La televisione all'esame del Moige, presentato ''Un anno di zapping''

News inserita da:

Fonte: Digital-Sat (com.stampa)

T
Televisione
  mercoledì, 22 giugno 2011
 17:22

È stata presentata oggi pomeriggio alla Camera dei Deputati la quarta edizione del volume "Un anno di Zapping", la guida critica all'offerta televisiva italiana realizzata dal Moige - movimento genitori con il suo Osservatorio Media e curata da Alessandra Caneva e Daniela Delfini.

La televisione all'esame del Moige, presentato ''Un anno di zapping''Presso la Sala Aldo Moro di Palazzo Montecitorio, alla presenza del Presidente della Camera dei Deputati Gianfranco Fini, sono intervenute Valentina Aprea, Presidente della Commissione Cultura, Scienza e Istruzione della Camera, Letizia De Torre, membro della stessa Commissione, Anna Oliverio Ferraris, ordinaria della cattedra di Psicologia dello Sviluppo presso l'Università "La Sapienza" di Roma, Maria Rita Munizzi, Presidente nazionale del Moige ed Elisabetta Scala, Responsabile dell'Osservatorio Media del Moige. Presenti anche numerosi autori e protagonisti della tv.

Edita anche quest'anno dalle Edizioni Magi, l'edizione 2010/2011 ha analizzato oltre 100 programmi andati in onda in fascia protetta sui canali generalisti digitali e satellitari: segnalati dai genitori utenti all'Osservatorio Media del Moige - attraverso il numero verde 800.93.70.70 e il form di segnalazione online sul sito www.genitori.it - o selezionati come must del palinsesto televisivo e considerati, quindi, degni di nota per l'influenza dei modelli offerti o per il valore del prodotto stesso, i programmi sono stati esaminati non soltanto da un punto vista tecnico, ma anche psicologico, dei contenuti e dei messaggi trasmessi.

"Ogni avvenimento, anche il più crudo può essere trasmesso senza linguaggi volgari o trash - così dichiara Elisabetta Scala. "Proprio con questo criterio abbiamo premiato determinati programmi d'intrattenimento televisivo come Ballando con le stelle o Zelig. La nostra forte disapprovazione va, invece, ai reality, in particolare al Grande Fratello per le stesse ragioni che ogni anno pubblichiamo sulla nostra rassegna. Voyeurismo, esibizionismo, volgarità. Sulla stessa linea anche L'isola dei famosi. Sono programmi che purtroppo il pubblico continua a vedere".

La pubblicazione cura con particolare riguardo l'intera programmazione della Fiction Rai e Mediaset, in quanto prodotto che riscuote il più alto livello di ascolti e, di conseguenza, influisce in maniera più incisiva su gusti, mode, valori e modelli educativi.

Novità assoluta di questa nuova edizione la sezione dedicata ai cartoni animati: l'analisi è volutamente incentrata più sugli aspetti psicologici che non su quelli tecnici, al fine di sottolineare l'impatto che questo tipo di prodotti televisivi possono avere sui più piccoli. Spesso, infatti, i cartoni animati vengono erroneamente ritenuti tutti idonei ai minori, una valutazione non sempre corretta, così come ricorda Anna Oliverio Ferraris nella prefazione del libro, specificando che "ci possono essere scene che i piccoli spettatori hanno difficoltà ad assimilare, non tanto sul piano intellettivo, quanto su quello emotivo".

Infine, l'Appendice: dopo tre edizioni, è stato creato uno spazio appositamente dedicato a quei programmi che, già esaminati nelle precedenti edizioni e senza particolari variazioni nei contenuti o nella forma, sono stati giudicati comunque meritevoli di classificazione per il valore o l'influenza mediatica che hanno nel panorama televisivo italiano.

Invariata la simbologia della classificazione: dal bidoncino per il trash alla stellina per la qualità, dal pollice verso indicante un programma solo per adulti al pollice alzato per quelli adatti a tutti, passando anche attraverso l'indicazione di idoneità per le varie fasce d'età. Il simbolo della Conchiglia Moige rappresenta sempre il riconoscimento più alto, assegnato ai quei programmi che riescono a esprimere successo, qualità e valori positivi, offrendo un momento di intrattenimento valido per tutta la famiglia.

I bidoncini del trash assegnati sono 12: oltre alle conferme di programmi come "Amici", "Domenica Cinque", "Grande Fratello 11", "L'Isola dei famosi 8", "Pomeriggio Cinque" e "Uomini e donne", ancora una volta non adatti alla programmazione in fascia protetta e tristi spettacoli di volgarità, esibizionismo e liti, sono stati giudicati programmi di scarsa qualità per i messaggi veicolati e la presenza di elementi problematici per la visione dei bambini "The call", "Chi ha incastrato Peter Pan", "My name is Earl", "Top Secret", "Trasformat" e "Wild - Oltrenatura".

Negativo il giudizio anche per "La Ladra", "I Cesaroni 4", "Terra ribelle" e "Il peccato e la vergogna".

Le conchiglie, invece, simbolo di una televisione che sa coniugare la qualità del prodotto ed esigenze di share senza scadere in volgarità, sono 23: si confermano in questa edizione "Ballando con le stelle" e "Chi vuol essere milionario?", "GT Ragazzi", "La Melevisione" e "S.O.S Tata". Tante le new entry, a dimostrazione del fatto che una televisione qualitativamente migliore è possibile: da "Zelig" a "Hanna Montana", passando per "Mezzogiorno in Famiglia" e "Mukkopallino", fino ad arrivare alle miniserie e serie tv "Atelier Fontana", "Un passo dal cielo" e "Sotto il cielo di Roma", al film tv "La storia di Laura" e al talk show "Tv talk".

Premiati con il riconoscimento più alto anche numerosi cartoons: da "6 in cammino", "Baby Looney Tunes", "Barbapapà" e "Caillou", fino a "Pingu", gli intramontabili "Puffi" e "Scooby-Doo", passando per "Geronimo Stilton" e "Ondino".

Apprezzate, inoltre, fiction di successo come "Il Commissario Manara" e "La nuova Squadra Spaccanapoli", "Criminal Minds 5" e "Ho sposato uno sbirro 2", "Le indagini di Padre Castell" e "La leggenda del bandito e del campione".

"Nel presentare questa nuova edizione di Un anno di zapping, sentiamo il dovere di chiedere con maggiore forza una normativa più stringente di fronte a una televisione sempre più mediocre": queste le parole di Maria Rita Munizzi. "D'altra parte, oggi, violare il Codice di tutela tv e minori non arreca alcun danno, perché le multe che vengono essere comminate alle produzioni televisive sono irrisorie. L'unica soluzione possibile per porre fine a questa indecenza in tv è che da parte di tutti, spettatori e soprattutto inserzionisti, ci sia un no deciso a sponsorizzare programmi di bassa qualità. In questo, sarebbe opportuno seguire il buon esempio del gruppo Barilla. Crediamo nel valore educativo e sociale dei media e della tv in modo particolare, che plasma comportamenti e criteri, per questo riteniamo che chi fa televisione abbia una grande responsabilità sociale di cui deve essere consapevole".

"Un anno di zapping" sarà acquistabile nelle librerie italiane e on line: per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito www.genitori.it e il sito www.magiedizioni.com .

Ultimi Video

  • 5G & Verticals Tech Talk (diretta) | #FED2020

    5G & Verticals Tech Talk (diretta) | #FED2020

    Martedi 1 Dicembre 2020 alle ore 12:00 14esimo appuntamento in diretta con la nuova stagione dei TECH TALK, organizzati da Comunicare Digitale in collaborazione con Digital-News.it. Un percorso di inf...
    T
    Televisione
      martedì, 01 dicembre 2020
  • L'Era del Cambiamento Tech Talk (diretta) | #FED2020

    L'Era del Cambiamento Tech Talk (diretta) | #FED2020

    Martedi 24 Novembre tredicesimo appuntamento con la nuova stagione dei TECH TALK, organizzati da Comunicare Digitale in collaborazione con Digital-News.it. Un percorso di informazione con edizioni anc...
    S
    Satellite
      martedì, 24 novembre 2020
  • 17 Forum Europeo Digitale | Day 2 - Lucca 2020 (diretta) #FED2020

    17 Forum Europeo Digitale | Day 2 - Lucca 2020 (diretta) #FED2020

    Dalle 09:00 in diretta streaming la seconda giornata del 17esimo Forum Europeo Digitale. La decisione di svolgere l'evento in forma digitale è stata responsabilmente assunta al fine di tut...
    T
    Televisione
      venerdì, 20 novembre 2020

Palinsesti TV