Tv: Gentiloni apre la porta alle locali

News inserita da:

Fonte: Il Velino.it

T
Televisione
  mercoledì, 06 giugno 2007
 00:00
Un quadro normativo che rafforzi il ruolo centrale dell’emittenza locale relativamente all’informazione sul territorio, sopprimendo le disposizioni normative che prevedono la stipula da parte della Rai di contratti di servizio regionali e ribadendo il divieto per gli enti locali di svolgere attività radiotelevisiva”. La richiesta è giunta stamane dal coordinatore Aeranti-Corallo, Marco Rosignoli, durante il “RadioTv Forum 2007”. Una sollecitazione alla quale Rosignoli ha aggiunto anche un’analisi sul disegno di legge Gentiloni, rilevando che “in questo mercato, caratterizzato da una situazione di assoluta dominanza da parte dei due principali operatori nazionali, le tv locali occupano una posizione marginale con una raccolta pubblicitaria annuale complessiva di circa 400 milioni di euro. La sussistenza di tale sistema duopolistico, più volte rilevata dall’AgCom nelle proprie relazioni annuali al Parlamento, ha come conseguenza – ha concluso - l’assenza di pluralismo e di concorrenza nel settore televisivo”.

Un grido d’allarme raccolto dal ministro delle Comunicazioni, Paolo Gentiloni, che ha partecipato ai lavori del “RadioTv Forum 2007”. “Convivranno nel futuro – ha esordito Gentiloni - la tendenza di globalizzazione tra i grandi gruppi in contrapposizione a quelle realtà, rappresentate dalle locali, che hanno ragione di esistere perché sono legate al territorio e alla comunità. Per riequilibrare il mercato ci vogliono - ha aggiunto - risorse economiche e tecniche, nonché la possibilità di rivedere le rilevazioni degli indici di ascolto”. “Il governo è disponibile a integrare il ddl Gentiloni sul riassetto del sistema Tv – ha spiegato ancora - con norme specifiche per l’emittenza locale. Il ddl in discussione alla Camera - ha concluso - va proprio in una direzione che complessivamente favorisce maggiore pluralismo e concorrenza, perché mira a ridurre le posizioni dominanti, in particolare nel mercato pubblicitario, e le ridondanze nel risorse tecniche. L’emittenza locale ha un futuro nella generale evoluzione del sistema Tv. Dobbiamo accompagnare la transizione al digitale evitando di perdere voci, cioè facendo in modo – ha concluso Gentiloni - che chi non ha grandi disponibilità non resti indietro”.

Ultimi Video

Palinsesti TV