Rai e Web, vorrei ma (ancora) non posso

News inserita da:

Fonte: Italia Oggi

I
Internet e Tv
  sabato, 07 aprile 2007
 00:00
Un contratto di servizio Rai-ministero multimediale, si è strillato da più parti. Ed effettivamente il documento che affida il servizio pubblico radiotelevisivo all'azienda di viale Mazzini lo è. Peccato che per ora si tratti più di promesse che di realtà che sulla strada della realizzazione troveranno non pochi ostacoli, dalle risorse economiche alla vista più o meno lungimirante dei dirigenti.
 
Di passi concreti, a onor del vero, finora se ne sono fatti, dal digitale terrestre, al mobile, a internet. Ma è in quest'ultima piattaforma che la Rai deve recuperare un bel po' di terreno perduto, non tanto nei confronti della concorrenza italiana, quanto nei confronti in generale di tutto ciò che la rete è ormai in grado di offrire e che altre emittenti estere sfruttano a pieno.
 
La prima delusione che arriva dal contratto è quella dei contenuti audio-video che saranno inseriti sul portale Rai. Ormai è definitivo quello che si sapeva già da un po': gli utenti non avranno a disposizione tutta la produzione di viale Mazzini, ma molto, molto meno. La prima bozza del contratto è stata infatti corretta per sottrazione e ora si parla appena di un impegno a «definire una strategia di valorizzazione della propria produzione editoriale e i propri diritti audiovisivi» nelle diverse piattaforme, compreso internet.
 
In concreto i contenuti arriveranno on-line ma sarà un processo cauto, indirizzato agli utenti che navigano in Italia, in regola con l'abbonamento e, soprattutto, limitato da sistemi di protezione elettronica, i cosiddetti Drm, Digital rights management. Tutto, è vero, per rispettare le norme, il diritto d'autore, ma gli impegni, si sa, spesso lasciano il tempo che trovano. La stessa selezione di contenuti, al posto di una fruizione più generale di quanto trasmesso dalla Rai, dipende dai limiti imposti dalla legge sul diritto d'autore, come ha spiegato più volte il ministro Paolo Gentiloni. Bisognerebbe, in sostanza, acquisire di volta in volta i diritti di trasmissione sul web, anche di produzioni vecchie di cui si possiedono solo i diritti di sfruttamento radiotv. Per
questo si farebbe prima (per modo di dire) a cambiare quella legge, che ormai si mostra datata. E così impegno si scontra con vincolo.
 
Non sarà poi facile usare il Drm, che come sistema di protezione è stato più volte criticato perché apporta vincoli che mal si conciliano con la fruibilità facile e veloce dei contenuti sulle diverse piattaforme. Questi software antipirateria, a seconda di come sono utilizzati, impediscono di fare copie diverse dello stesso contenutoceli portarlo dal pc all'i-Pod o sul dvd e via di seguito. Tanto che non manca chi, anche produttore dì contenuti, ha criticato questi sistemi perché freno reale alle vendite legali on-line.
 
L'esempio dell'accordo fra Apple ed Emi per vendere su iTunes brani di grande qualità senza protezione di Drm è significativo. La mente, è ovvio, corre a quanto finora ha fatto la Bbc in questo campo. Siti di grande qualità con i propri contenuti gratis e a pagamento, accordi con i portali internazionali per la vendita dei programmi hanno fatto e continuano a fare notizia. Certo, si dirà, molti contenuti della Bbc hanno un'appetibilità maggiore di quelli della Rai. Il fatto è che il colosso britannico si muove con un'agilità e sveltezza nella rete che nemmeno i concorrenti privati hanno.
 
Tornando alla Rai, fra i tanti si può citare un ultimo impegno positivo: se tutto va bene ci saranno forum, in grande evidenza, in cui gli utenti potranno interagire, commentare  i programmi e via di seguito. Messi gli opportuni paletti, ci potrà essere anche posto per  i   contenuti autoprodotti sempre dagli utenti. Ancora due elementi di cui on-line sembra non si possa più fare a meno.
 
Andrea Secchi
per "Italia Oggi"

Ultimi Video

  • Tech Talk Connect 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020

    Tech Talk Connect 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020

    Comunicare Digitale è orgogliosa di annunciare la partenza dei nuovi appuntamenti di TECH TALK, a partire dal 10 Settembre 2020. 5 appuntamenti a Settembre, 7 ad Ottobre, con edizioni anche in ...
    T
    Televisione
      giovedì, 10 settembre 2020
  • Ilaria D'Amico, il saluto a Sky Sport

    Ilaria D'Amico, il saluto a Sky Sport

    Dopo 18 anni, Ilaria d'Amico, storica conduttrice di Sky Calcio Show e di Champions League Show ha deciso di intraprendere un nuovo percorso professionale, sempre a Sky, allontanandosi dal calcio...
    S
    Sky
      lunedì, 24 agosto 2020
  • Sky Upfront 2020, Back to Next | Presentazione Palinsesti Sky 2020-2021

    Sky Upfront 2020, Back to Next | Presentazione Palinsesti Sky 2020-2021

    Enrico Papi al piano per aprire gli UpFront Sky 2020. Quello che non ti aspetti per una nuova stagione che non ti aspetti. Tra conferme e sorprese, qualità e innovazione, con lo sguardo sempre ...
    S
    Sky
      mercoledì, 22 luglio 2020

Palinsesti TV