Nel canto di Natale de 'La vita in diretta', Mr. Scrooge rimane cattivo

News inserita da:

Fonte: Il Foglio

T
Televisione
  giovedì, 27 dicembre 2007
 00:00
La Rai quando vuole, cosa può fare. Una piccola troupe di quel connaturato televisivo di "La vita in diretta" è andata in una cittadina siciliana e ha illuminato la realtà non commestibile, e così una famiglia sfrattata, la disoccupazione, partorendo un racconto di Natale dopo Dickens, nel nostro mondo peggiore. Lo spunto veniva fornito da un bravo prete di Sicilia che sostiene con passione quelli che non ce la fanno. Poi ci sono i servizi sociali, ma passano poca cosa, la pasta, e che altro non sapremmo. Da studio, Cucuzza lancia la vita in diretta. Bum, entriamo in un appartamentino senza niente. Bum, ecco gli sfrattati, padre, madre, due figlie piccole. Ecco lo sfortunato capofamiglia, gli mancano i denti, gli manca il lavoro, sarebbe stato giovane e ora non ha defìnizione. La moglie ebbe una brutta malattia, ha i ferri su un'anca, non lavora. La scena è stata preparata, questo è logico, e a un tavolo ci sono due bambine di otto e undici anni, la piccola disegna. Sul tavolo, un astuccio con i pennarelli. Le bimbe si girano verso la telecamera, hanno gli occhi belli e i volti così luminosi. Il nostro pensiero vola a Chaplin - la grazia abita dove vuole.
 
Bum, arriva quello dei servizi sociali con le sporte della spesa, sorride: Buongiorno, la spesa. Bum, i genitori raccontano la propria storia. Da un anno non pagavamo l'affitto, il padrone di casa ha cambiato la serratura e siamo rimasti chiusi fuori, senza i vestiti, le scarpe, niente. E come per il meccanico divenire del lavoro di un orologio, la storia si dipana, l'intervistatrice chiede di aprire il frigorifero. Stratazum, dentro c'è poco, ciò che ha portato prima quello dei servizi sociali. Viene chiesto alla donna di far vedere il portafogli, la domanda è un poco indecente, perché non la sottoveste, la maglia della salute bucata? La donna spalanca uno scialbo portafogli di plastica, la telecamera zumma. Il portafogli viene scosso appena, eh sì, è vuoto.
 
E ora, le domande alle bambine. Domanda alla bambina piccola: Che vorresti per Natale? Vorrei un telefono per parlare con le mie amiche. Loro ce l'hanno? Sì, ce l'hanno. La vita in diretta è troppo dura, ora basta, ora ti aspetti che, bum bum, la tv faccia la tv e piovano i regali, anche se hai in schifo il modo - aspetti che arrivi quel telefono, la bambina non lo sa che si dice cellulare. Aspetti che i re magi della troupe rechino nella stanza un gigantesco cavallino di peluche, e ripaghino subito dal destino e le domande macellare. Ci pensa la tv: vuoi il telefono? Te ne diamo due. Una bambola? Tieni: cinque bambole. Vuoi una torta, meravigliosa? Te ne dò trenta e riempio di panna montata questo orrendo appartamento spoglio.
 
L'intervistatrice passa alla sorella maggiore, quella di undici anni. Tu sei grande, lo sai in che situazione è la tua famiglia? Sì, lo so. E come ti senti? E' come essere poveri. E le tue compagne di scuola, loro lo sanno? Ti vergogni? Sì. E cosa vorresti per Natale? I miei vestiti. E questi che hai addosso di chi sono? Dice che non lo sa, vengono da una sua zia. Ma noi sappiamo che sono vestiti per i poveri, che li avrà passati il prete, o l'assistenza. E poi senti, che vorresti per Natale? La mia bicicletta per fare le passeggiate e andare al mare che quest'anno non l'ho potuto vedere. Sorride tutto il tempo, ma per gentilezza con la tv. Forse si aspetta che se dice le cose per bene, come si sono messe d'accordo, verrà salvata da questa penuria.
 
Ci siamo, pensi, adesso arrivano i regali. No, ecco Cucuzza. E' finita. In studio, il pubblico ha i volti grigi. E bum, niente Babbo Natale, bum, niente padrone di casa che corre dalle bambine con gli occhi lucidi: Non vi preoccupate, la Rai ha pagato l'affitto, eccovi le chiavi di casa. Macché. Mr Scrooge non si pente. Bum, bum, bum, niente biciclette, dentisti pagati, un ortopedico. Niente. Lo scrittore è Sdickens, sigma privativo — non Dickens. Sdickens osserva i bambini poveri che vorrebbero andare al mare e poi manda un servizio su Marina Ripa di Menna.
 
E dopo, mi chiederete, che sarà successo dopo? Chi può dirlo. La troupe sarà andata via, e quelli della miseria saranno rimasti nell'appartamento spoglio. Poi avranno sentito bussare. I regali| avranno gridato le bambine, la televisione ci porta i regali! Invece no, sarà stato l'Operatore di macchina: Dice la dottoressa se ce ridate li pennarelli. Come i pennarelli?? avranno gridato le bambine, pallide. Da fuori sarà arrivata una voce non proprio da intervistatrice: Mo' pure i pennarelli, e che siamo li frati? eh, du cojoni. E la povertà della televisione e la televisione della povertà. Si replica. Sdickens ci sta lavorando.
 
Alessandro Schwed
per "Il Foglio"

Ultimi Video

  • Tech Talk Connect 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020

    Tech Talk Connect 2020 (diretta) | #ForumEuropeo #FED2020

    Comunicare Digitale è orgogliosa di annunciare la partenza dei nuovi appuntamenti di TECH TALK, a partire dal 10 Settembre 2020. 5 appuntamenti a Settembre, 7 ad Ottobre, con edizioni anche in ...
    T
    Televisione
      giovedì, 10 settembre 2020
  • Ilaria D'Amico, il saluto a Sky Sport

    Ilaria D'Amico, il saluto a Sky Sport

    Dopo 18 anni, Ilaria d'Amico, storica conduttrice di Sky Calcio Show e di Champions League Show ha deciso di intraprendere un nuovo percorso professionale, sempre a Sky, allontanandosi dal calcio...
    S
    Sky
      lunedì, 24 agosto 2020
  • Sky Upfront 2020, Back to Next | Presentazione Palinsesti Sky 2020-2021

    Sky Upfront 2020, Back to Next | Presentazione Palinsesti Sky 2020-2021

    Enrico Papi al piano per aprire gli UpFront Sky 2020. Quello che non ti aspetti per una nuova stagione che non ti aspetti. Tra conferme e sorprese, qualità e innovazione, con lo sguardo sempre ...
    S
    Sky
      mercoledì, 22 luglio 2020

Palinsesti TV