Prodi torna a parlare a Mediaset dopo undici anni

News inserita da:

Fonte: Il Tempo

T
Televisione
  lunedì, 12 marzo 2007
 00:00
In campagna  elettorale aveva rifiutato sdegnosa­mente di comparire da­vanti le telecamere dell'«avversario». «A Mediaset non mi trattano bene», si era giustificato il candida­to premier.

Ora che sono passati nove mesi dalla sua salita a Palazzo Chigi, Romano Prodi ha cambia­to idea e ha accettato l'in­vito di Enrico Mentana.

Questa sera sarà a «Ma­trix» per parlare un po' di tutto, dalla politica inter­na a quella estera nel cor­so di un'intervista di un'ora e mezzo.
Un piccolo muro che cade. Dal momento del­l'investitura, infatti, il Pro­fessore non si è mai «concesso» ai ca­nali del cavaliere e nem­meno a quelli di viale Mazzini.

Romano ProdiL'unica eccezio­ne Prodi l'ha fatta rila­sciando lunghe interviste a Sky.

Quindi una decisio­ne che fa notizia, quella del presidente del Consi­glio. E che forse non è del tutto improvvisa e poco meditata. Sarebbe stata adottata, infatti, all'indo­mani della crisi di gover­no.

E, nelle intenzioni del­l'esecutivo, la trasmissio­ne potrebbe servire come tribuna per rilanciare il programma di governo in un momento ancora criti­co per la maggioranza do­po la crisi causata dallo scivolone a Palazzo Mada­ma.
Non solo. Senza dub­bio da parte del premier e dei suoi consiglieri c'è la volontà di continuare con una politica diversa nei confronti dell'opposi­zione dall'arroccamento di questi mesi. Prodi vuo­le dimostrare che non ha pregiudizi verso le televisioni del leader della Cdl.

Infine, il programma di Mentana va in onda poco prima di una serie di consultazioni con i capi del centrodestra che dovrebbero avere il loro apice in un incontro diretto fra Prodi e Berlusconi.
Un obiettivo del presidente del Consiglio è collegato alla riforma della legge elettorale. Il professore ha bisogno di convincere i leader dell'opposizione che riforlulare le regole del gioco della verifica delle urne è un bene per ambedue i Poli e quindi è un interesse comune.

Da parte sua, il conduttore della trasmissione ha fatto sapere che affronterà con il premier «tutti i temi dell'attualità politica interna e internaziona¬le anche considerando ovviamente le notizie dell' ultimo minuto».

L'ex direttore del Tg5 ha poi ricordato il valore del suo «colpaccio» da un punto di vista mediatico: «È la prima volta - ha sottolineato - che il premier torna in questi studi dopo il confronto faccia a faccia che ebbe con Berlusconi nel 1996». E anche in quel caso in studio c'era Enrico Mentana.
M.G.
per "Il Tempo"

Ultimi Video

Palinsesti TV