Barbara D'Urso: 'La veritÓ innazitutto, io l'avrei detta'

News inserita da:

Fonte: La Stampa

T
Televisione
  sabato, 26 maggio 2007
 00:00

Come si sarebbe comportata Barbara D'Urso se un suo concorrente del "Grande Fratello" avesse perso un genitore mentre era nella Casa? L'avrebbe avvisato facendolo uscire o avrebbe taciuto come hanno fatto in Australia?

Barbara D'Urso, che a ottobre torna in teatro al Sistina di Roma con la commedia "II letto ovale" accanto a Maurizio Micheli per prendersi una pausa da troppa televisione, ├â┬Ę quella che in Italia ha condotto il maggior numero di reality.

Tre volte ├â┬Ę stata alla testa del├é┬á"Grande Fratello", poi ha avuto La fattor├â┬Ča, il Circus ed ├â┬Ę appena uscita dalla faticosa avventura di Un, due, tre stalla che, dopo una partenza travagliata, ha chiuso al 25,60% di share.

Pi├â┬╣ di Daria Bignardi, pi├â┬╣ di Alessia Marcuzzi, ├â┬Ę lei, quindi, l'autentica esperta di reality. Il suo primo commento ├â┬Ę esplicito:

├é┬źChe dire? E' abominevole├é┬╗. Poi spiega. Anche a lei ├â┬Ę capitato, in un Grande Fratello, che un concorrente tra quelli papabili per la vittoria finale fosse colpito da un lutto.

├é┬źEra morta una zia alla quale era molto legato e noi sapevamo di quest'affetto. Gliel'ho detto subito perch├â┬ę mi sembrava giusto vivesse il suo dolore come gli sembrava pi├â┬╣ opportuno├é┬╗.

E lui che fece?
├é┬źUsc├â┬Č immediatamente dalla Casa. Non se la sentiva di continuare a giocare├é┬╗.

Certo, riflette, nel caso australiano c'era il padre che, prima di morire, aveva chiesto non si dicesse niente alla figlia, ma a volte certe richieste non vanno assecondate.
├é┬źPer il padre, credo, s'├â┬Ę trattato di un gesto d'amore. Sapeva che la figlia stava vivendo un'esperienza interessante. La ragazza era una modella. Magari farsi vedere in televisione quanto pi├â┬╣ a lungo possibile le porter├â┬á una svolta nella carriera. Il padre non ha voluto privarla del suo sogno e ha chiesto di tacere. A lei, alla ragazza, per├â┬▓, non ├â┬Ę stato concesso di scegliere├é┬╗.

Ma c'├â┬Ę anche un'altra ragione per cui Barbara D'Urso, in un caso simile, avrebbe parlato subito con il suo concorrente: la sua congenita incapacit├â┬á a mentire.
├é┬á├é┬źNon avrei retto. Ho sempre avuto un rapporto viscerale con i ragazzi chiusi nella Casa. Parlavo a lungo con loro, conoscevo le loro tensioni. Come avrei fatto a non raccontare subito che era successa una disgrazia? Che il pap├â┬á era morto? Non so se ├â┬Ę una qualit├â┬á o un difetto ma sono molto istintiva. Mediare non mi riesce. Fingere ancora meno. Sono napoletana, che ci posso fare? A qualcuno piaccio a qualcun altro no. Sono cos├â┬Č├é┬╗.

Prima di chiudere i concorrenti nella Casa, lei e i suoi autori vi siete posti questo genere di domande?
├é┬źS├â┬Č. Ho avuto la fortuna di lavorare con autori intelligenti che hanno capito il mio modo di ragionare. Noi un concorrente che avesse avuto un genitore malato terminale non l'avremmo accettato: era troppo rischioso. Il reality ├â┬Ę un mescolamento di spettacolo e verit├â┬á, ma ci sono cose su cui non si pu├â┬▓ giocare. A Circus potevo avere la moglie di Milton, un concorrente, disposta a venire a dire in diretta che voleva lasciarlo: ho rifiutato.├é┬áAvr├â┬▓ perso qualche punto di share, ma ho difeso il principio che non si tocca in tv la sfera pi├â┬╣ intima di ciascuno di noi├é┬╗.

Qualche psicologo sostiene che, uscita dalla Casa, quando la concorrente australiana saprà della morte del padre, sarà tormentata dai sensi di colpa per non essergli stata vicina: lo crede anche lei?
├é┬źNon so. L'animo umano ├â┬Ę complicato. Pu├â┬▓ anche darsi che non si sentir├â┬á in colpa. Certo le ├â┬Ę stato negato il diritto di scegliere cosa fare in un momento grave e importante├é┬╗.

Simonetta Robiony
per "La Stampa"

Ultimi Palinsesti