Venezia, presentata la coproduzione Sky The Young Pope di Paolo Sorrentino

Venezia, presentata la coproduzione Sky The Young Pope di Paolo Sorrentino

News inserita da:

Fonte: Adnkronos

S
Sky Italia
  sabato, 03 settembre 2016
 18:14

Venezia, presentata la coproduzione Sky The Young Pope di Paolo Sorrentino«Reazioni dal Vaticano? E' un problema del Vaticano, non mio». Paolo Sorrentino, presentando a Venezia, con Jude Law, il suo 'The Young Pope', due le puntate portate al Lido in anteprima mondiale, taglia corto in materia di possibili polemiche con la Santa Sede, Sorrentino aggiunge solo che «se avranno la pazienza di vederlo fino in fondo capiranno che e' un lavoro che affronta con curiosità, onestà, senza pregiudizio né intolleranza, fin dove può, perché dieci ore non sono un tempo sufficiente, le contraddizioni, le difficoltà ma anche le cose affascinanti del clero e di un prete diverso dagli altri, che e' il Papa». 'The Young Pope', serie televisiva in 10 episodi, prodotta da Sky, HBO e Canal +, andrà in onda su Sky Atlantic a partire dal 21 ottobre. La serie ruota intorno alla figura di Lenny Belardo (Jude Law), il primo Papa americano della storia, alias Pio XIII, nonché il più giovane mai eletto (47 anni) da un Conclave.

L'elezione di Belardo, carismatico e affascinante, sembrerebbe il risultato di una strategia mediatica semplice ed efficace del collegio cardinalizio. Ma, com'e' noto, le apparenze ingannano. Soprattutto nel luogo e tra le persone che hanno scelto il grande mistero di Dio come bussola della loro esistenza. Quel luogo e' il Vaticano, quelle persone sono i vertici della Chiesa. E il più misterioso e contraddittorio di tutti si rivela Pio XIII. Scaltro e ingenuo, ironico e pedante, antico e modernissimo, dubbioso e risoluto, addolorato e spietato, Pio XIII prova ad attraversare il lunghissimo fiume della solitudine dell'uomo per trovare un Dio da regalare agli uomini. E a se stesso. «Lavorare con Paolo Sorrentino e' stata un'opportunità unica. Mi ha dato la possibilità di interpretare un personaggio contraddittorio, pieno di contrasti. L'idea di vestire i panni del Papa mi spaventava, ma Paolo mi ricordava sempre che parlavamo di un uomo, guarda caso eletto al soglio pontificio», spiega Jude Law.

Chiamato anche a riflettere sulle questioni legate alla fama e alle sue declinazioni, Law aggiunge: «Non ho mai pensato alle similitudini tra la figura del Papa e quella di un attore. Certo e' che quando si riveste un ruolo pubblico si ha sempre un dilemma tra chi si e' nel privato e come ci si vuole rappresentare di fronte alle masse». Ambivalenza e contraddizione che il pilot di Sorrentino coglie appieno almeno in tre momenti: nella straordinaria sequenza iniziale che anticipa il sogno di un'omelia rivoluzionaria e impronosticabile, nella scelta da parte di Pio XIII di rivedere completamente le strategie di marketing legate all'utilizzo della sua immagine, portando come esempio i grandi artisti 'velatì dei nostri tempi, come Salinger, Kubrick, i Daft Punk, Mina, Banksy. E, ancora nella prima omelia - questa volta reale (?) - del nuovo Pontefice, durissimo con la folla accorsa da ogni parte del mondo: «Vi siete dimenticati di Dio. Non vi indicherò nessuna strada: cercatela».

Un Pontefice «diametralmente opposto all'attuale Bergoglio, proprio perché potrebbe accadere che dopo un Papa liberale ne arrivi uno più conservatore», spiega Sorrentino, che incalzato su quali possano essere, secondo lui, i lati positivi della Chiesa, risponde: «Sono molti, talmente tanti che con il poco tempo che abbiamo a disposizione non si riesce ad espletarli tutti». Fanno parte di quel mondo, nella serie, i personaggi interpretati da Javier Camara (Monsignor Gutierrez), Scott Sheperd (Cardinal Dussolier), Toni Bertorelli (Cardinale Caltanissetta), James Cromwell (Cardinale Spencer) ma, soprattutto, da Diane Keaton (Suor Mary, colei che accolse Lenny bambino in orfanotrofio, ora fortemente voluta al suo fianco da Sua Santità) e da Silvio Orlando che e' il Cardinale Voiello, «l'uomo dietro le quinte» che governa realmente all'interno del Vaticano. Almeno fino all'arrivo del nuovo Papa. «Il male e' distribuito in tutti gli esseri umani alla stessa maniera, indipendentemente dalla veste che indossano», spiega l'attore partenopeo, chiamato a recitare in inglese nella serie: «Ringrazio la mezza dozzina di dialogue coach che ho sterminato in questa esperienza, la pazienza infinita che hanno avuto per portarmi vivo alla fine del percorso».

Venezia, presentata la coproduzione Sky The Young Pope di Paolo Sorrentino

Il cast di "The Young Pope" durante la presentazione alla Mostra del Cinema - Venezia, 3 Settembre 2016

Ultimi Video

Palinsesti TV