Ricerca, boom di consumi dei programmi satellitari nel popolo gay

Ricerca, boom di consumi dei programmi satellitari nel popolo gay

News inserita da:

Fonte: Adnkronos

T
Televisione
  martedì, 03 ottobre 2017
 17:30

E' boom di consumi dei programmi satellitari nel popolo gay. Lo sostiene una ricerca realizzata dall'agenzia di comunicazione Klaus Davi & Co. attraverso 500 interviste telefoniche mediante metodologia Cati (Computer Assisted Telephone Interviewing) e pubblicata in anteprima da Gay Post. «Due cittadini Lgbt su tre, in Italia sono stimati in 5 milioni, dichiara di guardare prevalentemente tv satellitari o canali digitali minori», riferisce la ricerca, forse perché propongono un palinsesto molto diversificato e da sempre attento anche ai gusti dell'importante fetta di pubblico Lgbt. La prima posizione se l'aggiudica Fox Life (24%), il canale tematico d'intrattenimento che, tra le sue numerose proposte, prevede un ricco palinsesto decisamente Lgbt-friendly grazie a produzioni come 'Parla con lei', 'Sebastian', 'La sottile linea rosa' e altre che sono ormai diventate cult tra gli appassionati. Seconda posizione per Real Time (21%), visibile anche sul digitale terrestre: il noto canale, fondato nel 2005, ha dato vita a numerosi programmi e figure che sono gia' entrati nell'olimpo dell'immaginario gay, in particolare 'Ma come ti vesti?!', 'Alta infedelta': mio marito e' gay' e una lunga sequenza di produzioni assolutamente gay/lesbo - oriented.

 C'e' spazio per queste tematiche anche nei cartoni animati: Disney Channel ottiene infatti il 16% dei voti grazie a una proposta che sa abbracciare l'omosessualita', in particolare con 'Buona fortuna Charlie', dove e' andato in scena il primo bacio lesbo nella storia delle sit per ragazzini del mondo Disney, e 'Marco e Star contro le forze del male', cartone animato in cui si assiste al primo bacio tra i due maschi protagonisti. Fra le trasmissioni giornalistiche molto amata e' 'Agora'', l'approfondimento del mattino di Rai Tre condotto da Serena Bortone, con il 27% , apprezzato in particolare per l'attenzione alle tematiche Lgbt; seguono 'Linea Notte', sempre sulla terza rete Rai, col 25%, 'Porta a porta' di Bruno Vespa al 19%, e 'Speciale TG 1', in onda la domenica in seconda serata su Rai Uno, che si attesta al 15%. Molto apprezzati dal campione anche 'L'aria che tira' (17 % ) e 'Bersaglio Mobile' (20 %), entrambi su La 7. A sorpresa, secondo la ricerca realizzata dall'agenzia di comunicazione Klaus Davi & Co, sono due personaggi Mediaset le figure televisive più amate dal mondo gay: la conduttrice Barbara d'Urso, alla guida di 'Domenica Live', e la giornalista Barbara Palombelli, al timone di 'Forum'. I volti che si sono più spesi per il mondo Lgbt sono prevalentemente femminili, in primis dunque Barbara d'Urso, che si piazza la primo posto con il 17% delle preferenze, a un palmo si piazza Barbara Palombelli (16%).

Passando ai canali tv prediletti, fra le generaliste comanda Rai Tre, con il 21%% del gradimento, «per aver riservato uno spazio costante alle tematiche Lgbt»; segue a ruota Rai Due (19,5%) «per aver lanciato nuovi personaggi nel firmamento gay». Al terzo posto Canale 5 (16%), premiata per aver aperto la strada, grazie soprattutto a un programma come il Maurizio Costanzo Show, alla discussione pubblica sulla community gay e trans. Quarta La 7, con il 14% che batte Italia Uno (11%), ultima Rete 4 (6%). Tra i telegiornali sulle reti nazionali, il TG 3 di Luca Mazza' e' in pole col 16% seguito da Studio Aperto, diretto da Annamaria Broggiato, al 14%. Terzo il TG 1 del neo-direttore Andrea Montanari (13%), molto apprezzato anche il TG La7 di Enrico Mentana (12%) che precede il Tg2 di Ida Colucci (11%). Classifica speciale anche per i notiziari all-news, con RaiNews24 di Antonio Di Bella primo al 32%, secondo SkyTg24 di Sarah Varetto (28%) e terzo il Tgcom24 di Paolo Liguori (21%).  

Cosa chiede il mondo gay italiano alla programmazione? Secondo lo studio la stragrande maggioranza vuole «più presenza delle tematiche Lgbt nelle trasmissioni e talk tv», col 76% delle preferenze. Al secondo posto, col 53%, si chiede «più costanza nell'affrontare gli argomenti relativi alla community». Chiude il podio, col 34% delle preferenze, la richiesta di «una quota di persone Lgbt fissa all'interno delle trasmissioni». In quarta posizione quanti chiedono «l'aumento di spazi dedicati ai diritti civili in tv» (32%), seguiti da chi vuole «più fiction su gay, lesbo, bisessuali o trans» (25%). Sesta piazza per la richiesta di «un Tg completamente dedicato al mondo Lgbt»«(21%) davanti a »più personaggi Lgbt nei reality in tv« (17%) ed a »un canale dedicato nelle reti generaliste, tipo Rai Gay«

Ultimi Palinsesti