Mediaset rialza la testa tra speculazione e dati su pubblicità radio

Mediaset rialza la testa tra speculazione e dati su pubblicità radio

News inserita da:

Fonte: RadioCor

E
Economia
  mercoledì, 30 marzo 2016
 15:23

Mediaset rialza la testa tra speculazione e dati su pubblicità radioDopo la debolezza delle ultime sedute, i titoli del Biscione mettono a segno un rialzo . I dati sulla raccolta pubblicitaria in radio, business nel quale il gruppo è entrato da poco, favoriscono gli ordini in acquisto. In più sullo sfondo rimane la speculazione sul fatto che Mediaset possa in qualche modo entrare a far parte di un grande progetto che avvicini le società di tlc e quelle di broadcasting, soprattutto dopo la presa della francese Vivendi in Telecom Italia.

Intanto l'Osservatorio di FCP-Assoradio ha rilevato per il mercato delle radio un crescita del fatturato pubblicitario complessivo del 5,9% a febbraio a quota 25,684 milioni di euro. Paolo Salvaderi, Presidente FCP-Assoradio ha commentato:

«A fronte di un mercato che in questo inizio d'anno appare in ripresa, il mezzo radio continua a crescere anche sotto il profilo della raccolta pubblicitaria. A febbraio torna infatti il segno più dopo la flessione fisiologica di gennaio, preceduta da tredici mesi di ininterrotto progresso. Il fatturato monitorato dall'Osservatorio FCP-Assoradio registra un aumento del +5,9% sull'anno scorso e del +16,8% sul 2014. Il bilancio complessivo del primo bimestre un incremento del +1,8% sul 2015. Ulteriore testimonianza del dinamismo del mezzo le novità annunciate in questi giorni relative alla rilevazione degli ascolti».

Mediaset ha acquisito lo scorso settembre dal socio di controllo Fininvest il controllo di Monradio (Radio 101 e canale televisivo R101TV).  In più è previsto l'acquisto da parte di RTI, controllata di Mediaset, del controllo indiretto di Finelco, la holding che detiene Radio 105, RMC Radio Montecarlo e Virgin Radio. Il 10 febbraio l'Antitrust ha avviato sull'intera operazione un'istruttoria per verificare se questa concentrazione non crei o rafforzi una posizione dominante nel mercato della raccolta pubblicitaria su mezzo radiofonico tale da eliminare o ridurre in maniera sostanziale e durevole la concorrenza. Il procedimento deve concludersi entro quarantacinque giorni decorrenti dalla data di delibera del provvedimento (ossia dal 10 febbraio).

Secondo gli analisti di Borsa quello di febbraio fa presupporre un buon 2016 per il comparto e anche un segnale per una ripresa più forte della raccolta pubblicitaria in generale. Gli operatori guardano al Biscione anche per l'atteso accordo con Vivendi per la creazione di una piattaforma comune sui contenuti media, che dovrebbe contenere uno scambio azionario 'one digit' tra capogruppo e una valorizzazione di Mediaset Premium.

Ultimi Video

Palinsesti TV