Canale 5, lo speciale di 'Matrix' sul generale Dalla Chiesa

News inserita da:

Fonte: Digital-Sat.it (com. stampa)

T
Televisione
  giovedì, 30 agosto 2007
 00:00
Della ChiesaNella puntata in onda domani 31 agosto su Canale 5 in seconda serata, Matrix ricorda il 25° anniversario della morte del Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa. In studio, insieme ad Enrico Mentana, Rita e Nando Dalla Chiesa ripercorrono la vita del loro padre, il Generale dei Carabinieri morto in un agguato di mafia insieme a sua moglie Emanuela Setti Carraro, il 3 settembre del 1982.

Dalla lotta al terrorismo, “durante il quale”, dichiara Nando Dalla Chiesa, “non c’era un clima di simpatia nei confronti di mio padre perché era considerato dai movimenti studenteschi ma anche dalla stampa, un golpista”.
 
Nella puntata anche un’intervista a Giorgio Bocca che, su La Repubblica, scrisse l’intervista “Quell’uomo solo contro la mafia”, in cui il Generale Dalla Chiesa gli affidò un grido d’allarme che ebbe però l’unico effetto di isolarlo ulteriormente. Bocca ricorda a Matrix il suo incontro con il Generale, il quale, tra le altre cose, gli confidò: “Sono qui da giorni e il telefono non squilla mai. È chiaro che vogliono farmi la pelle: la mafia la prima cosa che fa è crearti il vuoto intorno”.
 
Nando Dalla Chiesa a Matrix, ricorda le parole del padre: “Tutto questo succede perché in questo Paese una tessera di partito conta più dello Stato”. E dichiara che il padre, prima di lanciare il grido d’allarme tramite l’intervista, “cercava alleanze: con gli operai dei cantieri, con il Cardinale Pappalardo, con i preti che iniziavano a schierarsi contro la mafia. Ma dopo questa famosa intervista di Bocca non successe nulla: il governo non si mosse ed anzi dimostrò un grande imbarazzo”.
 
E Rita, figlia del Generale Dalla Chiesa, ricorda che il padre “chiedeva appuntamenti a personaggi politici ma c’era un silenzio totale, assordante. Nessuno rispondeva, Il Segretario della Democrazia Cristiana per primo”. E ancora: “mio padre è stato sepolto velocemente, non lo abbiamo visto neanche noi. Ai funerali i politici vennero accolti con fischi, perché la gente a Palermo sapeva cosa era successo”.
 
Nando Dalla Chiesa ricorda il momento in cui ha sentito un impulso di grande ingiustizia: “alla Festa dell’Amicizia, durante un dibattito, Gianpaolo Pansa chiese ad Andreotti perché non era andato ai funerali del generale Dalla Chiesa e il Senatore rispose che preferiva andare ai battesimi”.
 
MatixMatrix racconta, con testimonianze e filmati inediti, la storia del generale Dalla Chiesa partendo dal suo impegno nella lotta alle Brigate Rosse, da cui uscì vittorioso grazie all’arresto del brigatista Patrizio Peci, fino all’arrivo a Palermo.

Ultimi Video

Palinsesti TV