Michelle Hunziker torna sul bancone di Striscia la Notizia con Ezio Greggio

News inserita da:

Fonte: Digital-Sat (com.stampa)

T
Televisione
  lunedì, 09 gennaio 2012
 06:00

Michelle Hunziker torna nel bancone di Striscia la Notizia con Ezio GreggioPer l’ottava stagione consecutiva al fianco dello storico mattatore di Striscia Ezio Greggio torna la showgirl Michelle Hunziker, reduce dai grandi successi dello spettacolo teatrale ''Mi scappa da ridere''.

Michelle ed Ezio, coppia perfettamente collaudata che ha debuttato nel varietà di Canale 5 nella stagione 2004/2005, sarà al timone  del Tg satirico da lunedì 9 gennaio, fino a fine marzo 2012.

Michelle Hunziker ha iniziato la sua carriera proprio debuttando con Antonio Ricci alla conduzione nell’edizione del 1996 di “Paperissima sprint”: programma che già allora metteva in risalto, oltre alla sua indiscutibile bellezza, quella simpatia e quell’ironia che da sempre la contraddistinguono e la fanno apprezzare dal pubblico italiano e internazionale.

In merito al suo ritorno, Michelle afferma: “Per me tornare a Striscia è come tornare a casa dopo un lungo viaggio. Così è stato. In un anno di tour teatrale ho avuto la possibilità di girare l’Italia e incontrare il pubblico che ci segue.  È stata un’esperienza intensa di emozioni e adesso non vedo l’ora di andare ad abbracciare la mia famiglia di Milano 2 e divertire il pubblico insieme al mio socio Ezio!”.

Ezio Greggio commenta con queste parole il ritorno di Michelle: “Michelle è un piatto di Knödel che ha il sapore dell’impepata di cozze, è Jennifer Lopez che parla come la Sconsy, è la Fracci che balla come John Travolta, è Mary Poppins che vola come Batman. E’ il nostro pannello solare: energia pulita! All’eolico ci penso io!”.

IN QUESTA PRIMA PARTE DELLA 24ESIMA EDIZIONE DI STRISCIA, RICCA DI SCOOP E INCHIESTE, MOLTI GLI EVENTI SALIENTI CHE VOGLIAMO RICORDARVI:

26 settembre 2011

Inizia la 24esima edizione di Striscia la Notizia. Il successo di pubblico del Tg satirico è immune al calo fisiologico che le tv generaliste subiscono a causa della moltiplicazione dell’offerta degli ascolti delle televisioni generaliste e ottiene in questa prima tranche dell’edizione ottimi risultati sbaragliando la concorrenza. L’ascolto medio raggiunge i 6 milioni e mezzo di spettatori a puntata (pari a una share che supera il 22% di share).  Sul target 15-64 anni, di riferimento per gli investitori pubblicitari, il programma supera il 25% di share e sul target 15-34 anni (giovani) raggiunge oltre il 27% di share.

7 novembre 2011

Striscia la notizia entra nel suo 24esimo anno e si avvicina in questo modo al prestigioso traguardo del quarto di secolo.  In occasione dell’importante traguardo con Striscia riceve il Guinness World Record come programma televisivo satirico di informazione più longevo per numero di puntate (4.804).  Striscia la Notizia nasce su Italia 1 il 7 novembre 1988  e da subito esplicita il suo intento: “Tenteremo l’impossibile: battere la comicità di Bruno Vespa”.  La prima edizione vede dietro il bancone Ezio Greggio e Gianfranco D’Angelo.  La regia della prima stagione, composta di 30 puntate, è affidata a Beppe Recchia. Il programma dura solo sette minuti, dentro i quali si concentrano “notizie reali, anche se sopra le righe, notizie impossibili e notizie vere ma trascurate dagli organi di informazione”. Sono da subito protagonisti la dissacrazione e la satira: Striscia prende in giro i personaggi della politica, dello spettacolo e del giornalismo. La controinformazione viene utilizzata come strumento per aumentare la soglia di attenzione della platea televisiva, aiutando a sviluppare un occhio critico che diffidi dell’informazione ufficiale, telegiornali in primis. Il grande successo e l’attenzione suscitata nel pubblico e nella critica fanno sì che già dalla stagione successiva Striscia passi su Canale 5. La collocazione rimane quella che in seguito verrà ribattezzata dagli addetti ai lavori la fascia dell’access prime time, collocazione divenuta la più preziosa del palinsesto televisivo e, di fatto, inventata da Striscia la Notizia.

28 novembre 2011

La prestigiosa Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano presenta nella sua Aula Magna la ricerca LA RILEVANZA SOCIALE, CULTURALE ED ECONOMICA DI STRISCIA LA NOTIZIA. DALLA NASCITA A OGGI, opera del CReSV (Centro di Ricerche su Sostenibilità e Valore). Relatori del convegno che presenta la pubblicazione Carlo Freccero (Direttore Rai4), Livia Pomodoro (Presidente del Tribunale di Milano), Marco Magnifico (Vice Presidente esecutivo del FAI), Maurizio Dallocchio (Nomura Chair of Corporate Finance dell’Università Bocconi e autore della ricerca). Secondo i calcoli dei ricercatori il Tg satirico in queste ventiquattro edizioni ha denunciato sprechi di denaro pubblico pari a un valore complessivo di 58 miliardi di euro. Di questi circa 8 miliardi di euro sono stati "recuperati", con opere prima incompiute rese operative.

12 dicembre 2011

Su “la Repubblica” Ilvo Diamanti pubblica e commenta  i dati di un sondaggio dell’Osservatorio Demos-Coop che attesta come Striscia rimanga il programma più credibile per gli italiani. Il tg satirico si è infatti aggiudicato per il secondo anno di fila il primo posto per la fiducia nutrita nei suoi confronti dai telespettatori. Il Tg satirico ha raggiunto il 63,5% di preferenze, superando addirittura la percentuale registrata lo scorso anno.  Come ci piace ricordare, la fiducia è una cosa seria, che si dà anche alle cose da ridere.

Ultimi Palinsesti