Report Moige: a Marzo promosso X-Factor, bocciata Italia 1

News inserita da:

Fonte: Digital-Sat (com. stampa)

T
Televisione
  martedì, 08 aprile 2008
 00:00
Nel mese di Marzoè Rai Due la rete più gradita del mese, grazie a X Factor, che è stato la vera rivelazione come apprezzamento dei genitori: non si rilevano rivalità eccessive tra i concorrenti e senz’altro non c’è il livore della competizione come accade invece in “Amici” La differenza sostanziale è che in X Factor le polemiche vengono sopite piuttosto che alimentate: abbondanti le lacrime tra i perdenti, ma nel complesso c’è l’accettazione delle critiche. La discografica Mara Maionchi è simpatica, brava e determinata.  Morgan comunica la sua passione per la musica in maniera coinvolgente. Simona Ventura è in versione più pacata e materna rispetto all’Isola dei Famosi
 
Brutti voti invece per Italia 1, che viene contestata per gran parte della sua programmazione, dedicata ai ragazzi: è il caso dei Simpson (un cartone animato ideato e ideale per un pubblico adulto, in grado di recepire le allusioni, le battute la satira pungente e a volte trasgressiva, ma per i bambini alcune puntate in particolare risultano incomprensibili e spiazzanti). Per “Una mamma per amica “ il rapporto squilibrato tra le due protagoniste, madre e figlia, risulta destabilizzante per un pubblico di minori.  Infine, O.C.: il telefilm, dagli ingredienti da soap-opera, tanto è studiato per catturare un pubblico giovane tanto affronta con superficialità e, a tratti, totale incoscienza temi molto importanti per l’età della adolescenza.  
 
I genitori italiani promuovono “X factor” e bocciano “Amici”. Bocciata anche Italia 1, il cui palinsesto è pensato proprio per il pubblico più giovane, e che invece presenta programmi inadatti allo stesso quali i Simpson, Una mamma per amica, OC, ed altri.
 
Secondo i dati elaborati dall’Osservatorio Tv del MOIGE-Movimento Italiano Genitori- in base alle 2001 segnalazioni giunte, nel mese di Marzo 2008, attraverso il numero verde 800.93.70.70 e il sito www.genitori.it, Italia 1 è la rete meno apprezzata del mese, cioè la rete meno gradita dai genitori per i propri figli minori, mentre Raidue è la più apprezzata.
 
“Quella di ‘X Factor’ è un’interessante novità nel panorama televisivo”, ha affermato Elisabetta Scala, responsabile Osservatorio Media del Moige-Movimento Italiano Genitori, “soprattutto se messa a confronto con una trasmissione con un format simile, quale ‘Amici’ che continua ad essere segnalata per le continue liti fra concorrenti ed insegnanti e per la violenza verbale e volgarità di alcune situazioni. In X Factor invece il pubblico, quando eccede nelle critiche, viene richiamato all’ordine. Anche i Talenti incompresi, rifiutati ai provini, proposti durante il programma alla maniera della Corrida e votati dal pubblico a casa, contribuiscono a stemperare i toni della competizione facendo sorridere e aiutando i veri concorrenti a prendersi un po’ meno sul serio. Simpatica è anche la striscia quotidiana che mostra i provini dei concorrenti, i loro commenti durante la preparazione alla gara e quelli dopo la gara. Non si rilevano rivalità eccessive tra i concorrenti e senz’altro non c’è il livore della competizione come accade invece in ‘Amici’. La differenza sostanziale è che in X Factor le polemiche vengono sopite piuttosto che alimentate: abbondanti le lacrime tra i perdenti, ma nel complesso c’è l’accettazione delle critiche; da sottolineare il richiamo di un giovane un po’ troppo permaloso affinché porgesse le sue scuse al vocal coach e a tutti i presenti. Il livello della competizione è davvero elevato: i concorrenti sono tutti ottimi cantanti. Complessivamente un buon programma da seguire con tutta la famiglia, anche se purtroppo non fino alla fine: termina intorno alla mezzanotte”.
 
Rai Due è stata la rete più gradita del mese anche grazie ad un altro programma, Random, che propone cartoni animati accuratamente scelti, come per esempio “Manny tuttofare” simpatico ed educativo allo stesso tempo. Da ricordare anche il rispetto delle regole in fatto di pubblicità, secondo la normativa europea: due soli spot a metà della trasmissione che dura dalle 7.00 alle 9.30.
 
Bocciata invece Italia 1, che viene contestata per gran parte della sua programmazione, dedicata ai ragazzi: è il caso dei Simpson (un cartone animato ideato e ideale per un pubblico adulto, in grado di recepire le allusioni, le battute, la satira pungente e a volte trasgressiva, ma per i bambini alcune puntate in particolare risultano incomprensibili e spiazzanti). Per “Una mamma per amica “ il rapporto squilibrato tra le due protagoniste, madre e figlia, risulta destabilizzante per un pubblico di minori.  Infine, O.C.: il telefilm, dagli ingredienti da soap-opera, tanto è studiato per catturare un pubblico giovane tanto affronta con superficialità e, a tratti, totale incoscienza temi molto importanti per l’età della adolescenza. 
 
Italia 1 in negativo anche per i film trasmessi dalla rete: contestati “Snakes on a plane” e “Anni ‘90”. In più, in questo mese scende il gradimento dei genitori per La ruota della fortuna (la nuova impostazione di conduzione Enrico Papi-valletta Victoria Silvstedt è un continuo di battutine e commenti a doppio senso e volgari, ammiccamenti, pose provocanti e riprese che le accentuano) e per “Le Iene” (questo mese ci sono stati un paio di servizi che sono andati ben oltre il limite accettabile: un servizio sul mestiere di torturatore, ricco di dettagli e dimostrazione pratica, e uno sulla giornata di una prostituta con tanto di ripresa dell’incontro con un cliente, dove veniva coperto il minimo indispensabile).

Ultimi Video

Palinsesti TV