Sanremo, Mike Bongiorno: 'Non scomparirÓ mai'

News inserita da:

Fonte: La Stampa

T
Televisione
  sabato, 05 gennaio 2008
 00:00
├é┬źRicordiamoci che Sanremo rappresenta la storia d'Italia, e che non pu├â┬▓ sparire├é┬╗. Parola di Mike Bongiorno, dall'alto dei suoi undici Festival presentati (l'ultimo nel 1997 con Piero Chiambretti e Valeria Marini).
 
Il presidente della Fimi Enzo Mazza deve aver letto anche lui il rapporto della European Interactive Advertising Association secondo il quale per la prima volta i giovani tra i 16 e i 24 anni usano pi├â┬╣ internet che la tv. E deve aver abbracciato la sempre pi├â┬╣ diffusa ancorch├â┬ę rischiosa profezia legata alla scomparsa della televisione generalista, che perde ascolti, ma per ora, tutto sommato tiene. Tiene, per├â┬▓, le posizioni che aveva ai tempi del monopolio Rai, non ha saputo evolversi n├â┬ę aumentare il suo bacino d'utenza. E quando non si cresce, ├â┬Ę inevitabile recedere.
 
E' ovvio che a Mazza, e non soltanto a lui, appaia come probabile questa lenta deriva, in parallelo con quanto ├â┬Ę capitato all'industria discografica. Nella deriva, Sanremo sarebbe una delle vittime maggiori. Sanremo che non ├â┬Ę pi├â┬╣ quella di una volta, per ascolti e prestigio; che ├â┬Ę assai meno seguita; che non va bene n├â┬ę con i conduttori che ci fanno la messa cantata n├â┬ę con quelli che cercano di sdrammatizzarla; che ancora gode di un'onda lunga di popolarit├â┬á per├â┬▓ autoreferenziale e alimentata pi├â┬╣ dall'hangar sotto l'Ariston colmo di giornalisti in arrivo da tutto il mondo che dall'interesse effettivo del pubblico.
 
Eppure il signor Mike la pensa diversamente... E, coerentemente con il personaggio, la pensa chiarsamente: ├é┬źSar├â┬á sempre bello seguire il Festival di Sanremo, perch├â┬ę ci racconta il nostro paese├é┬╗.
 
Allora ha detto una sciocchezza, il presidente dei discografici?
├é┬źForse ├â┬Ę una provocazione, ma non ├â┬Ę una sciocchezza. Un personaggio nella sua posizione sa certamente quello che dice e conosce il problema della diffusione della musica. I canali che i cantanti hanno per farsi conoscere sono senz'altro cambiati. E vedremo tra cinque amni se in
meglio o in peggio. Però...
».
 
Sanremo ├â┬Ę Sanremo?
├é┬źSi capisce. Ma si rende conto che sar├â┬á sempre importante seguire questa manifestazione? Proprio perch├â┬ę ├â┬Ę fondamentale nella storia d'Italia e continua a rappresentare il Paese? Non ci saranno pi├â┬╣ gli ascolti di una volta, ma la rassegna manterr├â┬á il suo valore, il suo interesse├é┬á umano. E questo accadr├â┬á anche se i cantanti avranno altri modi per essere lanciati├é┬╗.
 
Lei, insomma, ammette che a Sanremo, ormai e definitivamente, conta più il programma delle canzoni?
├é┬źIo credo che le canzoni siano importanti e che un lancio a Sanremo conter├â┬á sempre. Non sar├â┬á pi├â┬╣ l'unico modo, o il modo principale, per far conoscere i cantanti, ma certo contribuir├â┬á a lanciarli, come ha sempre fatto├é┬╗.
 
Dunque Sanremo tra cinque anni non scomparirà?
├é┬źNon scomparir├â┬á├é┬╗.

E magari la condurrà lei?
├é┬źChi pu├â┬▓ dirlo├é┬╗.
 
Intervista tratta da
"La Stampa"

Ultimi Video

Palinsesti TV