Rai, parte il toto-nomine per sostituire Ruffini. Le reazioni alla sua partenza

News inserita da:

Fonte: Adnkronos / TMNews / Ansa

T
Televisione
  sabato, 06 agosto 2011
 16:26

E' già scattato il toto nomine per la direzione di Rai 3 dopo la notizia ufficiale del passaggio di Paolo Ruffini a La7 dal prossimo 10 ottobre.

Fra i papabili, a quanto apprende l'Adnkronos, Lucia Annunziata, giornalista ex Presidente dell'Azienda; Maria Pia Ammirati, in Rai dal '92 e attualmente vice direttore di Rai Uno; Giorgio van Straten e Nino Rizzo Nervo, entrambi consiglieri di minoranza.

LE REAZIONI - «Giudico un grave danno per la Rai che Paolo Ruffini sia passato a La7 e ritengo che l'azienda non abbia fatto tutto quello che poteva e doveva per trattenerlo», attacca il consigliere d'amministrazione a viale Mazzini Giorgio Van Straten, bollando come «una stupidaggine» la voce secondo cui sarebbe uno dei papabili per la guida di Raitre.

E all'attacco va anche il Pd. «Ruffini in questi anni ha garantito autonomia e qualità a Rai3 ed è curioso che l'azienda non sia riuscita a trattenere un dirigente che ha sempre dimostrato di avere a cuore prima di tutto il servizio pubblico», ha commentato il responsabile Cultura del partito Matteo Orfini, secondo il quale «siamo di fronte all'ennesimo pasticcio che dimostra lo stato confusionale della Rai e la necessità sempre più urgente di una riforma che salvi l'azienda».

«Ci sembra giusto - hanno fatto eco i deputati Beppe Giulietti e Vincenzo Vita - ringraziare Ruffini che in questi anni ci ha regalato straordinarie serate di libertà e per questo ha pagato. Spetta ora alla Rai dimostrare che al suo posto andrà chi saprà difendere l'autonomia, l'identità e la libertà dagli assalti delle logge di turno».

«La fuga di Ruffini dalla Rai - ha commentato il vicepresidente della Vigilanza Giorgio Merlo - non è certamente una bella notizia per il servizio pubblico. Per onestà intellettuale, però, spiace rilevare che la scelta di Ruffini è del tutto personale e non legata a decisioni dell'azienda».

«Con l’abbandono dell'azienda pubblica da parte di Ruffini vince il metodo Bisignani. Da quando è arrivato il nuovo direttore generale, inoltre, è un continuo ‘Vieni via con Lei'». E’ quanto afferma in una nota il portavoce dell’Italia dei Valori, Leoluca Orlando. «La Rai ha perso via via tutti i pezzi migliori che hanno fatto la fortuna dell’azienda, professionisti che hanno avuto la colpa di non essersi piegati alle logiche di potere berlusconiane. Lorenza Lei in questo sta faceondo un'ottimo lavoro. L'azienda è piena di debiti e si lansciano andare i pezzi pregiati autori di trasmissioni in grado di racogliere ingenti introiti» aggiunge Orlando. «Facciamo le nostre congratulazioni al neo direttore de 'La7' augurandogli di portare avanti l’incarico ricevuto con la serietà e la professionalità che lo hanno sempre contraddistinto e convinti che farà la fortuna della Rete» conclude.

Ironica la finiana Flavia Perina: «Dopo Ruffini, si teme che a breve possa andar via dalla Rai perfino il cavallo di viale Mazzini... Questa è la situazione di un'azienda che non crea nuovi talenti e fa scappare quelli che ha, con una distruzione del suo valore che si è accelerata sotto il governo di questa maggioranza».

MENTANA - Enrico Mentana è contento dell'arrivo di Paolo Ruffini a La7 come nuovo direttore, da ottobre. «Perché so che quella di Ruffini è una scelta di mercato, non un esilio o un ripiego. La7 anche con lui potrà riservare ancora molte sorprese», dice all'Ansa il direttore del TgLa7 che ha toccato ascolti mai raggiunti. «Sono molto contento - sottolinea Mentana - perché stimo da sempre Ruffini. E sono contento ovviamente che l'amico Lillo Tombolini (direttore uscente ndr) resti con la sua competenza a pieno titolo nella nostra squadra».

Mentana aggiunge: «Tutti noi siamo stati altrove. Si devono abituare, soprattutto coloro che lavorano in Rai o attorno alla Rai, che l'azienda di viale Mazzini è un soggetto di mercato, non l'unico. Si può lavorare alla Rai e in altre tv». «Ruffini, come me, pensa - conclude Mentana - che si possa star bene, e magari anche meglio, a fare tv fuori dalla Rai».

Ultimi Video

Palinsesti TV