Serie tv, quando il sangue fa audience in tv

News inserita da:

Fonte: Il Tempo

T
Televisione
  domenica, 09 dicembre 2007
 00:00
Una vecchia auto ammaccata piena di fango e liquami parcheggiata in un laboratorio foderato di cellophane; un ragazzo e una ragazza in tuta protettiva guardano all'interno dal finestrino, poi aprono uno sportello lasciando che il fango coli a terra; dall'interno della vettura la ragazza raccoglie un teschio con appiccicati capelli e brandelli di pelle. Al centro della fronte un foro perfettamente circolare. La ragazza lo guarda e dice: «adesso almeno sappiamo come è morto»: non è un'incubo e nemmeno un film vietato ai minori, ma solo una scena del telefilm più in voga al momento: «Csi», che sta per «indagini sulla scena del crimine».
 
La serie Usa (trasmessa da Italia 1), tutta basata sulle raccapriccianti ricerche di un gruppo di poliziotti-criminologi sui killer di turno, ha avuto tale fortuna da essersi divisa in tre titoli distinti («Las Vegas», «Miami», e «New York»), ognuno con interpreti e storie autonome. Non solo, i telefilm horror-poliziesco crescono come funghi: «Ncis», «Criminal minds», «Cold Case» fino ad arrivare al recentissimo «Dexter», l'ultimo telefilm-splatter made in Usa. Chi guarda i canali satellitari Sky già conosce il criminologo con il «vizietto» dell'omicidio, ma è facile immaginare che prima o poi anche questo killer, che ama «incartare» le sue vittime con la pellicola trasparente (ma sì, proprio quella della cucina) e poi farle a pezzi con il bisturi arriverà sulla tv in chiaro. «Dexter», tratto dal romanzo «La mano sinistra di Dio» di Jeff Lindsay, è trasmesso da FoxCrime e al momento è l'ospite d'onore del «Courmayeur Noir in Festival».
 
L'horror televisivo è nato, senza troppi clamori, undici anni fa con «Millennium», serie tv con Lance Henriksen ideata da Chris Carter (quello di X-files). Partita nel '96 e arrivata al 2000 con 67 episodi, iniziava con un agente di polizia che metteva una testa mozzata in una busta di plastica. La scena, ai tempi, fece discutere. Oggi è «robetta» visti gli orrori che girano. Comunque una volta lo splatter televisivo, negli Usa come in Italia, era un genere da seconda serata, riservato a un pubblico di appassionati. Ma con il tempo le cose sono cambiate: le serie in stile «Sulle strade della California» e «Chips», i classici polizieschi, sono passate in secondo piano. Oggi il grande pubblico vuole il sangue. Ma, s'intende, solo in tv.
 
Antonio Angeli
per "Il Tempo"

Ultimi Video

  • Tech Talk Connect 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020

    Tech Talk Connect 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020

    Comunicare Digitale è orgogliosa di annunciare la partenza dei nuovi appuntamenti di TECH TALK, a partire dal 10 Settembre 2020. 5 appuntamenti a Settembre, 7 ad Ottobre, con edizioni anche in ...
    T
    Televisione
      giovedì, 10 settembre 2020
  • Ilaria D'Amico, il saluto a Sky Sport

    Ilaria D'Amico, il saluto a Sky Sport

    Dopo 18 anni, Ilaria d'Amico, storica conduttrice di Sky Calcio Show e di Champions League Show ha deciso di intraprendere un nuovo percorso professionale, sempre a Sky, allontanandosi dal calcio...
    S
    Sky
      lunedì, 24 agosto 2020
  • Sky Upfront 2020, Back to Next | Presentazione Palinsesti Sky 2020-2021

    Sky Upfront 2020, Back to Next | Presentazione Palinsesti Sky 2020-2021

    Enrico Papi al piano per aprire gli UpFront Sky 2020. Quello che non ti aspetti per una nuova stagione che non ti aspetti. Tra conferme e sorprese, qualità e innovazione, con lo sguardo sempre ...
    S
    Sky
      mercoledì, 22 luglio 2020

Palinsesti TV