La Tv di Nokia piace alla Unione Europea

News inserita da:

Fonte: Il Sole 24 Ore

M
Mobile Tv
  mercoledì, 27 giugno 2007
 00:00

A spasso con la tv a portata di mano. Entro il prossimo mese l'Unione europea si prepara a lanciare uno standard unico per la televisione digitale sul telefonino.

Il Digital video broadcasting - Handheld (Dvb-H) è la modalità scelta dalla Commissione di Bruxelles per facilitare lo sviluppo della tv mobile e rispondere alla concorrenza globale. Secondo quanto risulta da una bozza preparatoria del documento europeo, lo standard si basa sulla tecnologia Nokia.

NokiaLa società finlandese, numero uno al mondo nella produzione di telefoni cellulari, da tempo sostiene la diffusione del Dvb-H nel Vecchio Continente. Una tecnologia già sperimentata, con successo, in Italia da Tim e Tre per le partite dei Mondiali. E che potrebbe rivelarsi una gallina dalle uova d'oro il prossimo anno, con Europei di calcio e Olimpiadi cinesi.

Il testo della Commissione europea dovrebbe essere adottato il io o il 17 luglio. Bruxelles chiederà agli Stati membri di «incoraggiare lo sviluppo dello standard Dvb-H sul loro territorio».

Per renderlo poi obbligatorio dal 2008. L'obiettivo è permettere ai produttori di «realizzare economie di scala» e favorire gli investimenti. Evitando la frammentazione del mercato tedesco, dove i 16 Laender possono scegliere standard differenti.

Secondo le proiezioni della Commissione, il mercato mondiale della televisione su telefonia mobile varrà nel 2011 fra i 7 e i 20 miliardi di euro, raggiungendo tra i 200 e i 500 milioni di consumatori. Finora, avverte Bruxelles, «l'introduzione e il decollo di questi servizi sono stati relativamente lenti nell'Unione europea, mentre i concorrenti, per lo più asiatici, hanno realizzato progressi significativi».

Dvb-H è infatti la risposta europea a standard affermati ma meno diffusi: T-Dmb, adottato soprattutto nella Corea del Sud, ma anche in Norvegia, Germania e Francia, e MediaFlo, dell'americana Qualcomm, usato in Gran Bretagna e Stati Uniti.

La preoccupazione principale dei legislatori Ue è la polverizzazione dei sistemi. Che si tradurrebbe in costi più alti e problemi nell'uso dei dispositivi quando si viaggia all'estero.

Viviane Reading, commissario europeo ai Media, ha quindi deciso di accelerare. La tecnologia Dvb-H, standard simile al Dvb-T usato dalla televisione digitale terrestre, «è superiore alle altre», ed è accessibile e aperta a tutti, al contrario di MediaFlo e Dmb che sono di imprese private. E poi deve il suo sviluppo anche al contributo di 40 milioni di euro targati Ue.

Insomma è la tecnologia giusta per riprodurre il successo dello standard Gsm negli anni '90 e lo storico sorpasso degli Usa nel mercato della telefonia mobile.

Valentina Conte
per "Il Sole 24 Ore"

Ultimi Video

  • Tech Talk Connect 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020

    Tech Talk Connect 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020

    Comunicare Digitale è orgogliosa di annunciare la partenza dei nuovi appuntamenti di TECH TALK, a partire dal 10 Settembre 2020. 5 appuntamenti a Settembre, 7 ad Ottobre, con edizioni anche in ...
    T
    Televisione
      giovedì, 10 settembre 2020
  • Ilaria D'Amico, il saluto a Sky Sport

    Ilaria D'Amico, il saluto a Sky Sport

    Dopo 18 anni, Ilaria d'Amico, storica conduttrice di Sky Calcio Show e di Champions League Show ha deciso di intraprendere un nuovo percorso professionale, sempre a Sky, allontanandosi dal calcio...
    S
    Sky
      lunedì, 24 agosto 2020
  • Sky Upfront 2020, Back to Next | Presentazione Palinsesti Sky 2020-2021

    Sky Upfront 2020, Back to Next | Presentazione Palinsesti Sky 2020-2021

    Enrico Papi al piano per aprire gli UpFront Sky 2020. Quello che non ti aspetti per una nuova stagione che non ti aspetti. Tra conferme e sorprese, qualità e innovazione, con lo sguardo sempre ...
    S
    Sky
      mercoledì, 22 luglio 2020

Palinsesti TV