Focus - Il Giorno Nero Auditel. Dg Rai ne parlerà in cda, Sky chiede chiarimenti su diffusione dati

Focus - Il Giorno Nero Auditel. Dg Rai ne parlerà in cda, Sky chiede chiarimenti su diffusione dati

News inserita da:

Fonte: Ansa

T
Televisione
  sabato, 10 ottobre 2015
 07:00

Focus - Il Giorno Nero Auditel. Dg Rai ne parlerà in cda, Sky chiede chiarimenti su diffusione datiIn ballo ci sono cifre milionarie, quelle degli investimenti pubblicitari nel settore tv - 2,2 miliardi a gennaio-agosto 2015 - basati ancora oggi proprio su quei dati. Per questo l'incidente di qualche giorno fa - l'errore nell'invio di una e-mail a più famiglie del campione contemporaneamente - si e' trasformato nel giorno forse più nero nella storia dell'Auditel. Il Comitato tecnico della società che rileva gli ascolti si e' messo subito al lavoro per individuare le soluzioni che andranno all'esame del cda già previsto per il 14 ottobre: diverse le ipotesi allo studio, compresa la sospensione temporanea dei dati.

Ma il mondo della tv e' in subbuglio: Sky ha chiesto - si apprende - chiarimenti urgenti sul perche' gli ascolti siano stati ancora diffusi 'normalmente', la Rai affronterà il caso il 14, l'Agcom potrebbe accendere un faro sulla vicenda. Termometro degli umori del Paese, croce e delizia di broadcaster, sponsor e addetti ai lavori, o strumento obsoleto, 'assediato' ormai nel suo fortino da una fruizione televisiva in continua evoluzione? Le polemiche - e il dibattito sulla sua abolizione - hanno punteggiato la vita dell'Auditel, che nel frattempo ha continuato a fotografare l'audience, avviando un percorso di rinnovamento tecnologico (per monitorare gli ascolti 'oltre' la tv e la visione on demand), ampliando la governance (ad aprile il cda e' passato da 22 a 30 membri, con l'ingresso di Sky e Discovery), triplicando il campione (il cosiddetto super panel, 10 mila famiglie in più entro il 2016).

Ma e' proprio il gruppo 'storico' di 5.600 famiglie ad essere finito al centro del caso, verificatosi il 1 ottobre ma svelato solo ieri dal Corriere della Sera.

«Siamo stati informati dal nostro fornitore Nielsen che, per un errore, sono state trasmesse comunicazioni di posta elettronica a famiglie del campione rendendo visibili gli indirizzi e-mail», spiega la società. «Gli indirizzi email di alcuni panelisti si sono resi visibili ad altri panelisti», conferma Nielsen. «Abbiamo immediatamente avvisato Auditel di quanto accaduto e stiamo lavorando con loro per gestire la situazione. Stiamo inoltre conducendo un'approfondita analisi interna per ottimizzare i nostri processi di sicurezza al fine di assicurare che episodi come questo non accadano nuovamente».

In sostanza, sarebbe stata violata la segretezza assoluta del campione, anche se - si minimizza - un indirizzo di posta elettronica non identifica necessariamente la persona. Impegnata come Nielsen a tutelare la privacy dei componenti del panel, Auditel sta studiando «valutazioni e proposte» da sottoporre al vertice di mercoledi'. Le bocche sono cucite in vista della riunione del cda (in cui siedono Rai, Mediaset, La7, Sky, Discovery, Upa, Assap, Unicom e Confindustria Radio Tv) in cui si annuncia battaglia: tra le ipotesi sul tavolo - si apprende da operatori del settore - la sostituzione parziale del campione, il suo azzeramento completo, ma anche una sospensione temporanea della rilevazione nei dati. Una scelta delicata, che significherebbe lasciare 'al buio' gli sponsor, abituati da sempre a basarsi sull'Auditel per pianificare gli investimenti.

Il presidente dell'Upa, Lorenzo Sassoli de Bianchi, e' molto preoccupato: «Bisogna essere rapidi, tempestivi, trasparenti», «le verifiche in corso servono a valutare l'entità del danno ed a individuare le soluzioni». Sassoli ha «convocato per martedi' il cda Upa: ai miei associati voglio portare una puntuale analisi di quanto e' successo, degli effetti e delle soluzioni». Mercoledi' il caso approderà anche sul tavolo del cda Rai: «Siamo in fase di raccolta informazioni», spiega il dg Antonio Campo Dall'Orto, mentre Sky - che da qualche giorno diffonde ufficialmente i dati del suo 'smart panel - e il commissario Agcom Antonio Nicita invocano «chiarimenti urgenti». «Il sistema Auditel e' superato e non e' imparziale», taglia corto il Codacons

Ultimi Palinsesti