografo Fabrizio Corona.

Nella prima puntata arriverà Bisio, nell'ultima Paola Cortellesi. Ogni lunedì sera Zelig ospiterà qualche comico storico. «Come sarà Zelig senza Claudio, ce lo chiediamo anche noi - ammette Gino Vignali -. È un pò come il Barcellona senza Messi, siamo come trapezisti che finora si erano esibiti con la rete». In attesa di scoprirlo, e di verificare quanto fiato in corpo ha la nuova banda, è stato deciso di ridurre il numero delle puntate da 15 a 10.

Palinsesti TV