Telediario - Un Grande Fratello pilotato dagli autori

News inserita da:

Fonte: Il Giornale

T
Televisione
  mercoledì, 23 gennaio 2008
 00:00
Il cortocircuito televisivo sempre più evidente tra il gioco e la realtà, tra il mondo virtuale e quello della vita di tutti i giorni, è stato ben rappresentato dall'assalto alla bolla nella puntata di esordio del Grande Fratello 8 (lunedì su Canale 5, ore 21.20). Dopo il fattaccio Alessia Marcuzzi continuava a ripetere che il Grande Fratello è un gioco e come tale andrebbe inteso, anche se fin dall'inizio della sua avventura, otto anni fa, il capostipite di tutti i reality è stato tutt'altro che un gioco ma una cosa molto seria: per quantità di investimenti pubblicitari, impatto mediatico, consistenza dell'apparato organizzativo, importanza dell'indotto, capacità di scatenare discussioni di ogni tipo e di proporsi come grande occasione di visibilità e di svolta di vita per chi vi partecipava.
 
Nel corso degli anni è anzi aumentata, da parte dei produttori e degli autori, la volontà di fare di questo programma un'occasione per aderire il più possibile alla realtà di tutti i giorni con tutte le sue problematiche sociali «normalizzate»: di qui l'urgenza di piazzare di volta in volta il concorrente gay, la straniera integrata, la vittima di fatti di cronaca dolorosi, fino al transessuale di oggi.
 
Se c'è una differenza marcatamente riscontrabile tra le primissime edizioni del Grande Fratello e le ultime, compresa questa appena iniziata, è che all'inizio il programma concedeva qualche possibilità di comportamento spontaneo nei partecipanti, ai quali si chiedeva di interessare il pubblico con le loro dinamiche relazionali esaltate dalla condizione di cattività. Gli autori si limitavano a qualche indicazione di massima all'interno di un canovaccio in gran parte creato dai partecipanti. Oggi si ha la netta impressione che l'intervento e la guida degli autori sia sempre più importante e invasiva, che il «gioco dei ruoli» tra i partecipanti riceva input molto precisi (uno su tutti: la figura macchiettistica del ragazzotto milanesone e la donna ex uomo accompagnata in studio dai genitori nell'ambito di una precisa regia tranquillizzante).
 
Il fatto stesso che ai concorrenti venga chiesta di continuo una serie di incombenze pratiche, e che i locali dove prendono corpo le dinamiche psicologiche non siano più soltanto quelli della casa di Cinecittà vecchia maniera ma comprendano di volta in volta tuguri, discariche, bolle, appartamenti da costruire, dimostra come il tentativo ormai ricorrente di vivacizzare il copione lo assoggetti a direttive forse più spettacolari ma nel contempo più artificiose, forzate, imposte dall'alto. Il Taricone del Gf 2000 sembrava in gran parte artefice del proprio destino, il Roberto o la Silvia del Gf 2008 molto meno.
 
Roberto Levi
per "Il Giornale"

Ultimi Video

  • Nuovi Linguaggi dei Media e la Transmedialita Tech Talk (diretta)

    Nuovi Linguaggi dei Media e la Transmedialita Tech Talk (diretta)

    23esimo appuntamento in diretta streaming con i TECH TALK, organizzati da Comunicare Digitale in collaborazione con Digital-News.it. Un percorso di informazione con edizioni anche in lingua inglese e ...
    T
    Televisione
      martedì, 23 febbraio 2021
  • Nuova TV Digitale DVB-T2, il video del secondo spot

    Nuova TV Digitale DVB-T2, il video del secondo spot

    E’ partito il 21 febbraio, su TV e radio nazionali e locali, il secondo flight della campagna di promozione sul passaggio al nuovo standard televisivo DVB-T2, che sarà effettivo dal 30 gi...
    D
    Digitale Terrestre
      domenica, 21 febbraio 2021
  • La Rivoluzione dei Media Tech Talk (diretta)

    La Rivoluzione dei Media Tech Talk (diretta)

    Continuano gli appunamenti con i TECH TALK, organizzati da Comunicare Digitale in collaborazione con Digital-News.it. Un percorso di informazione con edizioni anche in lingua inglese e spagnola, sui t...
    T
    Televisione
      martedì, 09 febbraio 2021

Palinsesti TV