Rai, in cda manca intesa su piano news, slitta il voto. Discussione su Anac e contratti

Rai, in cda manca intesa su piano news, slitta il voto. Discussione su Anac e contratti

News inserita da:

Fonte: Ansa

E
Economia
  giovedì, 04 maggio 2017
 23:05

Rai, in cda manca intesa su piano news, slitta il voto. Discussione su Anac e contrattiNiente discussione sulla riforma dell'informazione, tutto rimandato alla prossima riunione del 22 maggio. Tra i dieci punti all'ordine del giorno del consiglio di amministrazione Rai, quello sul piano news era il più delicato e una bocciatura sarebbe stata difficilmente gestibile dal direttore generale Antonio Campo Dall'Orto, in questa delicata fase. Si è deciso, dunque, di rinviare il tutto nel tentativo di trovare un'intesa, che al momento non appare scontata.

«È stata una riunione di grande attenzione ai temi in discussione - commenta il consigliere Franco Siddi -, con riguardo massimo alla reputazione della Rai e alla tutela del patrimonio aziendale».

Campo Dall'Orto ha portato nuovi documenti sul piano, sul quale si sta lavorando dopo l'uscita di Carlo Verdelli, sperando di andare avanti con la pratica. I consiglieri hanno però svolto osservazioni di merito, facendo capire che allo stato il lavoro non sarebbe stato pienamente condivisibile, ad esempio sul possibile aumento del numero delle testate. Il dg ha quindi preso atto della necessità di un ulteriore confronto per raggiungere la più ampia condivisione possibile ed il voto sul piano è slittato. Così come è stata rinviata la discussione sulle nomine a Rai Com e sui piani di produzione e trasmissione 2017. Altro punto caldo quello dei rilievi dell'Autorità Anticorruzione, sui quali il consiglio vuole vederci chiaro.

Il dg Antonio Campo Dall'Orto e la presidente Monica Maggioni hanno riferito sull'incontro avuto con il presidente dell'Anac Raffaele Cantone. I consiglieri hanno chiesto di poter visionare gli atti che verranno inviati all'Anac per esplicitare l'attività svolta nel corso del mandato. Quanto alle prime utilizzazioni, dopo le richieste di chiarimenti dei consiglieri Franco Siddi e Rita Borioni, è stato spiegato che sono state messe a bilancio 244 figure professionali per attivare i programmi del 2017 con contratti a tempo determinato ed è stata fornita la lista dei nomi. I consiglieri hanno chiesto rigore nella selezione dei collaboratori e maggiori verifiche anche sulla possibilità di utilizzare gli interni, sottolineando che il loro numero è cresciuto rispetto al passato (8 nel 2013, 48 nel 2014, 109 nel 2015, 244 nel 2016). Un aumento - a loro dire - non proporzionato alla crescita, che pure c'è stata, dei nuovi programmi che hanno richiesto l'utilizzo di tali figure. Il dg ha quindi proposto di individuare criteri che garantiscano trasparenza e merito.

«Per la seconda volta in un mese il Consiglio di amministrazione Rai è costretto a rinviare su proposte di piani e di nomine presentate dal direttore generale e già bocciate - afferma il deputato del Partito democratico Michele Anzaldi -. A nulla sembra essere servito aver richiesto modifiche e approfondimenti. È possibile amministrare così un'azienda che gestisce quasi due miliardi di euro di canone degli italiani?».

Ultimi Palinsesti