Serie tv, quando il sangue fa audience in tv

News inserita da:

Fonte: Il Tempo

T
Televisione
  domenica, 09 dicembre 2007
 00:00
Una vecchia auto ammaccata piena di fango e liquami parcheggiata in un laboratorio foderato di cellophane; un ragazzo e una ragazza in tuta protettiva guardano all'interno dal finestrino, poi aprono uno sportello lasciando che il fango coli a terra; dall'interno della vettura la ragazza raccoglie un teschio con appiccicati capelli e brandelli di pelle. Al centro della fronte un foro perfettamente circolare. La ragazza lo guarda e dice: «adesso almeno sappiamo come è morto»: non è un'incubo e nemmeno un film vietato ai minori, ma solo una scena del telefilm più in voga al momento: «Csi», che sta per «indagini sulla scena del crimine».
 
La serie Usa (trasmessa da Italia 1), tutta basata sulle raccapriccianti ricerche di un gruppo di poliziotti-criminologi sui killer di turno, ha avuto tale fortuna da essersi divisa in tre titoli distinti («Las Vegas», «Miami», e «New York»), ognuno con interpreti e storie autonome. Non solo, i telefilm horror-poliziesco crescono come funghi: «Ncis», «Criminal minds», «Cold Case» fino ad arrivare al recentissimo «Dexter», l'ultimo telefilm-splatter made in Usa. Chi guarda i canali satellitari Sky già conosce il criminologo con il «vizietto» dell'omicidio, ma è facile immaginare che prima o poi anche questo killer, che ama «incartare» le sue vittime con la pellicola trasparente (ma sì, proprio quella della cucina) e poi farle a pezzi con il bisturi arriverà sulla tv in chiaro. «Dexter», tratto dal romanzo «La mano sinistra di Dio» di Jeff Lindsay, è trasmesso da FoxCrime e al momento è l'ospite d'onore del «Courmayeur Noir in Festival».
 
L'horror televisivo è nato, senza troppi clamori, undici anni fa con «Millennium», serie tv con Lance Henriksen ideata da Chris Carter (quello di X-files). Partita nel '96 e arrivata al 2000 con 67 episodi, iniziava con un agente di polizia che metteva una testa mozzata in una busta di plastica. La scena, ai tempi, fece discutere. Oggi è «robetta» visti gli orrori che girano. Comunque una volta lo splatter televisivo, negli Usa come in Italia, era un genere da seconda serata, riservato a un pubblico di appassionati. Ma con il tempo le cose sono cambiate: le serie in stile «Sulle strade della California» e «Chips», i classici polizieschi, sono passate in secondo piano. Oggi il grande pubblico vuole il sangue. Ma, s'intende, solo in tv.
 
Antonio Angeli
per "Il Tempo"

Ultimi Video

  • Spot TIM - Il calcio, la piu grande passione degli italiani

    Spot TIM - Il calcio, la piu grande passione degli italiani

    TIM dedica al calcio il suo nuovo spot istituzionale che racconta oltre 100 anni della più grande passione sportiva degli italiani, attraverso l’evoluzione dei mezzi di comunicazione nel ...
    T
    Televisione
      mercoledì, 16 giugno 2021
  • Secondo video tutorial (Risintonizzazione) verso digitale terrestre DVB-T2

    Secondo video tutorial (Risintonizzazione) verso digitale terrestre DVB-T2

    Nel corso del 2021, si attuerà progressivamente il processo di riorganizzazione delle frequenze tra emittenti televisive con conseguente necessità per gli utenti di dover risintonizzare ...
    D
    Digitale Terrestre
      martedì, 09 marzo 2021
  • Tech Talk Ott & Streaming 9 Marzo 2021 (diretta)

    Tech Talk Ott & Streaming 9 Marzo 2021 (diretta)

    24esimo appuntamento in diretta streaming con i TECH TALK, organizzati da Comunicare Digitale in collaborazione con Digital-News.it. Un percorso di informazione con edizioni anche in lingua inglese e ...
    T
    Televisione
      martedì, 09 marzo 2021

Palinsesti TV