Switch Off in Abruzzo, le operazioni di lunedi 14 maggio

News inserita da:

Fonte: Digital-Sat (original)

D
Digitale Terrestre
  lunedì, 14 maggio 2012
 06:00

Proseguono le operazioni di switch off in Abruzzo: oggi il vecchio sistema analogico si spegnerà definitivamente in una quarantina di comuni nella regione della Marsica, tra cui ricordiamo brevemente Avezzano, maggiore centro della zona, in provincia dell'Aquila.

«Distrutta completamente dal terremoto del 1915, la città di Avezzano è stata ricostruita negli anni seguenti. Al periodo dei romani risale la fondazione del centro abitato sul lago, dopo che fu effettuato il prosciugamento ad opera dell’imperatore Claudio. Nel corso dei secoli subì una serie di attacchi e di distruzioni tra le quali si annovera quella operata da Francesco Del Balzo, nel XIV secolo. Fu feudo degli Orsini che alla fine del quattrocento costruirono il castello, notevole per le proporzioni e per gli ornamenti. Nell’ottocento, aboliti i feudi, la famiglia Torlonia, che sostenne il prosciugamento del Fucino, vi ebbe una posizione dominate. A Palazzo Torlonia si raccolsero gli oggetti trovati nel lago durante i lavori. Furono poi i Colonna a dominare nella città.

Posta nella Piana del Fucino, cuore della produzione agricola abruzzese, Avezzano conserva solo pochi tratti dell’antica città. Del castello medioevale resta un portale con arco ogivale. I restauri effettuati negli ultimi anni, hanno messo in luce una struttura quadrangolare con mastio e quattro torrioni rotondi angolari. Il castello Orsini rappresenta dunque un monumento significativo nel parco comunale, con la fontana centrale Caput Aquae dalla quale partiva il primo acquedotto di Avezzano. Nell’architettura degli anni ’20 di Avezzano spiccano numerose ville liberty costruite secondo leggi antisismiche, tra le quali si distingue l’unica abitazione rimasta in piedi dopo il sisma del 1915. Nelle immediate vicinanze merita attenzione il Parco Archeologico dei cunicoli di Claudio con i resti delle opere e delle attrezzature usate per effettuare il prosciugamento del lago e le grotte di Ciccio Felice, sito del paleolitico. L’economia della città si basa essenzialmente sulla agricoltura e sulle grandi produzioni di carote e patate» (da viviabruzzo.it).

L'elenco degli altri comuni coinvolti è disponibile come al solito qui di seguito, dopo alcuni link utili per seguire al meglio lo switch off abruzzese.

Link utili per lo switch-off in Abruzzo:

 

Switch Off in Abruzzo

Ultimi Palinsesti