Il caso Europa 7 resta una spina per la maggioranza

News inserita da:

Fonte: Il Sole 24 Ore

T
Televisione
  venerdì, 15 giugno 2007
 00:00

Il caso Europa 7 irrompe nell'iter del Ddl Gentiloni. Diversi emendamenti, presentati da esponenti della maggioranza, ne chiedono il riconoscimento dei diritti negati dal rilascio della concessione nazionale. Non c'è solo questo però, nei testi depositati.

Europa 7Si parte, infatti, dall'attuazione della sentenza 422 della Corte Costituzionale del novembre 2002, per chiedere di far cessare la trasmissione in analogico alle emittenti eccedenti i limiti antitrust (Rete 4 e Tele+Nero, anche dopo la sua vendita). Le quali potranno continuare a trasmettere in digitale terrestre, via satellite e via cavo.

Nessuno potrà controllare più del 20% delle tv analogiche e più del 20% di quelle digitali: la legge Gasparri le aveva inserite nello stesso tetto.

Le frequenze così liberate, secondo i proponenti, andranno assegnate in via prioritaria ai destinatari delle concessioni rilasciate il 28 luglio 1999, che non abbiano potuto avviare l'attività a causa della mancata assegnazione delle frequenze. A Europa 7, quindi.

Le frequenze dovranno essere coordinate a livello internazionale e capaci di coprire l'80% del territorio e i capoluoghi di provincia. Cosa farà il Governo? È probabile che, pur riconoscendo le ragioni di Europa 7, dia parere negativo sull'emendamento. Un caso quanto mai spinoso, in ogni caso.

Bisognerà capire se potrà arrivare qualche voto dà singoli esponenti dell'opposizione. A proposito di tv il cui segnale analogico andrebbe spento, va segnalato come diversi esponenti del centro-sinistra abbiano presentato emendamenti che tendono a escludere una rete Rai dallo spegnimento anticipato previsto dal disegno di legge, aggiungendo l'aggettivo «privati» ai soggetti interessati.

L'opposizione, invece, vuol abrogare i commi sullo spegnimento anticipato e la successiva redistribuzione delle frequenze. Quanto alle frequenze "ridondanti", Forza Italia, dopo averle circoscritte in un emendamento a quelle «non necessarie a raggiungere aree anche a ridotta densità di popolazione», propone, in un altro emendamento, la loro cessione «a condizioni di mercato».

La Lega propone di creare il PODTV, piano operativo per far portare un terzo dell'Italia al digitale nel novembre 2008 e chiudere la pratica il 30 novembre 2010. La regione Sardegna, se tutto andrà bene, spegnerà l'analogico nel marzo 2008.

Per incentivare nuovi canali, l'opposizione chiede il taxshelter, ossia la defiscalizzazione, dal reddito degli utili reinvestiti in palinsesti tv. A favore di tutti i fornitori di contenuti, non solo dei nuovi entranti o dei produttori indipendenti

Quanto alla capacità trasmissiva da cedere a terzi, l'opposizione vuol ridurne la percentuale dal 40% al 20% mentre diversi esponenti della maggioranza chiedono di limitare a due il numero delle reti digitali per soggetto (in Europa nessun privato utilizza più di un multiplex).

Marco Mele
per "Il Sole 24 Ore"

Ultimi Video

  • Spot TIM - Il calcio, la piu grande passione degli italiani

    Spot TIM - Il calcio, la piu grande passione degli italiani

    TIM dedica al calcio il suo nuovo spot istituzionale che racconta oltre 100 anni della più grande passione sportiva degli italiani, attraverso l’evoluzione dei mezzi di comunicazione nel ...
    T
    Televisione
      mercoledì, 16 giugno 2021
  • Secondo video tutorial (Risintonizzazione) verso digitale terrestre DVB-T2

    Secondo video tutorial (Risintonizzazione) verso digitale terrestre DVB-T2

    Nel corso del 2021, si attuerà progressivamente il processo di riorganizzazione delle frequenze tra emittenti televisive con conseguente necessità per gli utenti di dover risintonizzare ...
    D
    Digitale Terrestre
      martedì, 09 marzo 2021
  • Tech Talk Ott & Streaming 9 Marzo 2021 (diretta)

    Tech Talk Ott & Streaming 9 Marzo 2021 (diretta)

    24esimo appuntamento in diretta streaming con i TECH TALK, organizzati da Comunicare Digitale in collaborazione con Digital-News.it. Un percorso di informazione con edizioni anche in lingua inglese e ...
    T
    Televisione
      martedì, 09 marzo 2021

Palinsesti TV