Per Radio e Tv in cantiere un 'codice' per lo sport

News inserita da:

Fonte: Il Sole 24 ore

S
Sport
  lunedì, 16 aprile 2007
 00:00

Un codice di autoregolamentazione da seguire durante le trasmissioni di commento degli avvenimenti sportivi

Prevede anche questo il decreto — convertito in legge lo scorso 4 aprile — per la prevenzione e la repressione di fenomeni di violenza legati allo sport.

Un testo cui lavoreranno esperti dei ministeri delle Comunicazioni e delle Politiche giovanili e attività sportive, dell'Authority delle Comunicazioni, dei principali canali televisivi italiani, delle associazioni televisive e radiofoniche, dei rappresentanti della stampa e degli editori.

Un apposito comitato vigilerà affinché le norme redatte vengano rispettate: una sorta di occhio critico, puntato su radio e televisioni, pronto a difendere i valori di competizione sportiva leale e rispettosa dell'avversario.

Il settore non era però privo di regolamentazione. Il testo unico della radiotelevisione (Dlgs n.177/2005) prevedeva già l'adozione di specifiche misure, in particolare nei programmi di commento di avvenimenti calcistici.

Per la tutela degli utenti più deboli, poi, le imprese televisive pubbliche e private avevano aderito al codice di autoregolamentazione tv e minori, testo approvato nel 2002 e ribadito anche dalla legge Gasparri del 2004.

Ma l'attenta vigilanza su toni e parole di chi commenta lo sport può in qualche misura ridurre o prevenire la guerriglia fuori e dentro gli stadi? E ancora, il testo unico della radiotelevisione è conosciuto dagli addetti ai lavori? La risposta dei diretti interessati alla seconda domanda è no .

Dalla redazione sportiva della Rai a quella di Mediaset, proseguendo per radio e tv minori, nessuna delle persone interpellate si è mai confrontata con le misure indicate dal testo. «È il senso di responsabilità che guida il mio lavoro — commenta Marco Civoli, giornalista e telecronista di Rai sport— non certo un" codice"».

Un momento di 'Controcampo'«Non vedo come commenti, anche "accesi", possano indurre alla violenza negli stadi»,pun-ruahzza Alberto Brandi, caporedattore della redazione sportiva di Mediaset. «In Francia, Inghilterra e Germania non mancano le violenze tra le tifoserie e non esistono i programmi di commento sportivo», aggiunge Fabio Ravezzani, giornalista e conduttore di Telelombardia.

Le maggiori contestazioni per toni e linguaggio sono dirette soprattutto alle radio. «Voglio sentirmi libero di commentare quello che voglio —conclude Mario Corsi (per tutti Marione), storico capo della tifoseria della Roma e conduttore radiofonico — altrimenti sarebbe come vivere sotto una dittatura».

«Ben venga un codice di autoregolamentazione — commenta Gigi Garanzini, giornalista e conduttore di Radio 24 —. Credo però che la cultura sportiva in Italia si debba fare dal basso piuttosto che dall'alto».

Rosalba Reggio
per "Il Sole 24 Ore"

Ultimi Video

  • Tech Talk Connect 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020

    Tech Talk Connect 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020

    Comunicare Digitale è orgogliosa di annunciare la partenza dei nuovi appuntamenti di TECH TALK, a partire dal 10 Settembre 2020. 5 appuntamenti a Settembre, 7 ad Ottobre, con edizioni anche in ...
    T
    Televisione
      giovedì, 10 settembre 2020
  • Ilaria D'Amico, il saluto a Sky Sport

    Ilaria D'Amico, il saluto a Sky Sport

    Dopo 18 anni, Ilaria d'Amico, storica conduttrice di Sky Calcio Show e di Champions League Show ha deciso di intraprendere un nuovo percorso professionale, sempre a Sky, allontanandosi dal calcio...
    S
    Sky
      lunedì, 24 agosto 2020
  • Sky Upfront 2020, Back to Next | Presentazione Palinsesti Sky 2020-2021

    Sky Upfront 2020, Back to Next | Presentazione Palinsesti Sky 2020-2021

    Enrico Papi al piano per aprire gli UpFront Sky 2020. Quello che non ti aspetti per una nuova stagione che non ti aspetti. Tra conferme e sorprese, qualità e innovazione, con lo sguardo sempre ...
    S
    Sky
      mercoledì, 22 luglio 2020

Palinsesti TV