Mediaset, proteste dei direttori tg contro Di Pietro

News inserita da:

Fonte: Il Corriere della Sera

T
Televisione
  mercoledì, 20 febbraio 2008
 00:00
Clemente Mimun Giornata convulsa quella di ieri a Mediaset. Telefonate tra i direttori dei telegiornali e la direzione generale. Idee, riflessioni, proposte. L'annuncio di Antonio Di Pietro di togliere due reti a Mediaset ha prodotto rabbia e disappunto (e voglia di cavalcare l'onda per mostrare «il falso buonismo di Veltroni»). E così i tre direttori dei tg ieri sera sono apparsi in video (cronologicamente: Giorgio Mulé, direttore di Studio aperto alle 18.30, Emilio Fede, Tg4, alle 19; Clemente J. Mimun, Tg5, alle 20) con tre editoriali. Ognuno con il suo stile: tagliente Mulè, irridente Fede, pragmatico Mimun.
 
Tutti e tre d'accordo su una questione: Veltroni deve essere chiaro e prendere le distanze da Di Pietro. Durissimo Mulè. Per lui «spegnere due reti di Mediaset non è una proposta: equivale a un omicidio d'impresa premeditato, alla mortificazione del libero mercato». Chiede chiarezza: «Sono passate oltre 24 ore dall'uscita dell'alleato Di Pietro, ma ancora Veltroni non si è espresso. È intervenuto il ministro Gentiloni secondo il quale dovremmo stare tranquilli perché nel programma del Pd si prevede di spegnere non due, ma una sola rete. Come se chiedessimo a una persona se è felice di accomodarsi in sala operatoria per aver amputato un braccio piuttosto che due». E conclude confidando ai suoi telespettatori che è stata forte la «tentazione di non parlare più di politica nel mio tg».

Stessa forte tentazione provata da Fede. Anche lui si rivolge in tono confidenziale al suo pubblico. Parla di malinconia, rabbia. Definisce la proposta di Di Pietro «una mortificazione verso l'informazione, poiché chiuderebbero due telegiornali che hanno contribuito al pluralismo in Italia». Non manca la mozione degli affetti verso Walter: «Vorrei una risposta da Veltroni. Lui è una persona corretta ed è figlio di un grande giornalista che io ho avuto l'onore di conoscere».

Secco, asciutto Mimun. «Di Pietro, fin qui unico alleato del Pd — ha sottolineato il direttore del Tg5 — propone di cancellare quattro tasti dal telecomando, togliendo due reti alla Rai e due a Mediaset. Ma è davvero questo il programma del Pd? Su questioni fondamentali, che riguardano la libertà, è lecito attendersi una presa di posizione chiara dal candidato premier soprattutto per rispetto degli elettori». E per dimostrare quanto sia difficile il momento per l'Italia, e quanto la politica lontana dal sentire del Paese, cita Newsweek: «Oggi il prestigioso settimanale ci sbatte in copertina con la spazzatura in Campania. Parla di disastro Italia. Si chiede come sia possibile che un paese delizioso come il nostro sia diventato la zona politicamente ed economicamente disastrata d'Europa». E conclude amaro: «Purtroppo è questa l'Italia che si racconta nel mondo».

Maria Volpe
per "Il Corriere della Sera"

Ultimi Video

  • Sky Wifi, la visione del futuro

    Sky Wifi, la visione del futuro

    Solo chi ha sempre creduto nell’innovazione e nella creatività è in grado di immaginare il futuro.  E solo chi è in grado di immaginarlo può trasformare quella v...
    S
    Sky
      giovedì, 18 giugno 2020
  • ** 5G Tech Talk 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020 **

    ** 5G Tech Talk 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020 **

    La sfida Cina – Stati Uniti, il ruolo dell’Europa, il nuovo ruolo delle città intelligenti e le opportunità nei settori del turismo, della cultura, dei trasporti e dell&rsquo...
    S
    Satellite
      mercoledì, 20 maggio 2020
  • ** Switch Off Tech Talk 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020 **

    ** Switch Off Tech Talk 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020 **

    Ecco il primo Tech Talk organizzato da Comunicare Digitale in collaborazione con Natlive. Personalità di grandissimo livello si sono confrontate Martedì 28 Aprile per questo primo approf...
    D
    Digitale Terrestre
      martedì, 28 aprile 2020

Palinsesti TV