Tasto Debole - Quando la televisione fa ridere chi la fa

News inserita da:

Fonte: Il Messaggero

T
Televisione
  giovedì, 13 dicembre 2007
 00:00

  La tv ha i suoi tic. Spesso sono incontrollabili, ma altrettanto spesso segnano un clima che circonda quello che si fa in televisione, quel senso di euforia, di esaltazione (che spesso è autoesaltazione), di incoscienza (di quello che si fa, frequentemente di livello assai basso). Perfino di autocompiacimento confesso: «Sono in tv e sono contento».

Tanto contento (patologia, questa, frequente fra i conduttori) che la presenza in video si associa a una risata continua, irrefrenabile che fa da rumoroso contrappunto a ogni frase, domanda o risposta che sia e afflige indifferentemente bravi professionisti e mezze tacche. Una volta l’esponente più rappresentativo della specialità era Fabrizio Frizzi: una parola, una risata.

Si è talmente riso addosso che è finito in fuori giri e fuori dal video. Ora che ci è tornato, anche perché è andato sotto bandiera Endemol, ha ridotto i suoi scoppiettamenti di ilarità e ne ha tratto indubbio vantaggio e, quell’aria da ragazzone un po’ giuggiolone, si è smorzata (anche con l’aiuto di un paio di occhiali, che se lo aiutano a vedere meglio gli danno anche un’aria più seria).

I ridanciani di oggi sono altri, Papi per esempio, la Ventura, la Bianchetti, ma il testimone, il ruolo da leader è nelle sicure mani di Serena Dandini, brava e simpatica conduttrice. Il suo Parla con me è uno dei talk più gradevoli del video, va anche bene come ascolti, ma il suo sganasciarsi è un riflesso condizionato, uno sbrodolarsi e compiacersi con il proprio ospite che, a tratti, diventa insopportabile.

Marco Moledini
per "Il Messaggero"

Ultimi Video

Palinsesti TV