Cucina e Tv: il cibo diventa intrattenimento

News inserita da:

Fonte: Il Corriere della Sera Magazine

T
Televisione
  domenica, 02 marzo 2008
 00:00

Ratatouille e il topo Remy insegnano. La gastronomia non è più una nicchia d'elite fatta di critici che distribuiscono stellette. Ora imparare a mangiare (e a cucinare) bene si può anche a casa, davanti alla tv.

Lo dimostra il successo delle trasmissioni televisive dedicate alla cucina. Punto di riferimento per gli appassionati del genere è Gambero Rosso Channel di RaiSat che da dieci anni, 24 ore al giorno, 7 giorni su 7 manda in onda il meglio della cucina italiana e internazionale. «Uno dei motori del gusto è la carnalità», spiega il giornalista Guido Barendson, da poco nominato direttore editoriale del canale, «e questo si coniuga perfettamente con il divertimento e l'intrattenimento, perché la cucina non è più solo tradizione».

Da questo approccio nasce il nuovo palinsesto del canale satellitare che spazia dai "classici" come New Work di Laura Ravaioli, specializzata in piatti italiani per principianti (in onda ogni giorno alle 10.30, alle 17.00 e alle 23.00), a Oggi cucino in di Simone Rugiati (ogni giorno alle 10.05,16.30 e 22.30), che ingaggia una vera e propria lotta contro il tempo per realizzare manicaretti in dieci minuti, fino ad arrivare alle mitiche imprese degli chef inglesi.

La cucina anglosassone, per anni considerata la peggiore al mondo, sembra essere infatti tornata alla ribalta. «Il pubblico italiano è cambiato, è diventato più esigente: c'è maggior curiosità per i sapori esteri», spiega Barendson. Già, perché se prima i cuochi nostrani riuscivano a mantere saldo il monopolio, ora le cose sono cambiate. Il merito di tale internazionalizzazione del fornello va anche allo chef Jamie Oliver. Aria da simpatica canaglia e piglio da enfant prodige, Jamie inizia ad armeggiare con pentole e mestoli alla tenera età di otto anni nel ristorante dei genitori per poi diplomarsi giovanissimo al prestigioso Westminster Catering College.

Da cuoco del River Cafè a star tv il passo è breve e in pochi anni il nostro diventa conduttore di programmi di successo come Olivera Twist (in onda sempre su RaiSat Gambero Rosso Channel ogni giorno, alle 22.00) nel quale apre le porte della sua cucina per preparare menu su misura: vegetariano per gli amici, nutriente per giocatori di rugby affamati o a base di arrosti per i poliziotti desiderosi di conoscere i segreti della cucina tradizionale.

Di provenienza britannica è pure la serie Friends for dinner nella quale affermati gourmet come Ainsley Harriot, Rick Stein e Gordon Ramsay entrano nelle case di persone comuni per aiutare le padrone di casa a trasformarsi in cuoche provette. Ma la cucina in tv non piace solo agli spettatori dei canali satellitari.

Lo dimostra il successo di una trasmissione come La prova del cuoco (in onda su Rai Uno dal lunedì al venerdì alle 12.00, ndr) condotto dalla regina indiscussa della ricetta catodica, Antonella Clerici. Che spiega: «Non è un mistero che io sia una buona forchetta. E di sicuro il mio entusiasmo per il cibo è contagioso. Ma credo che il programma continui ad avere successo, nonostante il passare degli anni, anche perché si basa su una formula semplice: offrire uno spunto alle signore a casa che magari non sanno più cosa inventarsi per imbandire la tavola». Così basta mettere in sfida chef noti e non, provenienti da varie regioni d'Italia, mostrarli mentre si cimentano anche con gli ingredienti più semplici, far votare il piatto preferito dal pubblico e il gioco è fatto. O, per meglio dire, il pranzo è servito.

Marta Serafini
per "Il Corriere della Sera Magazine"
(21/02/08)

Ultimi Video

Palinsesti TV