Mediaset, giornalisti Tg5: «Trasferimenti non ancora smentiti con comunicato ufficiale».

Mediaset, giornalisti Tg5: «Trasferimenti non ancora smentiti con comunicato ufficiale».

News inserita da:

Fonte: RadioCor

E
Economia
  giovedì, 16 febbraio 2017
 20:00

Mediaset, giornalisti Tg5: «Trasferimenti non ancora smentiti con comunicato ufficiale». Voci e indiscrezioni che ipotizzano per Mediaset esuberi e trasferimenti in blocco dal centro di produzione Palatino a Milano «non sono ancora state smentite con un comunicato ufficiale». Lo affermano i giornalisti del Tg5, e delle redazioni romane di News Mediaset, Tgcom24 e Videonews, riuniti in assemblea sull'attuale situazione dell'informazione del gruppo Mediaset.

«L'azienda ha presentato le linee guida del piano triennale che - sottolinea l'assemblea dei giornalisti - prevedono 123 milioni di 'efficienze organizzative' ovvero risparmi che interesseranno anche il settore news, già oggetto di sostanziosi tagli, nonostante un forte incremento di produttività». Inoltre, proseguono i giornalisti, nel piano «che indica in Premium la fonte maggiore di risparmi, ovvero 200 milioni, non viene chiarito quale sia il futuro dei colleghi dello sport».

Ieri l'azienda ha rassicurato i rappresentanti sindacali affermando che al momento non c'è allo studio nessun taglio occupazionale strutturale nè trasferimento di siti produttivi. Infine l'assemblea ricorda che nel settore dell'informazione televisiva è stata annunciata la chiusura del centro di produzione romano di Sky TG24 con trasferimento di tutti i dipendenti lasciando un piccolo presidio nella capitale. Elemento che crea danno all'occupazione nel settore dell'informazione televisiva.

«Storicamente - sottolinea l'assemblea - Mediaset ha costruito negli anni il proprio successo d'impresa e la propria credibilità nell'informazione con due forti presenze produttive di uomini e mezzi a Milano e a Roma. Sarebbe inoltre grave assistere a un crescente depauperamento non solo della pluralità dell'informazione televisiva, ma delle realtà produttive e culturali della capitale. Pertanto l'assemblea ritiene irricevibile qualsiasi ipotesi di ridimensionamento del ruolo del centro produttivo di Roma Palatino e di fronte a qualsiasi eventuale tentativo di ridimensionare il polo produttivo del Palatino, l'assemblea conferisce ai rispettivi Cdr delle diverse testate un pacchetto di tre giorni di sciopero da articolare secondo modalità da stabilire. L'assemblea congiunta conferisce mandato ai Cdr di TG5, e redazioni romane di News Mediaset, Tgcom 24 e Video News, di avviare insieme al coordinamento dei Cdr Mediaset e alla Fnsi, un confronto con l'azienda sul nuovo piano industriale triennale per chiedere un ruolo forte per le News, la tutela dell'occupazione e chiarezza sul futuro dei colleghi di Premium Sport».

Ultimi Palinsesti