Per Radio e Tv in cantiere un 'codice' per lo sport

News inserita da:

Fonte: Il Sole 24 ore

S
Sport
  lunedì, 16 aprile 2007
 00:00

Un codice di autoregolamentazione da seguire durante le trasmissioni di commento degli avvenimenti sportivi

Prevede anche questo il decreto — convertito in legge lo scorso 4 aprile — per la prevenzione e la repressione di fenomeni di violenza legati allo sport.

Un testo cui lavoreranno esperti dei ministeri delle Comunicazioni e delle Politiche giovanili e attività sportive, dell'Authority delle Comunicazioni, dei principali canali televisivi italiani, delle associazioni televisive e radiofoniche, dei rappresentanti della stampa e degli editori.

Un apposito comitato vigilerà affinché le norme redatte vengano rispettate: una sorta di occhio critico, puntato su radio e televisioni, pronto a difendere i valori di competizione sportiva leale e rispettosa dell'avversario.

Il settore non era però privo di regolamentazione. Il testo unico della radiotelevisione (Dlgs n.177/2005) prevedeva già l'adozione di specifiche misure, in particolare nei programmi di commento di avvenimenti calcistici.

Per la tutela degli utenti più deboli, poi, le imprese televisive pubbliche e private avevano aderito al codice di autoregolamentazione tv e minori, testo approvato nel 2002 e ribadito anche dalla legge Gasparri del 2004.

Ma l'attenta vigilanza su toni e parole di chi commenta lo sport può in qualche misura ridurre o prevenire la guerriglia fuori e dentro gli stadi? E ancora, il testo unico della radiotelevisione è conosciuto dagli addetti ai lavori? La risposta dei diretti interessati alla seconda domanda è no .

Dalla redazione sportiva della Rai a quella di Mediaset, proseguendo per radio e tv minori, nessuna delle persone interpellate si è mai confrontata con le misure indicate dal testo. «È il senso di responsabilità che guida il mio lavoro — commenta Marco Civoli, giornalista e telecronista di Rai sport— non certo un" codice"».

Un momento di 'Controcampo'«Non vedo come commenti, anche "accesi", possano indurre alla violenza negli stadi»,pun-ruahzza Alberto Brandi, caporedattore della redazione sportiva di Mediaset. «In Francia, Inghilterra e Germania non mancano le violenze tra le tifoserie e non esistono i programmi di commento sportivo», aggiunge Fabio Ravezzani, giornalista e conduttore di Telelombardia.

Le maggiori contestazioni per toni e linguaggio sono dirette soprattutto alle radio. «Voglio sentirmi libero di commentare quello che voglio —conclude Mario Corsi (per tutti Marione), storico capo della tifoseria della Roma e conduttore radiofonico — altrimenti sarebbe come vivere sotto una dittatura».

«Ben venga un codice di autoregolamentazione — commenta Gigi Garanzini, giornalista e conduttore di Radio 24 —. Credo però che la cultura sportiva in Italia si debba fare dal basso piuttosto che dall'alto».

Rosalba Reggio
per "Il Sole 24 Ore"

Ultimi Video

Palinsesti TV