Confalonieri (Mediaset):

Confalonieri (Mediaset): "Uscita di Sky Italia da CRTV è un piccolo Brexit"

News inserita da:

Fonte: Ansa

S
Sky Italia
  mercoledì, 06 luglio 2016
 19:53

Confalonieri (Mediaset): "Uscita di Sky Italia da CRTV è un piccolo Brexit"L'addio di Sky a Confindustria Radio Tv, annunciato la scorsa settimana con una lettera a Crtv, inviata da Andrea Zappia, Ad di Sky Italia, è stato un tema ricorrente, fra battute e riflessioni, all'Assemblea generale 2016 - Televisioni e radio, broadcasting e oltre' di Crtv.

«Non voglio essere polemico con chi ha fatto suo piccolo Brexit evidentemente possono permetterselo, hanno letto Kipling sono in zona neocolonialismo - ha detto ironico il presidente Mediaset Fedele Confalonieri -. Ma è fondamentale il 'level playing field', giocare la stessa partita con le stesse regole. E l'associazionismo nasce proprio perché ci siano delle regole, non per influenzarle a modo proprio ma per mettere in evidenza i problemi. Se crediamo nel sistema tutti quanti avremo spazio».

Anche per il direttore generale della Rai Antonio Campo Dall'Orto «in questo momento non ha senso Brexit, ma capire bene quali siano gli elementi comuni, perché non c'è dubbio che in passato si si siano perse delle occasioni. Arriviamo con un settore audiovisivo di forza inferiore a quelli di altri Paesi europei, e questo è un limite. Credo che oggi più di ieri valga il teorema per cui l'interesse superiore a quello del singolo, sia quello del nostro settore. Se lo riusciamo a difendere difendiamo anche noi stessi».

È d'accordo anche Alessandro Araimo, Senior Vice President e Chief Operating Officer di Discovery Networks Southern Europe: «L'associazione è fondamentale e dovrà essere ancora più attiva in futuro per supportare il settore - ha spiegato -. Il singolo in questo contesto ha sempre meno rilevanza sulle grandi battaglie». Felice Blasi, presidente del Coordinamento italiano dei Corecom, non si stupirebbe «se Sky domani facesse una sua associazione, visto che ha lavorato come unico interlocutore in questi anni».

Il presidente di Confindustria Radio Televisioni Franco Siddi ha sottolineato comunque che «non c'era niente di polemico da parte di Sky nella lettera e nei colloqui avuti con noi, la polemica è uscita sui giornali». Siddi è «rammaricato che vada via Sky. Ritengo sinceramente sia stata una loro scelta organizzativa piuttosto che una rottura del sistema e auspico che il tempo consenta loro di fare una riflessione ulteriore, perché la rivoluzione in atto ha bisogno di confronto unito al dialogo. Non essendoci stati con noi strappi, come ci hanno detto, un'interlocuzione proseguirà e spero si comprenda che un'associazione è sfidante per cambiare, per essere innovativi, ciascuno per la sua parte»

Ultimi Video

Palinsesti TV