Niente Euro 2008 su Sky: cos la Serie B rimane oscurata

News inserita da:

Fonte: La Gazzetta dello Sport

S
Sport
  sabato, 01 dicembre 2007
 00:00
Serie B in tv? Ma quando mai. Il progetto Figc-Rai-Sky è fallito miseramente, con figuraccia internazionale inclusa: l'Uefa è infuriata con la tv di Stato, si sente presa in giro, e oggi comunicherà il suo «no» alla famosa sub-cessione dei diritti tv dell'Europeo. Ecco cos'è successo negli ultimi due mesi.
 
NIENTE SERIE B  -   La Serie A è dovunque, si sa, e i tifosi possono seguire le dirette della loro squadra su Sky. Ma la B resta confinata in spazi miseri, pochi minuti (o secondi) per far vedere i gol a orari impossibili. Anche se ci sono club di grande tradizione. Come risolvere il problema? Dove trovare i soldi per pagare i diritti tv e accontentare i tifosi? A settembre, allora, spunta un'idea che coinvolge Federazione, Rai e Sky e potrebbe far guadagnare tutti.
 
CONTRATTO EURO  -   La Rai aveva acquistato i diritti dell'Euro 2008 per la cifra (esagerata) di 120 milioni di euro, con un contratto che prevedeva la possibilità di rivendere 4 partite (ma non in esclusiva) a un'altra tv. Non è stato un affare, ma tanto i politici «coprono» e il canone lo pagano gli abbonati. Quando però nasce il problema della B, ecco l'idea: chiedere all'Uefa una deroga, per sub-vendere i diritti di alcune partite a Sky, e con quei soldi pagare le dirette del campionato di serie B.
 
ISTANBUL   -  Non è facile avere il «sì» dell'Uefa. Abete e Carraro si spendono personalmente: il primo scrive a Platini, il secondo affronta un difficile Esecutivo a Istanbul. Perché riaprire il contratto all'Italia potrebbe spingere tutti gli altri 52 Paesi a chiedere lo stesso. Sarebbe il caos. Ma Abete, Carraro e Platini trovano la formula: «un'eccezione per motivi di solidarietà». Platini a Istanbul dice: «Ho salvato la B».
 
PALETTI 
  -  L'Uefa concede l'eccezione, ma pone dei limiti: sub-vendere non più di 12 partite a Sky; non quelle dell'Italia; soltanto quelle dei gruppi; più un indennizzo all'Uefa stessa. Il valore delle 12 gare sarebbe di circa 47 milioni. Sky non è così convinta: non ha l'Italia né gare importanti. Ma la Rai fa molto peggio: il 4 ottobre partecipa a una riunione a Nyon con Uefa e Figc e dà il suo «ok» di massima, poi non si fa sentire più.
 
RABBIA  -  All'Uefa aspettano increduli, poi ricevono un fax nel quale la Rai propone addirittura nuove condizioni. Dalle facce e dalle parole sussurrate a Lucerna dai dirigenti Uefa si capisce che la rabbia è forte: pensano che alla Rai interessi soltanto l'«affare». Così l'Esecutivo decide di considerare «decaduta» l'Italia dalla possibilità di sub-vendere i diritti dell'Europeo.
 
Questione chiusa. Addio B in tv. E un po' di risate alle spalle.
 
Articolo tratto da
"La Gazzetta dello Sport"

Ultimi Video

  • Spot TIM - Il calcio, la piu grande passione degli italiani

    Spot TIM - Il calcio, la piu grande passione degli italiani

    TIM dedica al calcio il suo nuovo spot istituzionale che racconta oltre 100 anni della più grande passione sportiva degli italiani, attraverso l’evoluzione dei mezzi di comunicazione nel ...
    T
    Televisione
      mercoledì, 16 giugno 2021
  • Secondo video tutorial (Risintonizzazione) verso digitale terrestre DVB-T2

    Secondo video tutorial (Risintonizzazione) verso digitale terrestre DVB-T2

    Nel corso del 2021, si attuerà progressivamente il processo di riorganizzazione delle frequenze tra emittenti televisive con conseguente necessità per gli utenti di dover risintonizzare ...
    D
    Digitale Terrestre
      martedì, 09 marzo 2021
  • Tech Talk Ott & Streaming 9 Marzo 2021 (diretta)

    Tech Talk Ott & Streaming 9 Marzo 2021 (diretta)

    24esimo appuntamento in diretta streaming con i TECH TALK, organizzati da Comunicare Digitale in collaborazione con Digital-News.it. Un percorso di informazione con edizioni anche in lingua inglese e ...
    T
    Televisione
      martedì, 09 marzo 2021

Palinsesti TV