Digital-News | News, Palinsesti, Video, Recensioni
Foto - Battaglia contro la Pirateria nel Calcio - Juventus vs Napoli e il Decreto Legge Caivano

Battaglia contro la Pirateria nel Calcio - Juventus vs Napoli e il Decreto Legge Caivano

Fonte: Gazzetta dello Sport

E
Economia
giovedì, 30 novembre 2023 - 20:00

Il ticchettio incessante dell'orologio si avvicina inesorabilmente al fatidico 7 dicembre. In quel venerdì imminente, il Decreto Legge Caivano, emanato sulla Gazzetta Ufficiale il 14 novembre, si impegna a gettare le basi per un colpo deciso contro i siti illegali. Un colpo destinato a coincidere con l'atteso scontro tra Juve e Napoli a Torino. L'approvazione della nuova legge da parte del Parlamento lo scorso luglio aveva aperto la strada a questa nuova fase nella lotta contro la pirateria, ma fino a ora, in effetti, il gioco non è ancora iniziato. Ma l'attesa è quasi finita.

Nei prossimi giorni, il cambiamento che broadcaster e Lega Serie A attendono con ansia sembra essere dietro l'angolo. Oltre 350 milioni di euro, come sottolineato più volte da Luigi De Siervo, amministratore delegato della Lega, vengono persi ogni anno a causa del "pezzotto" e dei siti che illegalmente trasmettono le gesta del nostro campionato. Una cifra imponente, un'emorragia economica che il sistema calcio deve arginare al più presto.

La piattaforma anti-pirateria è attualmente sotto l'attenzione dell'AgCom, che ne sta testando l'efficacia. Donata dalla Lega all'Autorità lo scorso agosto, è stato istituito un tavolo tecnico a settembre per definire i requisiti di funzionamento. Il processo di indebolimento della rete criminale sta per raggiungere un punto di svolta significativo. Una volta pienamente operativa, la piattaforma sarà in grado di bloccare gli indirizzi IP illegali entro soli 30 minuti dalla loro individuazione. Inoltre, consentirà alle forze dell'ordine di risalire alle persone coinvolte nell'illecita fruizione dei contenuti. Una mossa cruciale per contrastare la criminalità sofisticata, specialmente quella che opera attraverso hacker capaci di sottrarre il segnale TV dalle principali realtà internazionali.

Chi si avventura nei meandri dei siti pirata ignora spesso che i propri dati, utilizzati per l'acquisto di abbonamenti pirata, possono diventare vulnerabili. Dall'uso improprio dei propri dati personali a prelievi non autorizzati dai conti correnti, il rischio è concreto. Oltre alle possibili denunce penali e multe, coloro che frequentano tali siti mettono a repentaglio la propria identità digitale, finendo per utilizzare servizi gestiti da hacker e compromettendo i propri dispositivi, diventando potenziali vittime di truffe.

Il contrasto alla pirateria nello sport è ormai un imperativo categorico, affermato dai dati allarmanti emersi dall'ultima ricerca Fapav/Ipsos. Un aumento costante degli atti illegali, passati dai 14,7 milioni nel 2017 ai quasi 41 milioni nel 2022, evidenzia la crescente minaccia. L'incremento del 26% dal 2021 al 2022, e addirittura del 178% rispetto al 2017, mette in luce la gravità della situazione. Gli abbonati alle IPTV illegali, piattaforma digitale più diffusa, sono 3 milioni, il 6% della popolazione italiana oltre i 15 anni. La pirateria, purtroppo, si è insinuata nel tessuto sociale come una pratica tollerata, un piccolo scarto dalla norma anziché un vero reato.

Stefano Azzi, CEO di Dazn, sottolinea il problema culturale sottostante:

"Il valore che l'ecosistema della Serie A perde ogni anno è enorme, parliamo di cifre paragonabili agli ingaggi dei calciatori più pagati al mondo come Messi, Haaland, Mbappé, Neymar e De Bruyne. La pirateria è erroneamente accettata come un fenomeno 'positivo' dalla società."

Motori di ricerca, social network, app di messaggistica, blog e forum continuano a fungere da piattaforme per informarsi e consumare illegalmente contenuti audiovisivi. Sui social, come Facebook, Instagram, e Telegram, le offerte per la visione illegale di contenuti trovano terreno fertile, collezionando centinaia di interazioni senza essere disturbate. In questa cornice, l'impegno delle istituzioni, della Lega e dei broadcaster risulta essenziale, ma forse non sufficiente. La necessità di imporre responsabilità più stringenti al mondo dei social si fa sempre più evidente per fronteggiare questo fenomeno dilagante.

📰 LE ULTIME NEWS 🖊️

📺 ULTIMI PALINSESTI 📝

✨ ARCHIVIO VIDEO 🎥 TRE CASUALI OGNI VOLTA! 🔄✨

  • Foto - Corrado Guzzanti a SKY Tg24 presenta il suo nuovo show: ''Aniene''

    Corrado Guzzanti a SKY Tg24 presenta il suo nuovo show: ''Aniene''

    «Sono stato sceso sulla terra in mezzo ai mortali per riparare i torti e trionfare la giustizia, ma essi sono così confusi. Nei loro cuori albergano i sentimenti più bassi tipo la paura, la verità». E’ solo un piccolo assaggio di Aniene, un inedito personaggio di Corrado Guzzanti da cui prende il nome ...
    S
    Sky
      mercoledì, 08 giugno 2011
  • Foto - Rupert Murdoch colpito di striscio con piatto di schiuma da barba

    Rupert Murdoch colpito di striscio con piatto di schiuma da barba

    Un uomo ha tentato di tirare un piatto di schiuma da barba addosso al magnate dei media Rupert Murdoch, mentre stava rispondendo alle domande della Commissione Media del Parlamento britannico sullo scandalo delle intercettazioni. L'uomo è stato arrestato e la seduta è stata sospesa. Il responsabile dell'aggressione sarebbe l'attore comico Jonnie Marble...
    S
    Satellite
      martedì, 19 luglio 2011
  • Foto - 16 Dicembre 2011, Cielo Tv festeggia i suoi 2 anni

    16 Dicembre 2011, Cielo Tv festeggia i suoi 2 anni

    Due anni fa, nel dicembre 2009 sbarcava sul mercato del digitale terrestre CIELO, il primo canale in chiaro di News Corp visibile anche sulla piattaforma Sky. Cielo festeggia questo importante traguardo con nuovi record d'ascolto frutto di una programmazione nuova e accattivante per la tv free che dalla nascita ad oggi si è costantemente allarga...
    S
    Sky
      venerdì, 16 dicembre 2011