Inquadrate il presidente Moratti ha un labiale per tutti

News inserita da:

Fonte: La Repubblica

S
Sport
  lunedì, 12 marzo 2007
 00:00
I calciatori di A e B sono entrati in campo con la ma­glietta "Liberateli", per Da­niele Mastrogiacomo e gli al­tri ostaggi italiani nelle mani dei terroristi, ma non è che le televisioni si siano granché prodigate nel sottolineare l'appello.

Massimo Moratti ha ormai le telecamere fisse addosso a ogni presenza in tribuna. Co­me Galliani, ma questi è abi­tuato e al massimo si scompo­ne in esultanze mute. Moratti invece manda platealmente di qui e di là arbitri e awersari (ie­ri il telecronista Mediaset: «E' appena finito Sanremo, e Mo­ratti ha mandato Ronaldo a cantare»).
Ieri è stato inoltre beccato nel gesto dell'ombrel­lo e nelle ultime tre o quattro domeniche ha collezionato una sequenza di labiali che al porto di Civitavecchia, al con­fronto, sono puri dilettanti.

-
L'inopinato uno-due dell'Inter ha tramortito gli echi del gol di Ronaldo, già destinato a diventare una sorta di semidio nelle trasmissioni successive. Il personaggio, comunque, è sempre, diciamo, appetito. Nel prepartita di Sky, Oriali in colle­gamento si lanciava in un «Se­condo me le strisce rosse della maglia lo allargano un po'». In­vece a Guida al Campionato, Italia 1, sono cessate di colpo le prese in giro sul Ronaldo "gordo". Sicuramente perché è di­magrito.

- E', giustamente, il momento del rugby. A La7 sono felici per gli ascolti (ben oltre il milione di spettatori e il 10 per cento per la sfida con il Galles). Bisogna solo decidere come arginare la furia telecronistica di Paolo Cecinelli, che va in estasi e produce frasi del tipo «Troncon guida il carrettino, è il nostro Ben Hur!» (carretti­no?). Oppure lancia un appello alla nazione: «Forza, spingiamo tutti, spingete anche voi da casa».

- All'Inter tira aria di rivincite, e non osiamo immaginare cosa starà pensando Mancini dell'in­temerata di Mario Mattioli, sa­bato sera su Raidue, che riferen­dosi a Valencia si è lanciato in un «Sappiamo che Mancini non brilla per agilità e acutezza nelle scelte da fare in partita».

- Invece sembra proprio che sia stata involontaria, una semplice gaffe, la frase con cui Amedeo Goria ha congedato il tecnico nerazzurro dopo l'intervista nel dopogara di Valencia: «Bene,
possiamo licenziare Mancini».

- Grande performance violini­stica del maestro Salvatore Accardo, ospite da Fazio. Al termi­ne, brandendo minaccioso uno Stradivari del 1700, ha risposto a domande sulla sua Juve sostenendo che la società non ha commesso illeciti, che è l'unica squadra che ha pagato, mentre altri che falsificavano i passa­porti non hanno pagato. Moggi avrà esclamato: musica per le mie orecchie.

- «Sì, mi fa male il braccio. Ho urtato con la spalla mentre gio­cavo al Fantacalcio». (Doctor House, Italia 1).

Antonio Dipollina
per "La Repubblica"

Ultimi Video

Palinsesti TV