Focus - Telecom, presto a.d., Vivendi guarda anche Mediaset e Francia

Focus - Telecom, presto a.d., Vivendi guarda anche Mediaset e Francia

News inserita da:

Fonte: Ansa

E
Economia
  sabato, 26 marzo 2016
 22:50

Focus - Telecom, presto a.d., Vivendi guarda anche Mediaset e Francia Si stringe sul nuovo amministratore delegato di Telecom mentre i tempi slittano per la cessione di tutta o parte di Inwit anche perché e' stato chiesto a Consob e Antitrust un parere sulle due offerte concorrenti. Con il principale azionista Vivendi che ha molte cose cui pensare in questo lungo ponte di Pasqua: dall'intesa con Mediaset nella pay tv a diversi affari 'pesanti' in Francia, sui quali sta incontrando resistenze forse non del tutto attese. Nella partita per la societa' delle torri l'offerta di Cellnex-F2i e' di 4,9 euro per azione per il 50% della controllata, con successivo obbligo di Opa totalitaria, mentre quella di Ei Towers dovrebbe permettere a Telecom di mantenere nel perimetro Inwit. La prima offerta potrebbe avere problemi di concentrazione, la seconda di dover comunque procedere a un'Opa e quindi, secondo quanto emerge, il Cda del gruppo Tlc ha deciso di chiedere un parere rispettivamente all'Antitrust e alla Consob, dalle quali si attende una riposta.

Intanto per il nuovo amministratore delegato i 'cacciatori di teste' del gruppo statunitense Korn Ferry hanno - come sempre in questi casi - fatto una rosa di nomi, che il comitato nomine analizzera' forse gia' martedì prossimo, in contatto con il presidente Giuseppe Recchi. Secondo diverse fonti finanziarie, in 'pole position' resta Flavio Cattaneo, 52 anni, numero uno di Ntv, consigliere indipendente Telecom e Generali, gia' al vertice di Terna e direttore generale della Rai. Ma, per ora a inseguire, ci sarebbero altri due candidati di peso, la cui comparsa potrebbe servire anche a far abbassare le richieste dello stesso Cattaneo per lasciare il vertice del gruppo ferroviario, al quale e' stato tra l'altro confermato da poco. Con buone carte appare René Obermann, 53 anni, fino al 2014 amministratore delegato di Deutsche Telekom, al momento libero: un profilo per un cambiamento forte del gruppo delle Tlc, anche perché Obermann ha esperienze professionali e personali che mai hanno toccato l'Italia.

Un elemento, questo, che non sarebbe del tutto gradito in ambito governativo, mentre l'altro candidato straniero rappresenterebbe una rivoluzione per altri motivi. e' Tom Mockridge, amministratore delegato di News International, 'uomo-Murdoch' da sempre, con moglie italiana e lunghi periodi passati nella penisola anche dopo aver lasciato il ruolo di amministratore delegato di Sky Italia. Ed e' ovvio che una sua scelta farebbe capire che la strategia per Telecom sarebbe sempre più quella di un'alleanza o anche di un'integrazione con i produttori di contenuti. Per quel che riguarda direttamente Mediaset, Vivendi sta per ora facendo lavorare i legali alle clausole dell'accordo per la piattaforma 'pay' che, in caso di scambio azionario alla pari, potrebbe comprendere Mediaset Premium come conguaglio. Tempi vicini ma non immediati, anche perché l'operazione dovra' passare da consigli di amministrazione straordinari delle societa' coinvolte, che non risultano ancora convocati.

Per ora comunque si parla solo di 'carta contro carta', anche perché Vivendi di liquidita' ne dovra' preparare parecchia per chiudere In Francia due dossier difficili. Uno e' quello per la distribuzione di beIN sports sul quale, secondo la stampa transalpina, Canal+ sta mettendo sul piatto un miliardo e mezzo per cinque anni. L'altro e' la complicata scalata ai gruppi dei videogiochi Gameloft e Ubisoft, contro la quale si e' schierata pubblicamente il segretario di Stato, con delega alla materia, Axelle Lemaire.

Ultimi Video

Palinsesti TV